FOX  

I momenti epici di The Walking Dead, N.21: Rick fuori controllo

di -

Un discorso carico di significato, stroncato da una mossa inattesa… Che ci regala una delle sequenze fondamentali di The Walking Dead: due protagonisti, due atteggiamenti opposti. Entrambi corretti.

270 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il simbolismo non manca, in The Walking Dead. L’inizio di questa sequenza, che ci porterà all’epico discorso di un Rick completamente fuori controllo ad Alexandria, ne è pieno. Mentre Rick minaccia di uccidere Pete, che ancora una volta ha messo le mani addosso a Jessie e ai suoi figli, il palloncino rosso dei bambini vola via.

L’innocenza, l’illusione di una vita normale, la possibilità di tornare alla quotidianità di prima dell’apocalisse: quel palloncino, rosso come il sangue di cui Rick è ricoperto, li cancella tutti. L’intervento di Deanna salva la vita a Pete, ma non placa l’ira di Rick.

Noi siamo quelli che sopravvivono. Voi ve ne restate seduti a pianificare.

La vera illusione, per Rick, era stata quella di potersi inserire ad Alexandria e vivere come i suoi abitanti.

Dobbiamo vivere nel mondo reale.

Rick Grimes è arrabbiato. Tanto. E ne ha ragione. Sa che le decisioni di Deanna porteranno Alexandria alla distruzione. Lo sa e glielo dice. Ma il suo discorso - che fa apparire un sorriso appena accennato sul viso di Carol - viene bruscamente interrotto. Michonne, la sua amica e la sua partner come poliziotta ad Alexandria, lo stende.

Lo mette k.o. prima che la situazione precipiti e che Rick li faccia cacciare tutti dall’unico posto sicuro veramente che sono riusciti a trovare da quando si conoscono. La genialità è che hanno entrambi ragione. Al contrario di chi ha vissuto l’apocalisse al riparo delle mura di Alexandria, Rick sa bene cosa va fatto per sopravvivere.

Allo stesso tempo, Michonne - proprio perché sa cosa bisogna fare per restare vivi - decide di fermare Rick prima di ritrovarsi di nuovo là fuori, senza un riparo, senza cibo e senza le armi sufficienti a cavarsela. Questa sequenza è meravigliosa, per molte ragioni.

Perché Rick Grimes finalmente rialza la testa, dopo essersi sottomesso alle pagliacciate (interviste video incluse) di Alexandria. Perché Michonne prende una decisione difficile, che potrebbe costarle cara, ma che finirà per avvicinarla indissolubilmente a Rick. Perché a noi spettatori viene detto che il nostro leader è tornato in sé e trasformerà Alexandria in un posto in cui poter vivere davvero. Con le regole del mondo 2.0. E perché il k.o. arriva all’improvviso, inaspettato, interrompendo parole che tutti ascoltavamo con molto interesse.

La ragione? Semplice: alla fine, in The Walking Dead più che in molte altre serie, le parole contano fino a un certo punto. Sono i fatti, a fare la differenza.

Le scelte. Le azioni. Le mosse per sopravvivere.

E sia Rick che Michonne, sebbene opposte, ne hanno appena compiute due…

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.