FOX

Paranoid: il nuovo horror game dagli autori di Agony

di -

Dopo il controverso Agony, Madmind Studios ci riprova con un nuovo survival horror. Ambientato alla fine degli anni '80, Paranoid ci costringerà a giocare con gli squilibri emotivi della mente del protagonista Patrick Calman.

Paranoid ci porterà in una terrificante magione infestata dai demoni Madmind Studios

33 condivisioni 0 commenti

Condividi

Quando i ragazzi di Madmind Studios annunciarono al mondo il loro Agony fummo in tanti a guardare a questo interessante videogioco horror infernale con occhio speranzoso. 

Nei panni di un'anima dannata eravamo chiamati - su PC, PlayStation 4 e Xbox One - a salvare noi stessi dalla dannazione eterna, facendoci strada tra diversi e terrificanti gironi nel tentativo di fuggire da un luogo fatto di pene, atrocità e sofferenza. Purtroppo qualcosa, o quasi tutto, è andato storto, e Agony si è rivelato un titolo claudicante per gameplay, narrazione e meccaniche di gioco più in generale.

Il team di sviluppo non si è però dato per vinto. Dopo aver avviato i lavori per una conversione di Agony su Nintendo Switch e dell'edizione Unrated - senza censure - solo per i lidi di Steam, la compagnia polacca ha infatti alzato il sipario sul suo nuovo progetto. Si tratta ancora una volta di un horror game, il survival Paranoid, destinato ai nostri PC e in uscita nei prossimi mesi.

Già dai primi video (sparsi in questo stesso articolo per attentare alle nostre coronarie), il videogame sembra mantenere alcuni punti in comune con Agony a livello di gameplay mentre l'atmosfera, seppur altrettanto opprimente e disturbante, è decisamente diversa.

Paranoid: un horror ''di famiglia''

Ambientato cronologicamente alla fine degli anni '80, Paranoid deve il suo nome agli squilibri emotivi provocati nella mente del protagonista Patrick Calman dalla morte prematura dei suoi genitori e dalla misteriosa richiesta di aiuto inviatagli per telefono dalla sua amata sorellina.

Stando a quanto comunicato da Madmind Studios, la famiglia di Patrick è stata brutalmente assassinata, mentre la sorella è misteriosamente scomparsa nel nulla. Tredici anni dopo, sarà proprio la sua chiamata a trascinarlo in un baratro di follia, costretto a vivere nella casa lasciata in eredità dai suoi familiari e ad affrontare i suoi demoni (letteralmente!) prima che questi ultimi si approprino della sua anima e lo utilizzino per invadere il piano dimensionale degli esseri umani.

E se è vero che la narrazione non pare offrire guizzi particolarmente originali, ad ammaliare di Paranoid è la sua impostazione ludica, davvero molto simile a quella di P.T., demo del progetto Silent Hills di Hideo Kojima e Konami - che non ha però mai visto la luce sugli scaffali di tutto il mondo.

Vagheremo allora per stretti corridoi e stanze apparentemente ''possedute'', scoprendo man mano come una banale abitazione possa trasformarsi nel peggior nemico di una mente già fragile. E come quella stessa fragilità possa rappresentare l'unico nostro appiglio alla realtà, per trionfare su paure e creature indemoniate.

Paranoid è attualmente previsto per PC ma, al momento in cui vi scriviamo, Madmind non ha annunciato alcuna data di uscita. Non è poi da escludere, come avvenuto per il ''cugino'' Agony, il successivo debutto su PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch, qualora questa nuova esperienza survival horror dovesse riscuotere il successo sperato dai suoi ideatori.

Voi cosa ne pensate, Paranoid riuscirà a far perdonare le mostruosità ben poco riuscite di Agony? Lo attendete anche voi con una buona dose di curiosità?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.