Top Gun: Maverick, Michael Ironside non sarà nel sequel per una lite con il produttore

di -

L'interprete del tenente istruttore Jester ha spiegato a The Hollywood Reporter il motivo per cui non tornerà nel sequel Top Gun: Maverick.

Michael Ironside è l'istruttore pilota Jester in Top Gun Paramount Pictures

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Top Gun: Maverick vedrà nuovamente l'asso dei cieli Pete Mitchell volare sullo schermo. Il sequel del cult d'azione del 1986 diretto da Tony Scott sancirà il ritorno di Tom Cruise al ruolo che lo elesse star hollywoodiana, oltre che icona di stile (ricordate i suoi Ray Ban aviator, i jeans a vita alta e il mitico G1 di pelle?).

34 anni dopo quell'incredibile storia di bulli e pupe tra i banchi della United States Navy Fighter Weapons School - la pellicola, la cui regia è affidata a Joseph Kosinski, arriverà infatti nei cinema statunitensi il 26 giugno 2020 distribuita da Paramount Pictures - torneremo con Cruise in sella a moto rombanti e a bordo di caccia sempre più tecnologici.

Il seguito di Top Gun, però, potrà contare su pochissimi ritorni eccellenti: oltre  a Cruise, ritroveremo infatti solo l'Iceman Kazinsky di Val Kilmer. Di sicuro il personaggio di Goose - interpretato da Anthony Edwards - farà capolino sotto forma di flashback o ricordi fotografici, ma il resto del cast del film del 1986 non figurerà in Top Gun: Maverick, a cominciare da Michael Ironside, il tenente istruttore "Jester". Lo stesso attore ha svelato i motivi della sua assenza a The Hollywood Reporter.

Sotto la quota stabilita

Ironside non riprenderà il suo ruolo in Top Gun: Maverick. Il motivo dell'esclusione? Un malinteso fra l'attore e il produttore Jerry Bruckheimer (via Comic Book):

"Mr. Bruckheimer e io non andiamo d'accordo, o almeno così stavano le cose. Mi offrì un progetto 10 o 12 anni fa, forse a causa di un malinteso risposi di no. Non mi piaceva la sceneggiatura e altre robe. Mi chiese se me la sentissi di farlo. Risposi: 'Non mi sentirei a mio agio, c'è qualcos'altro che potrei fare?'. In seguito, lo incontrai ad una partita di hockey ... sono andato incontro dicendogli: 'Hey Jerry,'. Si voltò senza nemmeno salutarmi. Lì realizzai di aver chiuso con lui.

Ironside, però, ha aggiunto di non nutrire affatto rancore nei confronti di Bruckheimer (definito come un producer "che va sempre al massimo, che prende di continuo decisioni basate sulla propria esperienza e sul proprio modo di vedere le cose"), confessando poi di essere un fan del film e di Tom Cruise: 

Non vedo l'ora che arrivi questo nuovo film perché avrà a che fare con i progressi tecnologici e le loro applicazioni in ambito militare. Con droni e cose del genere, non sei più coinvolto emotivamente nell'uccisione di qualcuno. È come lavorare alla tastiera di un pc da casa: potresti aver ucciso 140 persone quel giorno senza neppure accorgertene. Spero che la sceneggiatura stia andando in questa direzione.

Le riprese di Top Gun: Maverick sono tuttora in corso a San Diego. Nei giorni scorsi abbiamo dato un primo sguardo a Cruise nei panni del tenente Mitchell in sella ad una Kawasaki Ninja. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.