FOX  

Andrew Lincoln parla del suo ruolo in The Walking Dead prima dell'addio

di -

Andrew Lincoln ha pubblicato una lettera rivolta alla stampa, per ringraziare i giornalisti che hanno seguito The Walking Dead e per dire addio al ruolo di Rick Grimes. Il ruolo che gli ha cambiato la vita.

920 condivisioni 1 commento

Condividi

Ha voluto scrivere una lettera alla stampa, Andrew Lincoln, rendendo omaggio al ruolo che gli ha cambiato la vita. E ha aggiunto, inviandola a diversi giornalisti statunitensi, una copia autografata del copione dell'episodio 9x05 di The Walking Dead: il suo ultimo episodio nei panni di Rick Grimes.

L'episodio in onda stasera su FOX, in prima assoluta.

Andrew Lincoln ha deciso di lasciare la serie che l'ha reso una star internazionale per motivi famigliari. L'uscita di scena del protagonista non era prevista, ma la produzione si è dovuta adeguare e gli sceneggiatori sono stati chiamati a pensare all'uscita (anche piuttosto in fretta, visto che Rick non voleva arrivare nemmeno al midseason finale).

Stiamo per scoprire come avverrà quell'uscita. Nel frattempo, ecco il testo integrale della lettera, pubblicata sul sito di Skybound, la casa editrice di The Walking Dead fondata da Robert Kirkman.

Grazie...

Per essere venuti con noi lungo questo viaggio.

Per i nove anni di paura, angoscia, rabbia e - ammettiamolo, ragazzi - l'avete mostrato attraverso questi 115 episodi e oltre.

E grazie per i servizi resi al giornalismo, che vanno ben oltre qualsiasi livello civile di resistenza umana.

Per aver capito che, nonostante l'elevato numero di non morti, questa è in realtà una storia continua su ciò che significa essere vivi. Una storia di speranza, famiglia e amicizia. Persone senza nulla in comune che scoprono di avere tutto in comune. Uniti nella loro ricerca di umanità e di un posto da chiamare casa. Una storia che ha forse ancora più rilevanza ora di quando è iniziata.

È stato il ruolo più eccitante, stimolante e soddisfacente della mia carriera - e per la parte maggior parte dell'ultimo decennio, la più grande avventura della mia vita professionale. Questa stagione sembra lo show di cui mi sono innamorato molti anni fa, e sembra il mondo verso cui ci stavamo dirigendo quando abbiamo confezionato l'episodio pilota.

In base a un mio conteggio approssimativo, ho ucciso oltre 400 zombie durante l'apocalisse. Ho perso un cavallo, trovato un cavallo. Ho perso una ragazza... E non è finita bene. Ho mangiato un cane, una volta. Ho indossato un poncho fatto di carne due volte.  Sono fuggito da un gruppo di cannibali hipster. Per non parlare del fatto che mi hanno sparato due volte, picchiato con una mazza da baseball, pugnalato tre volte, che ho azzannato la gola di un uomo (mi dispiace - è stato strano - e sapeva di pollo), e mi sono risuolato gli stivali da cowboy... Dodici volte.

Abbiamo iniziato come un film indipendente, e anni dopo è diventato un acronimo di tre lettere (wtf?). E lungo la strada, abbiamo avuto il piacere unico di incontrare gli appassionati di zombie in tutto il nostro bellissimo pianeta blu. Da Tokyo a Trinidad, le persone sono state unite dal loro amore per questa storia di sopravvivenza... E dai capelli straordinariamente sensuali di Norman Reedus.

È stata una corsa sfrenata, modellata dal rapporto tra lo spettacolo e i fan dello spettacolo, e in non piccola parte da voi brava gente della stampa.

Non vedo l'ora di seguire la vostra copertura dello show e dei miei amici ad Atlanta per le stagioni a venire - quello che hanno pianificato è piuttosto incredibile.

Quindi grazie.

Per tutto questo.

Per il buono, il cattivo... E naturalmente, non saremmo una stampa libera... Senza il brutto.

Fino a quando le nostre strade si incroceranno di nuovo.

Restate calmi e portatevi dietro un machete rosso...

Andrew Lincoln

Con queste parole Andrew Lincoln, classe 1973, conosciuto prima di The Walking Dead per il film Love Actually - L'amore davvero e (da me, almeno) per la splendida serie soprannaturale Afterlife, si congeda dal personaggio che ha dato una svolta alla sua vita e alla sua carriera.

Come molti altri prima di lui - lasciatemelo dire, visto che faccio parte anch'io di quella "brava gente della stampa" che ha seguito la serie per 9 anni - ora dovrà affrontare l'annoso problema. Ovvero: come rapportarsi, nelle future interviste, alle inevitabili domande sul personaggio di Rick.

Molti anni fa, in Italia per presentare The Grudge - quando la sua Buffy era ancora il motivo per cui battevano i cuori dei suoi fani - Sarah Michelle Gellar fece sapere prima della conferenza stampa che non avrebbe accettato domande su Buffy. Ed è uno dei molti esempi di cui sono stata personalmente testimone. Vedremo cosa farà Andrew Lincoln, che ha già dichiarato di volersi cimentare con il ruolo di regista per The Walking Dead.

Una cosa - facendo parte di quella "brava gente della stampa" da tanti anni - è sicura: rinnegare il ruolo che ti ha regalato fama, popolarità e potere contrattuale non è mai una buona idea.

La storia lo dimostra.

Speriamo che Andrew Lincoln lo capisca.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.