FOX

Samsung Project Pontis, la tecnologia per controllare la TV con il cervello

di -

Project Pontis è una nuova tecnologia di Samsung, in collaborazione con la EFPL, che consente alle persone con limitazioni fisiche di controllare le TV con gli impulsi cerebrali e lo sguardo.

Immagine stampa di Project Pontis Samsung

45 condivisioni 0 commenti

Condividi

Quando si parla di Samsung, non si parla solo di smartphone. Il colosso tech sud-coreano sta infatti sviluppando un'innovativa tecnologia che permette di controllare la TV con gli impulsi cerebrali.

La ricerca, chiamata Project Pontis, ha lo scopo di rendere i televisori a marchio Samsung più accessibili alle persone con handicap fisici, come la tetraplegia, per permettere loro di cambiare canale o alzare/abbassare il volume con il cervello.

Il progetto è partito tre mesi fa, in collaborazione con la Scuola politecnica federale di Losanna (EPFL), in Svizzera. Una dimostrazione del secondo prototipo di TV è stata mostrata alla Developer Conference 2018 di San Francisco, tenutasi il 7 e l'8 novembre.

Di seguito il commento di Ricardo Chavarriaga, uno scienziato della EPFL che ha lavorato a stretto contatto con Samsung:

Possiamo fornire accessibilità alle persone che non possono muoversi o che hanno estreme limitazioni nei movimenti. Stiamo realizzando una tecnologia più complessa e più intelligente, ma non dovremmo dimenticare che questa deve interfacciarsi con gli esseri umani.

Il primo passo è la realizzazione di un software per TV gestibile tramite impulsi cerebrali. Per la raccolta di quest'ultimi, utili per costruire un modello e applicare il machine learning, l'utente deve indossare una cuffia con 64 sensori collegati a un computer che riporta i comandi direttamente sulla TV. Un ruolo importante hanno anche gli occhi, i cui movimenti sono seguiti da un apposito tracker.

Foto scattata durante la dimostrazione di Project Pontis alla SDC 2018HDSamsung / CNET
La cuffia munita di sensori necessaria per il funzionamento di Project Pontis

Ma Samsung e la EFPL stanno lavorando ad un sistema ancora più avanzato, basato esclusivamente sugli impulsi cerebrali. Una soluzione studiata per quelle persone che non possono controllare gli occhi o altri muscoli in modo affidabile, come spiega Chavarriaga:

Una cosa che dobbiamo tenere in considerazione è che tutti sono diversi. Crediamo che dobbiamo dare il meglio per le persone, quindi è necessario creare esperienze personalizzate.

Nonostante ad oggi tali tecnologie abbiano come target principale le persone con limitazioni fisiche, Martin Kathrner di Samsung Electronics Switzerland GmbH ritiene che in futuro tutti potremo controllare i nostri dispositivi tech con gli impulsi cerebrali.

Samsung darà il via ai primi test del secondo prototipo di Project Pontis nei primi mesi del 2019, presso alcune strutture ospedaliere situate in Svizzera.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.