FoxAnimation  

Nuovo logo per i 30 anni dei Simpson

di -

Dopo 30 anni Homer, Marge, Bart, Lisa e Maggie sanno farci ridere ancora. Siete pronti a festeggiare con i Simpson questo importante traguardo?

La famiglia Simpson in una scena della longeva serie I Simpson

165 condivisioni 0 commenti

Condividi

Continuano a collezionare successi e riconoscimenti, e nonostante la loro non più giovane età sono ancora sulla cresta dell'onda. Stiamo parlando dei giallissimi Simpson e della 30esima stagione ormai alle porte. Proprio così, l'irriverente serie d'animazione - creata da Matt Groening - il 30 settembre darà il via, sui canali FOX negli Stati Uniti, alla stagione numero 30. Per festeggiare l'importante traguardo, lo stesso Matt Groening (Futurama, Disincanto) ha disegnato un logo speciale per il 30esimo anno di Homer, Marge, Bart, Lisa e Maggie.

Il nuovo logo dei Simpson per la 30esima stagioneHDI Simpson

Di questa nuova stagione - inedita in Italia - non si sa molto, ma il primo episodio dovrebbe essere incentrato sul pestifero Bart. La longeva serie ha sempre vantato special guest di un certo livello e anche in questa nuova stagione non mancheranno i nomi illustri, come Gal Gadot ( Wonder Woman), Emily Deschanel (Bones) e Jonathan Groff (Glee). Un altro grandissimo traguardo è stato raggiunto lo scorso aprile con il 18esimo episodio della 29esima stagione, intitolato Forgive and Regret.

L'episodio in questione - che di fatto era il numero 636 dal primo andato in onda il 17 dicembre 1989 - ha permesso ai Simpson di diventare la serie più longeva di sempre nella fascia di prima serata americana. Il primato è stato strappato alla serie western Gunsmoke, fermatasi solo a 635 episodi.Andata in onda per 20 anni - dal 1955 al 1975 - Gunsmoke raccontava le storie dello sceriffo Matt Dillon nella cittadina di Dodge City e, in pieno stile Simpson, l'episodio che ne ha decretato il sorpasso inizia proprio con un omaggio alla serie western.

I numeri impressionanti di stagioni e di episodi sono solo alcuni dei traguardi raggiunti dai Simpson nel corso degli anni. Basti pensare ai 33 Emmy Award ottenuti nella lunga carriera e la stella guadagnata nella Hollywood Walk of Fame

Ma il successo della famiglia di Springfield si misura non soltanto grazie a premi e primati raggiunti, ma anche tramite l'impatto culturale, la riproduzione degli stessi in videogiochi, giochi di società e fumetti, la produzione di un film e il merchandising.

I Simpson sono ovunque!

Hanno influenzato il linguaggio della società moderna coniando neologismi - come l'espressione tipica di Homer "D'oh" - o frasi ricorrenti come "Ciucciati il calzino" di Bart o "Eccellente" del Sig. Burns e hanno ispirato serie d'animazione e sitcom degli anni '90.

Sono diventati qualsiasi prodotto vendibile come giochi da tavolo, action figures, t-shirt e gadget di ogni genere. Ma la cosa sorprendente è stata anche l'influenza di posti e personaggi di Springfield nella vita reale, Basti pensare alla famosa Taverna di Boe riprodotta in Florida o il Jet Market di Apu in Carolina.

Tanto successo attira anche tante polemiche ed è quello che è accaduto di recente, riguardo proprio il personaggio di Apu. Il nostro indiano stacanovista è entrato nel mirino di Hari Kondabolu, diventando il protagonista del documentario intitolato The Problem with Apu.

Nello speciale - andato in onda nel 2017 - veniva evidenziato come il personaggio di Apu fosse un insieme di luoghi comuni spesso offensivi.

Il polverone mediatico nato dalla perplessità di Kondabolu circa l'influenza negativa che lo stereotipo di Apu possa avere sulla società non si è placato facilmente, neanche dopo la risposta irriverente e al limite del politicamente corretto data dallo stesso Groening nell'episodio intitolato No Good Read Goes Unpunished.

I Simpson continueranno a far parlare di sé per molto tempo ancora, a partire dal 30 settembre negli USA con l'avvio della 30esima stagione. Nel frattempo in Italia, su Fox Animation, va in onda la 29esima stagione - inedita nel nostro Paese - piena di episodi significativi come quello che ha reso Homer e family la serie più longeva di sempre.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.