FOX  

I momenti epici di The Walking Dead, N.35: Morgan è vivo!

di -

In un viaggio verso il passato, Rick ritrova l’uomo che gli aveva salvato la vita nell’episodio pilota. Morgan Jones è vivo, ma ha perso il senno…

174 condivisioni 0 commenti

Condividi

In cerca di armi, provviste e qualsiasi altra cosa possa essere utile al gruppo, Rick si dirige nei pressi del luogo in cui viveva prima dell’apocalisse di The Walking Dead. Con lui ci sono Carl - determinato a recuperare un oggetto personale, una foto di Lori da mostrare alla piccola Sophia - e Michonne.

Questo episodio, uno fra i più suggestivi dell’intera serie, segna un momento importante. Per la prima volta, Rick Grimes capisce che in Michonne può trovare un’alleata preziosa. La donna salva la vita a Carl, dimostrandosi valorosa e leale.

Rick, che da quando l’ha accolta alla prigione non ha ancora avuto modo di capirla davvero, finalmente può tirare un sospiro di sollievo: Michonne è dalla sua parte. Di lei ci si può fidare. La costruzione del futuro rapporto di fiducia - e in seguito di amore - fra i due inizia in questo episodio.

Ma l’evento clou è un altro: dopo averlo cercato a lungo, e avergli parlato via radio senza nemmeno sapere se avrebbe mai avuto una risposta, Rick ritrova Morgan. L’uomo che gli aveva aperto la porta della sua casa, accogliendolo e spiegandogli la situazione subito dopo il risveglio in ospedale.

L'unico vivente incontrato dal protagonista in un mondo devastato e dominato dai morti viventi.

Morgan Jones è la prima faccia amica incontrata da Rick Grimes, e il nostro leader non l'ha dimenticato. Ma Morgan Jones è anche l'uomo che non aveva avuto il coraggio di sparare alla moglie trasformata in zombie, pagando per questo il prezzo più alto: la preziosa vita del figlio Duane. Morgan Jones. L’uomo che ha perso il senno e aggredisce Rick con un coltello.

L’uomo che Rick è determinato a salvare, e che grazie a lui tornerà in sé. Perché Rick Grimes paga sempre i propri debiti.

Ora, finalmente, conosce il destino di Morgan Jones. E sa di aver fatto tutto ciò che poteva per aiutarlo.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.