FOX

I Satanisti fanno sul serio: la causa contro Sabrina è per 50 milioni di dollari

di -

I Satanisti procedono con l'azione legale contro Le Terrificanti Avventure di Sabrina. E fanno sul serio.

2k condivisioni 2 commenti

Condividi

I Satanisti hanno intenzioni serie nella loro battaglia contro Le Terrificanti Avventure di Sabrina.

Come vi abbiamo riportato qualche giorno fa, Lucien Greaves, il portavoce del vero tempio satanico, aveva accusato la serie Netflix di dipingere la sua religione in modo sbagliato, di usare falsi stereotipi e di essersi appropriata, senza permesso, di una statua simbolo del tempio.

La statua in questione (che potete vedere nell'immagine) rappresenta Bafometto, un idolo pagano e simbolo del vero Tempio Satanico.

L'organizzazione ha intentato una causa nei confronti di Netflix e Warner Bros. (che produce la serie), chiedendo danni per 50 milioni di dollari. Una cifra esorbitante che, secondo l'avvocato del Tempio Bruce Lederman, sarebbe più che giustificata. Per l'accusa, infatti, la serie sarebbe colpevole di violazione del copyright e di appropriazione culturale.

Un'immagine da Le Terrificanti Avventure di SabrinaNetflix
Le Terrificanti Avventure di Sabrina: un'immagine promozionale

Nello show, il monumento in questione è posto nella scuola di magia che frequenta Sabrina. Secondo il vero tempio satanico, gli adoratori della chiesa della notte nella serie vengono considerati antagonisti e - in generale - Satana viene visto come villain.

Il vero tempio, inoltre, pensa che sia sbagliato porre la statua di Bafometto in un contesto negativo. Ne Le Terrificanti Avventure di Sabrina, il monumento è al centro di un luogo associato con il male, il cannibalismo e l'omicidio.

Il portavoce del Tempio Satanico, Lucien Greaves, ha anche spiegato meglio i motivi della causa, scrivendo: "Le persone accetterebbero uno show che usa una moschea come quartier generale di una cella terroristica?".

Secondo il Tempio, dunque, Le Terrificanti Avventure di Sabrina sarebbe responsabile di appropriazione culturale e di violazione del copyright.
Voi cosa ne pensate?

Fonte: Deadline

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.