FoxAnimation

Pinocchio diventerà un musical in stop-motion grazie a Guillermo Del Toro

di -

Guillermo Del Toro continua la sua collaborazione con Netflix. Il regista, vincitore di un Premio Oscar, produrrà e dirigerà Pinocchio in una versione musicale in stop-motion.

Guillermo Del Toro durante la premiazione degli Oscar Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Condividi

Guillermo Del Toro è pronto per una nuova avventura con Netflix. Fresco vincitore del premio Oscar nel 2018 come miglior regista per The Shape of Water, il regista messicano si appresterà a dirigere il suo primo lungometraggio animato della sua carriera. Si tratta di Pinocchio, il racconto di Collodi che ha segnato tantissime generazioni di bambini e che ha avuto vari adattamenti cinematografici nel corso degli ultimi 100 anni: dal primo Pinocchio del 1911 (film muto), interpretato da Ferdinand Guillaume e diretto da Giulio Antamoro, passando per il cartone animato di Disney del 1940, fino a quello di Benigni del 2002, interpretato dallo stesso comico toscano.

Ora il fortunato racconto di Collodi trova un'altro adattamento del tutto originale: diventerà un musical in stop-motion. È questa l'idea di Guillermo Del Toro ma non è l'unica novità. Il racconto sarà calato in una dimensione diversa dal testo originale. Infatti, vedremo Pinocchio muovere i suoi passi nell'Italia fascista, a cavallo degli anni '30, e confrontarsi con l'atmosfera pesante del regime totalitario. Un elemento caro a Guillermo Del Toro che ci ha già abituato a immergere le sue storie sullo sfondo di regimi totalitari. Ricordiamo, per esempio, La spina del diavolo (2001) e Il labirinto del Fauno (2006) ambientati entrambi nella Spagna sotto il regime franchista.

Pinocchio e Guillermo Del Toro: un amore lungo una vita

Questo progetto arriva da lontano. Guillermo Del Toro ha in mente qualcosa su Pinocchio dagli inizi degli anni 2000 ma lo accantonò temporaneamente per concentrarsi su altri progetti. Successivamente, intorno al 2012, aveva parlato con Entertainment Weekly della sua versione personale del burattino più famoso del mondo. Una versione dark ambientata, appunto, durante il Fascismo. Finalmente, nel 2018, il sogno si realizza grazie a Netflix che abbraccia il suo progetto. In un comunicato stampa il regista messicano ha sottolineato la sua gioia rivelando il suo infinito legame con Pinocchio:

Nessuna forma d'arte ha influenzato la mia vita e il mio lavoro più dell'animazione e nessun singolo personaggio nella storia ha avuto un legame profondo con me come Pinocchio. Volevo fare questo film da quando posso ricordare.

Insomma, una vera e propria devozione verso il burattino di legno che sogna di diventare un bambino.

Netflix e Guillermo Del Toro: la collaborazione continua

È una felice collaborazione quella tra il regista di The Shape of Water e la piattaforma streaming Netflix. Tutto ha avuto inizio con Trollhunters - I racconti di Arcadia, serie animata creata insieme a Daniel Kraus, per cui Guillermo Del Toro ricopre anche il ruolo di produttore esecutivo, il cui enorme successo ha prolungato la collaborazione con Netflix. Infatti, sono state ordinate altre due serie, 3Below e Wizards, che andranno a formare la trilogia dei racconti di Arcadia, che usciranno, la prima questo dicembre mentre la seconda nel 2019. Oltre a questo enorme progetto che si sposa con la volontà di Netflix di puntare molto sull'animazione per bambini, la collaborazione si è arricchita con l'ordine di una serie horror antologica in live-action Guillermo Del Toro Presents 10 After Midnight.

E ora arriverà anche il musical in stop-motion di Pinocchio. Guillermo Del Toro sarà aiutato in regia da Mark Gustafson, mentre nella sceneggiatura da Patrick McHale, famoso per Over The Garden Wall. Per quanto riguarda la scenografia, se ne occuperà Guy Davis, che ha già lavorato per Del Toro in Crimson Peak e Pacific Rim, mentre le marionette saranno costruite da Mackinnon & Saunders, l'azienda che parteciperò alla lavorazione de La Sposa Cadavere. Inoltre Guillermo Del Toro collaborerà con Jim Henson Company e ShadowMachine, quest'ultima creatrice di Bojack Horseman. Infine, Lisa Henson, Alex Bulkley di ShadowMachine, Corey Campodonico e Gary Ungar di Exile Entertainment produrranno il film, e Blanca Lista lo co-produrrà.

La produzione inizierà quest'autunno.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.