FOX

Daniel Radcliffe: 'I bambini non mi riconoscono come Harry Potter'

di -

Quando diciamo il suo nome, pensiamo immediatamente a Harry Potter, ma Daniel Radcliffe è cresciuto, ha smesso i panni del maghetto molto tempo fa e adesso non viene più riconosciuto dai giovanissimi fan.

2k condivisioni 0 commenti

Condividi

La carriera di Daniel Radcliffe è iniziata con Harry Potter e la pietra filosofale. Allora (era il 2001), l'attore londinese aveva undici anni. Adesso Daniel di anni ne ha 29, e ha ammesso che molti giovani fan dei film faticano a riconoscerlo.

Il Telegraph riporta che durante un'intervista per il programma Morning Joe, Radcliffe ha raccontato di essere stato sorpreso nello scoprire che la nuova generazione di appassionati di Harry Potter non vede in lui i tratti del maghetto che lo ha reso famoso.

A volte mi capita di incontrare dei bambini, i loro genitori li spingono verso di me dicendo: 'Lui è Harry Potter'. E i bambini dicono: 'No, non è lui'.

La saga di Harry Potter, creata dalla sapiente penna di J.K. Rowling, ha compiuto 20 anni nel 2017 e la sua popolarità continua a crescere. Sempre più generazioni crescono con le avventure di Harry, Hermione e Ron, e Daniel Radcliffe ne è pienamente consapevole.

È strano, ma anche genuinamente bello quando qualcuno mi si avvicina per dirmi: 'sei stato una parte importante della mia infanzia'. Per me si è trattato de I Simpson, e pensare di occupare lo stesso posto nella vita di qualcun altro è pazzesco e meraviglioso al tempo stesso. Sono stato incredibilmente fortunato a aver ottenuto successo grazie a Harry Potter, non smetterò mai di dirlo.

Radcliffe ha messo via la bacchetta da tempo oramai, ma le esperienze fatte sul set dei film di Harry Potter le porterà sempre con sé, così come le amicizie nate con gli altri membri del cast. 

Di recente Tom Felton, interprete del rivale Draco Malfoy, ha mostrato, tramite un post su Instagram, tutto il suo supporto per l'amico, impegnato a Broadway con uno spettacolo intitolato The Lifespan of a Fact, basato sull'omonimo libro di John D'Agata e Jim Fingal, che narra la storia di un ragazzo di sedici anni morto suicida a Las Vegas.

Forza, Dan: sarai sempre il nostro Harry!

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.