FOX

Nintendo fa causa ai siti di ROM: risarcimenti per $12 milioni

di -

Nel corso dell'estate, Nintendo si era scagliata contro i siti che proponevano il download delle ROM dei suoi videogiochi classici. La causa legale è arrivata alla sua conclusione e potrebbe fruttarle ben 12 milioni di dollari.

Il rinnovato logo di Nintendo, lanciato con Nintendo Switch Nintendo

161 condivisioni 0 commenti

Condividi

Nintendo non ha più nessuna intenzione di tollerare i siti di ROM che consentono di scaricare gratis i suoi videogiochi classici. Per dimostrarlo, la compagnia di Kyoto lo scorso luglio ha avviato le pratiche legali contro i siti LoveROMS.comLoveRETRO.com, accusati proprio di diffondere senza autorizzazione le ROM di questi titoli. Dopo qualche mese, si è arrivati a un (oneroso) accordo tra le parti.

I siti di ROM si sono dichiarati colpevoli

Dopo essersi rivolta alle autorità dell'Arizona, dove hanno residenza Jacob Mathias e sua moglie, i proprietari dei due siti, Nintendo è arrivata un accordo.

L'intento dei Mathias, secondo quanto appreso dal sito Torrent Freak, era quello di evitare di dover sborsare un risarcimento monstre, ma – almeno all'apparenza – potrebbe non essere totalmente riuscito.

Un'immagine da Super Mario Bros.HDNintendo
Super Mario Bros., uscito nel 1985, è uno dei videogiochi più celebri di sempre

Nell'accordo raggiunto dalla coppia con Nintendo, infatti, i due si dichiarano colpevoli di aver violato i diritti sulla copia e sui marchi registrati di Nintendo. Pertanto, dovranno pagare danni per 12 milioni di dollari alla compagnia giapponese.

Secondo la fonte, però, questa cifra potrebbe essere più un deterrente che altro: è improbabile che la famiglia Mathias possa davvero versare una somma simile a Nintendo, mentre rendere nota una sanzione così onerosa può intimorire gli altri siti di ROM ancora online, che correranno a rimuovere i giochi Nintendo prima di trovarsi a loro volta al centro di una causa legale.

The Legend of Zelda su NESHDNintendo
L'originale The Legend of Zelda uscì su NES nel 1986

Se questa prospettiva si rivelasse essere effettivamente quella, la reale cifra che i Mathias dovranno versare a Nintendo per risarcire i danni arrecati non sarà resa nota.

Addio anche ai domini dei siti

Come parte dell'accordo, i responsabili dei due portali online hanno anche concesso a Nintendo la proprietà dei domini dei siti LoveROMS.com e LoveRETRO.com, in maniera tale che non possano essere utilizzati da terzi, in futuro, per proporre nuovamente il download non autorizzato di videogiochi classici.

Inoltre, i Mathias hanno accettato una ingiunzione permamente di Nintendo nei loro confronti, che impedirà alla coppia di violare nuovamente i copyright di Nintendo. Come se non bastasse, i due dovranno – rigorosamente a spese loro – riconsegnare a Nintendo tutti i videogiochi ed emulatori in loro possesso.

Il primo Donkey KongHDNintendo
Il primo storico Donkey Kong, che esordì nel 1981

L'epoca delle mini console classiche

I siti di ROM che consentono di rigiocare i grandi classici sono rimasti online per parecchio tempo, prima che un gigante come Nintendo si decidesse a perseguire le vie legali. Nell'epoca in cui le mini console classiche stanno riscuotendo una straordinaria popolarità, non stupisce che un'azienda come la casa di Kyoto voglia impedire che i suoi successi del passato rimangano accessibili gratis su internet, grazie all'ausilio di un emulatore su PC.

Quanto emerso dall'accordo legale con i Mathias – sul quale manca solo la firma finale del giudice, che è ormai una formalità – avrà un effetto domino e porterà alla chiusura degli altri siti di ROM ancora online? Sicuramente è una delle opzioni probabili, considerando anche che molti avevano già deciso di rimuovere i loro contenuti già alla notizia della causa legale intentata da Nintendo.

Un'immagine promozionale di SNES Classic MiniHDNintendo
La mini-console Nintendo Classic Mini: SNES, ricca di videogiochi classici già installati

Attendiamo ora di scoprire se altre compagnie seguiranno la via tracciata dalla grande N e se, di conseguenza, chi era abituato a scaricare gratis le ROM dei grandi classici dovrà dire loro addio.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.