FOX

[Spoiler!]

Insidious 3 - L'inizio - trama e spiegazione del finale del film

di -

Insidious 3 - L'inizio è il terzo film del franchise di Insidious, sebbene cronologicamente sia un prequel agli altri due film diretti da James Wan. Ecco la trama e la spiegazione del finale della pellicola.

Una scena di Insidious 3 - L'inizio Blumhouse

2 condivisioni 0 commenti

Condividi

Diretto da Leigh Whannell nel 2015, Insidious 3 - L'inizio è il terzo capitolo di una trilogia cinematografica cominciata con Insidious, nel 2010, e proseguita con Oltre i confini del male - Insidious 2 nel 2013, entrambi diretti da James Wan.

Nonostante sia stato realizzato dopo questi ultimi due film, Insidious 3 - L'inizio è un prequel, e rappresenta il primo capitolo della storia. La pellicola ha ottenuto un buon successo commerciale, arrivando ad incassare oltre 113 milioni di dollari al box office mondiale a fronte di un budget di produzione di circa 10 milioni di dollari.

Insidious 3 - L'inizio: la trama

Ancora prima degli eventi riguardanti la famiglia Lambert, Elise Rainier accetta con una certa riluttanza di usare il suo potere psichico per aiutare Quinn Brenner, un'adolescente presa di mira da un'entità soprannaturale molto pericolosa e potente.

La giovane vorrebbe che Elise l'aiutasse a mettersi in contatto con la madre, morta l'anno precedente a causa di un cancro. Inizialmente, Elise si rifiuta di aiutare Quinn nel timore di essere uccisa da un demone che la tormenta e che le ha promesso di essere la causa della sua morte. Nonostante ciò, Elise decide infine di aiutare Quinn e tenta di evocare sua madre, Lilith Brenner. La donna finisce però nella mani della Sposa in Nero, che tenta di strangolarla. Elise dice allora a Quinn di non poterla aiutare.

In seguito, Quinn comincia ad avvertire un'inquietante presenza che finge di essere sua madre. Investita da un'automobile, viene costretta su una sedia a rotelle e a un'assistenza continua da parte di suo padre. Elise riuscirà a scoprire che la presenza che tormenta Quinn è L'uomo che respira, un demone che ha causato già altri decessi nel palazzo dove vive Quinn spingendo le sue vittime a suicidarsi e che si è già appropriato di metà dell'anima della giovane...

Insidious 3 - L'inizio: il finale

Il finale di Insidious 3 - L'inizio lascia intendere il collegamento al film Insidious del 2010 (che come abbiamo accennato rappresenta cronologicamente il secondo film del franchise horror).

Attenzione! Possibili spoiler!

Elise entra di nuovo nell'Altrove per aiutare Quinn avvalendosi dell'aiuto di Specs e Tucker, che ha appena conosciuto. 

Qui, viene nuovamente assalita da Parker Crane ma, ricordando ciò che le aveva detto il suo amico Carl, riesce a liberarsi di lui. Portata la ragazza davanti al suo corpo reale, Elise si risveglia ma Quinn è stata catturata dal demone. Giunge in aiuto l'anima di Lilith, madre di Quinn, che aiuta sua figlia a capire di dover tornare nel mondo reale e che l'Altrove non è il posto in cui deve stare. 

Elise capisce di essere più forte di demoni ed entità maligne. In virtù del fatto che lei, al contrario dei morti ha ancora una vita, decide di mettersi in affari con Tucker e Specs e di dare dunque il via alla sua attività di medium.

Una piccola curiosità: nell'ultimissima scena del film vediamo comparire dietro Elise il demone dalla faccia rossa, che apparirà anche in Insidious del 2010 e in altre pellicole dell'universo horror creato da James Wan come The Conjuring - Il caso Enfield

Che ne dite? Vi è piaciuto il finale di Insidious 3 - L'inizio o avete preferito la tensione e il patos degli altri due film realizzati da James Wan?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.