Winamp, il lettore musicale tornerà con una nuova versione nel 2019

di -

Il celebre player di file musicali si prepara a tornare in scena con l'obiettivo di integrare diversi servizi audio in un'unica soluzione.

Il nuovo logo di Winamp Radionomy

382 condivisioni 0 commenti

Condividi

Direttamente dai primi anni 2000, torna alla ribalta Winamp. Il celebre lettore di file audio che ha accompagnato gli utenti alla scoperta dei file .mp3 sarà infatti protagonista nel prossimo anno, con l’arrivo di una nuova versione completamente aggiornata e rivisitata.

Winamp, storico lettore di file musicaliHDRadionomy

Secondo quanto riportato da Tech Crunch, la compagnia che al momento possiede Winamp, Radionomy, vorrebbe fare le cose in grande. A questo proposito, il CEO Alexandre Saboundjian ha spiegato che l’obiettivo dell’operazione è quello di creare non un semplice programma in grado di leggere file audio, ma una vera e propria piattaforma multimediale:

Ci sarà una versione completamente nuova di Winamp il prossimo anno. Porterà con sé l’eredità delle iterazioni precedenti ma proporrà un’esperienza di ascolto del tutto originale.

A chi gli chiedeva il perché di questa operazione, Saboundjian ha risposto svelando quali siano i veri piani della compagnia per Winamp:

La gente vuole una singola esperienza di ascolto, su un’unica piattaforma. Penso che Winamp sia il player musicale perfetto in questo senso. Vogliamo che la gente abbia il nostro software su ogni device. Si potranno ascoltare gli mp3 che hai scaricato sul computer di casa, ma anche i file musicali in cloud, e ancora podcast, stazioni radio in streaming e le playlist che hai creato.

Si tratta certamente di obiettivi ambiziosi. Engadget, a questo proposito, sottolinea che i piani di Radionomy dovranno per forza scontrarsi con la realtà dei fatti. Bisognerà capire, in altre parole, in che modo piattaforme come Spotify e Apple Music decideranno di integrare i propri servizi con il nuovo Winamp, e non è detto che si arrivi a un punto di incontro. Saboundjian, su questo aspetto, pare sicuro della bontà dell’operazione:

Quello che vedo oggi è che si deve saltare da un player all’altro, o da un aggregatore all’altro, se vuoi sentire una stazione radio o un podcast. Per me, questa non è l’esperienza utente perfetta.

Mancano, inoltre, le informazioni su uno degli aspetti che in passato ha fatto entrare Winamp nel cuore del grande pubblico, ovvero la personalizzazione. Nei periodi di maggior splendore, il lettore musicale poteva contare su centinaia di skin differenti, e modificarne l’aspetto risultava molto semplice anche per un utente poco smaliziato. Su questo aspetto, Radionomy non si è ancora espressa.

I piani per il futuro immediato

In attesa dell’arrivo della nuova versione del lettore musicale, che presumibilmente sarà chiamata Winamp 6, gli affezionati al progetto Radionomy possono scaricare già da ora la versione 5.8, disponibile ufficialmente dal 18 ottobre sul sito ufficiale. L’aggiornamento porta con sé fix che migliorano l’esperienza utente su Windows 10, oltre che l'eliminazione di tutte le opzioni a pagamento delle precedenti versioni. Il CEO Saboundjian, a questo proposito, spiega perché Radionomy ha ancora intenzione di continuare a sviluppare il software:

Gli utenti di Winamp sono dappertutto. Sono tantissimi. Abbiamo una forte community, ma al di fuori di questa tutti pensano che Winamp sia ‘morto’. Non è per niente così.

La versione moderna del logo di WinampHDRadionomy

Cosa ne pensate? Winamp è ormai fuori dal mercato, o può ancora continuare a dire la sua nell'ambito dei riproduttori di file audio?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.