FOX

Il ritorno di Mary Poppins: la performance di Dick Van Dyke ha fatto piangere tutti sul set

di -

Con la sua performance e un fuori programma, Dick Van Dyke ha fatto piangere tutti sul set di Il ritorno di Mary Poppins. Ma (paradossalmente) le lacrime del cast sono motivo di sorrisi per i fan.

Dick Van Dyke alla cerimonia dei Britannia Awards Getty Images

9k condivisioni 0 commenti

Condividi

Per i fan di Mary Poppins, Dick Van Dyke è e sarà sempre lo spazzacamino Bert. La sua interpretazione (resa unica da un improbabile accento cockney nella versione originale) è entrata di diritto nella storia del cinema e della cultura pop. Ma a quanto pare, la performance dell'attore 92enne in Il ritorno di Mary Poppins potrebbe diventare un nuovo cult.

In una intervista rilasciata a Entertainment Weekly, Emily Blunt e Lin-Manuel Miranda hanno rivelato che Dick Van Dyke ha fatto piangere tutti sul set. Dalle dichiarazioni dei due attori, sembra che il grande interprete abbia partecipato a un solo giorno di riprese. Ma tanto è bastato per fare commuovere fino alle lacrime i presenti.

Emily ha rivelato che la scena "incriminata" riguarda un monologo di Mr. Dawes Jr., il figlio di Mr. Dawes Sr., che nell'originale è stato interpretato da Dick Van Dyke invecchiato ad arte con il trucco. L'attrice ha raccontato che, quando la star 92enne ha finito di recitare la parte, sul set è calato un lungo silenzio e anche il regista Rob Marshall è stato sopraffatto dall'emozione:

[Il giorno di Dick Van Dyke sul set, n.d.r.] è stato quello in cui Rob ha pianto. Tanto. Sapevo che stava cercando di mantenere il controllo, perché quando Dick ha concluso la scena, c'è stata una lunga pausa e nessuno ha detto 'tagliare'. È stato allora che tutti quanti abbiamo realizzato che il film era davvero un nuovo capitolo e che incredibile onore era portare avanti [la storia di Mary Poppins, n.d.r.].

Ma non c'è stato il tempo di asciugarsi le lacrime, che Van Dyke ha fatto di nuovo commuovere tutti. In particolare, Lin-Manuel Miranda:

Ha recitato questo bellissimo monologo, ma poi ha intonato anche fuori programma La cattedrale [Feed the Birds, nella versione originale, n.d.r.]. Ora, io non ho visto il finale di Mary Poppins fino al liceo. Quando ero bambino, non appena sentivo le note di quella canzone, che era così triste, scoppiavo in lacrime e smettevo di guardare il film. Dunque, non è stato facile mantenere il controllo dopo avere sentito Dick Van Dyke recitare quel monologo e poi cantare La cattedrale, che ancora oggi mi fa effetto...

Dopo le dichiarazioni di Emily Blunt e dello sceneggiatore e del produttore di Il ritorno di Mary Poppins, che hanno affermato di volere rendere omaggio alla protagonista e al film originali trovando la propria strada, per i fan della "supertata", le lacrime del cast sono un motivo in più per sorridere (paradossalmente).

Le informazioni trapelate fin qui e le prime immagini fanno (ben) sperare che il sequel del classico del 1964 saprà regalare nuove emozioni, senza tradire lo spirito dell'originale.

La conferma arriverà il 20 dicembre 2018. Ma nell'attesa, l'impressione è che i "bambini" di Mary Poppins possano dormire sonni tranquilli.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.