FOX  

Romolo + Giuly: la parodia di Street Fighter con Milano VS Roma

di -

Street Fighter ha cambiato il nostro mondo di videogiocatori, nei lontani anni '80. Allo stesso modo, Romolo + Giuly sta cambiando il panorama delle serie TV italiane, trent'anni più tardi.

34 condivisioni 0 commenti

Condividi

Ci sono scene che valgono un episodio. Questa, però, vale tutta una stagione. La geniale parodia di Street Fighter che mette Milano contro Roma (pardon: Milano VS Roma) non ha eguali nelle serie TV italiane.

Una sfida fra Maldini e Totti, la Madonnina e il Cupolone, l'aperitivo ai Navigli e il pranzo a Trastevere.

E poi, la sfida definitiva: la sfida 'sticazzi, il cui uso lombardo è radicalmente diverso (e snaturato, lo sappiamo ma continuiamo a usarlo) da quello romano. Proprio perché lo sappiamo, accettiamo con onore la sconfitta: non poteva che vincere Romolo.

Così come vince Romolo + Giuly: la guerra mondiale italiana quando si tratta di prendere in giro i luoghi comuni del Belpaese.

Street Fighter (anno domini 1987, e io c'ero, col mio joystick!) è stato uno dei primi e dei più popolari picchiaduro, un gioco che ha cambiato radicalmente l'esperienza di noi videogiocatori "preistorici".

Prima di internet, prima dei film con il titolo lasciato in lingua originale, prima - molto prima - dei cellulari e dei millennials, Street Fighter ti faceva sfidare "viesse" il tuo migliore amico.  Erano botte da orbi in cui nessuno si faceva male, salvo infortuni da joystick. E stiamo parlando di corpi contundenti del peso di 5 chili l'uno, perciò gli infortuni erano frequenti.

Allo stesso modo, più di trent'anni dopo, Romolo + Giuly è la prima serie TV italiana a inserire nei modi, nei contenuti e nei tempi della narrazione tutti i cambiamenti epocali che abbiamo vissuto.

Io e quelli della mia generazione, la stessa degli autori (noi siamo solo un pochino più grandicelli, ma poco...).

Le peculiarità di romani e milanesi diventano strumenti di lotta nella sfida VS la capitale d'Italia contro la sfidante del Nord, mentre il Sud - che la sa sempre più lunga - sta a guardare meditando la prossima mossa.

Così ricca di citazioni cinematografiche e televisive da diventare un quiz a premi, così piena di riferimenti alla politica, alla storia e all'attualità italiana da non perdere mai un colpo. Così italiana - troppo, troppo italiana, avrebbe detto Stanis La Rochelle - da essere già diventata di culto.

Con tutte le sue contraddizioni volutamente italiane. Troppo, troppo italiane.

I prossimi due episodi di Romolo + Giuly: la guerra mondiale italiana (episodi 5 e 6) vi aspettano lunedì prossimo solo su FOX

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.