FOX

Il futuro di Xbox passa dallo streaming? Phil Spencer dice no

di -

I rumor avevano suggerito che la futura Xbox potrebbe basarsi sullo streaming, ma il dirigente Phil Spencer assicura il contrario: ancora per molti anni, lo streaming sarà solo di affiancamento.

Xbox One X, la più recente console Microsoft Microsoft

11 condivisioni 0 commenti

Condividi

Tutto faceva pensare che, per il suo futuro, Xbox fosse ormai pronta a guardare con convinzione al mondo dei videogiochi in streaming. Insieme all'annuncio del progetto xCloud – che, a partire dal 2019, vi farà giocare i titoli Xbox One anche su PC, smartphone e tablet – erano arrivate anche indiscrezioni sulla prossima console, a sua volta indirizzata allo streaming di giochi in cloud.

Intervenuto sulla questione, il presidente della divisione Xbox di Microsoft, Phil Spencer, ha invece assicurato che il modello di gaming tradizionale è, al momento, impossibile da sostituire.

Phil Spencer sul palco di Xbox all'E3HDGetty Images
Phil Spencer, dirigente della divisione Xbox di Microsoft

Phil Spencer e il futuro dei giochi in streaming

Nel corso di un'intervista concessa all'evento X018, Spencer ha spiegato che giocare in streaming può essere la soluzione migliore, in alcuni casi, per chi non è in possesso di PC o hardware abbastanza potenti. Questo non significa, però, che questa tecnologia possa soppiantare quella più classica:

Non penso che le console un giorno spariranno. Ci sono alcuni scenari in cui la risposta migliore è lo streaming. Su una console, direi che lo scenario migliore è scaricare il gioco e giocarci. Se sei su un PC in grado di farlo girare, allora anche lì l'idea migliore è scaricare un gioco e giocarci. Non tutti i dispositivi, però, sono in grande di eseguire i titoli che richiedono di più all'hardware, per questo lo streaming può diventare un'opzione. Può essere utile anche in altri casi: quando ad esempio vuoi provare un gioco, farlo su un dispositivo tramite streaming potrebbe essere interessante.

Il logo di Xbox One su un ledHDGetty Images
Xbox One, sul mercato dal 2013, è la console Microsoft della generazione attuale

Parliamo, secondo Spencer, di una tecnologia che può essere un'alternativa alle console così come le conosciamo:

Penso che per anni e anni, il miglior modo di giocare un titolo rimarrà scaricarlo e giocarci, non solo su console ma anche su PC. Per quanto mi riguarda, lo streaming è qualcosa di più lontano, se pensiamo a quando potrebbe diventare un mercato davvero di massa, utilizzato da tutti. Per non parlare di quanto sia lontano il momento in cui rappresenterà il miglior modo di giocare un titolo – se mai lo sarà.

In definitiva, ha concluso il dirigente di Xbox, lo streaming è una delle scelte che il giocatore ha a disposizione, non un nuovo corso dell'industria dei videogiochi:

Per noi, si tratta di dare una possibilità di scelta al giocatore, non di andare a rimpiazzare quello che facciamo oggi.

Il controller Xbox Elite di MicrosoftHDGetty Images
Il controller Xbox Elite per Xbox One e PC

La futura nuova Xbox

Le indiscrezioni sull'erede di Xbox One avevano fatto riferimento a due modelli per la presunta Xbox Scarlett: uno tradizionale e uno basato invece sul cloud e quindi sullo streaming. Le parole di Phil Spencer, che parla di "possibilità di scelta" da offrire all'utente, sembrano in effetti molto vicine a questa indiscrezione.

Disponibile sul mercato dal 2013, Xbox One conta al momento su una base installata di quasi 39 milioni di unità in tutto il mondo. A novembre 2017, è stata affiancata dalla più potente Xbox One X – che è stata la prima, con il suo hardware potenziato ma la medesima libreria di giochi, a incarnare quelle possibilità di scelta su cui Spencer vuole puntare per il futuro.

Cosa vi aspettate dal domani delle console? Arriverà davvero il giorno in cui le nostre connessioni consentiranno a tutti di giocare in streaming?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.