FOX  

The Walking Dead, nel cuore della stagione 9

di -

Che sia la stagione del cambiamento, è indubbio. Con l'uscita di scena del protagonista, bisognerà trovare il modo per rendere interessante, ma soprattutto credibile, la narrazione. Ecco uno speciale su The Walking Dead 9.

341 condivisioni 0 commenti

Condividi

Astonishing, stupefacente. Con questo aggettivo Andrew Lincoln definisce ciò che succederà nei nuovi episodi di The Walking Dead, quelli della stagione 9, in prima assoluta su FOX da lunedì 8 ottobre. Insieme alla produttrice Gale AnneHurd, alla nuova showrunner Angela Kang - già produttrice esecutiva e sceneggiatrice - e a diversi altri membri del cast artistico e tecnico, ci viene annunciata una stagione in stile "cowboy e zombie".

Apre un nuovo capitolo.

Angela Kang chiarisce ciò che già sapevamo: dopo lo scorso finale di stagione, tutto è diverso. Saremo immersi in un mondo nuovo, con nuovi meccanismi relazionali e nuovi modi di affrontare le difficoltà.

Il mondo si è evoluto, così sarà interessante vedere come i protagonisti vi si adatteranno.

Anche Danai Gurira (Michonne) crede che l'evoluzione dei personaggi, in base alla nuova situazione (risorse che vanno create perché quelle esistenti sono terminate, collaborazione pacifica fra le comunità, inarrestabile degrado delle strutture costruite dall'uomo prima dell'apocalisse zombie...), sarà il vero punto di forza.

Credo che ciò che i fan ameranno di più di questa stagione sarà la quantita di ciò che succede: ci sono tonnellate di cambiamenti. Lauren Cohan (Maggie) sa bene che uno di questi cambiamenti riguarderà il suo personaggio, e che le sorprese saranno tante. Soprattutto dopo la dichiarazione di guerra che Maggie ha rivolto a Rick e Michonne, ma solo al cospetto di chi considera i suoi alleati.

Maggie cerca vendetta, Rick cerca la pace. Inevitabile lo scontro.

Non importa cosa succede: è nella natura umana unirsi.

Le parole di Rick Grimes in questa anticipazione dei nuovi episodi rappresentano il senso di ciò che ha spinto Rick a smettere di fare la guerra ai Salvatori e a risparmiare Negan. Le parole del suo interprete, invece, che come sappiamo da tempo lascerà la serie entro la prima parte della nuova stagione, hanno più a che vedere con una sorta di giustificazione della scelta personale compiuta:

Nessuno è più importante della storia.

Il che, in The Walking Dead, può anche essere stato vero: abbiamo perso molti personaggi. Inclusi personaggi amatissimi. In un mondo dominato dagli zombie, nessuno è davvero al sicuro.

Tranne Rick Grimes: lui, l'uomo scelto per guidare noi e i sopravvissuti nel nuovo mondo, uscirà di scena per esclusiva volontà di Lincoln. Perché c'è stato un solo personaggio più importante della storia, finora. E senza Rick, sarà interessante (e spero non troppo deludente) scoprire in che modo verrà portata avanti la narrazione...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.