FOX

Il grande Lebowski in 4K è ancora più Drugo: la recensione

di -

Un film in cui persino Tara Reid è perfetta poteva essere migliorato? Sì, grazie a un sensibile (e sottile) miglioramento lato video. La recensione.

Universal Pictures Home Entertainment

97 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il grande Lebowski è un film che rispecchia in pieno i suoi due registi, Joel e Ethan Coen: esilarante, imprevedibile, assurdo sono aggettivi che potrebbero essere tranquillamente "appiccicati" alla pellicola del 1998 con protagonista Jeff Bridges. E al duo di cineasti del Minnesota.

La bizzarra storia del Drugo, del suo tappeto e di tutto ciò che ne consegue hanno fatto rapidamente presa in milioni di fan in tutto il mondo. Non è un caso che dal film sia nato un festival a tema, la cui prima edizione risale al 2002. Al Lebowski Fest hanno partecipato diversi membri del cast, fino alla reunion del 2011 con presenti Jeff Bridges, John Goodman, Steve Buscemi, Julienne Moore e John Turturro.

Questo tipo di amore spontaneo verso la pellicola rende l'idea dello status di cult assoluto che Il grande Lebowski può vantare.

La storia racconta del Drugo, Jeffrey Lebowski, che viene scambiato per il suo omonimo milionario e preso di mira da due brutti ceffi che gli orinano sul tappeto. E no, non era un tappeto qualsiasi ma un tappeto speciale a cui Jeffrey era legatissimo: un tappeto che dava davvero un tono all'ambiente.

Dopo aver scoperto l'inghippo, Jeffrey si recherà dal ricco Lebowski pretendendo (a ragione) un nuovo tappeto e le scuse ufficiali per l'accaduto. Riceverà un rimpiazzo, sì, ma lo il confronto con il milionario metterà contro due visioni della vita radicalmente diverse: quella pratica del business man - e del "realizzare" - contrapposta alla filosofia del "prendila come viene" del Drugo.

Quando la moglie del signore Lebowski, Bunny, finirà nei guai, sarà il povero Jeff a essere messo in mezzo (per qualche motivo) e a doversi adoperare per scoprire l'accaduto. Fra trip di acido, rilassanti sessioni a base di marijuana e svariati drink (White Russian, ovviamente), la storia porterà a una fine piuttosto prevedibile, con il Drugo ben contento di riprendere la sua "vecchia" vita.

Quello che accade nei 118 minuti del film è complicato (e molto, molto divertente). È uno di quei film che regala sempre qualcosa di nuovo a ogni visione: un'inquadratura, un dettaglio, una battuta, un'espressione di qualche personaggio. Il cast, poi, è semplicemente fantastico, anche nei personaggi "secondari": abbiamo nomi del calibro di Julianne Moore, David Thewlis, John Turturro, Philip Seymour Hoffman, Sam Elliot, Peter Stormare, il compianto David Huddleston e molti altri interpreti di assoluto rilievo.

Una menzione d'onore va anche alla colonna sonora curata da T Bone Burnett e Carter Burwell: è un piccolo gioiello per i brani scelti così come per le sequenze che sono chiamati ad accompagnare.

Davvero, Il grande Lebowski è un commedia a tinte dark ispirata come poche e non posso che lodare la scelta di Universal di riproporre la storia del Drugo in questa versione in 4K Ultra HD, per i 20 anni della pellicola.
La Collector's Edition prodotta per il ventennale, poi, è semplicemente strepitosa.

Packshot de Il grande Lebowski in 4KUniversal Pictures Home Entertainment

Questa recensione, però, è dell'edizione "regolare" che vedete qui sopra - non badate alla scritta "20° anniversario edizione limitata", prima o poi ci sarà qualche re-issue con lo stesso materiale.

Il grande Lebowski in 4K: qualità video

Il film è stato girato su pellicola da 35mm, quindi non nativamente in digitale. Per questa release, però, è stato effettuato un rescan dal negativo originale (o dal master) in formato 4K nativo, quindi ricalibrato in HDR.

Va detto che la subito riconoscibile fotografia di Roger Deakins, che comporta una certa grana in tutto il film, è stata lasciata pressoché intatta (non si scherza, con le icone).

Quello che è stato migliorato è il livello di dettaglio: vedrete tutte le macchie sulla maglietta del Drugo, noterete ogni minuzia del tappeto e ogni graffio sulla palla da bowling. Insomma, troverete che il film ha ancora molto da dire anche a livello di immagini.

La resa generale è anche molto meno "digitale" delle precedenti edizioni Blu-ray, con rimaneggiamenti molto meno evidenti (e intrusivi): insomma le immagini sono naturali come non mai.

Lo stesso discorso vale per i colori che storicamente tendevano verso i toni caldi ma che qui sono stati ribilanciati in modo impeccabile. È tutto molto luminoso ma senza esagerare, tenendo presente che Il grande Lebowski non è un film la cui immagine verrà mai presa come standard d'industria. Le sue doti sono altre.

Il grande Lebowski in 4K: qualità audio

L'audio del film è la stessa delle versioni precedenti: un discreto DTS 5.1 che fa il suo lavoro, anche se non raggiunge le vette (e le profondità) della traccia originale in DTS X.

La versione doppiata è comunque adeguata al film - che, ancora, non è stato girato con la qualità sonora come prima priorità - e sostiene bene "l'azione" durante il procedere della pellicola. Dalle scene più animate (quelle del bottino, ad esempio) a quelle dove i dettagli contano (come durante il bowling, a casa di Maude o nella villa di Jackie Treehorn).

Il mio consiglio per una seconda visione (che è quasi scontata) è di passare alla traccia DTS X per godere di tutti quei piccoli dettagli durante le sequenze più seminali che, gioco forza, un po' si perdono con il DTS 5.1.

Gli Extra ne Il grande Lebowski in 4K

A livello di contenuti bonus, troviamo anche in questa edizione 4K la stessa (copiosa) offerta della precedente release in Blu-ray. In particolare si tratta di:

  • Un'introduzione esclusiva
  • La vita del Drugo
  • Drugo sa aspettare: Il grande Lebowski 10 anni dopo
  • Il making of del film
  • Documentari su Lebowski Fest, la sequenza del trip del Drugo
  • La mappa interattiva sui luoghi del film
  • L'album fotografico di Jeff Bridges
  • Una galleria fotografica
  • Tre approfondimenti picture-in-picture su altrettanti momenti
  • Un trivia sui dialoghi del film

Informazioni tecniche sul film

4K Ultra HD

  • Durata: 118 min ca.
  • Video: 2060p UHD HDR10 Widescreen 1.85:1
  • Audio: Inglese, Tedesco DTS X Master Audio; Italiano, Spagnolo, Turco DTS Digital Surround 5.1
  • Sottotitoli: Italiano, Inglese, Tedesco, Spagnolo, Portoghese, Turco

Blu-ray

  • Durata: 118 min ca.
  • Video: 1080p Alta Definizione Widescreen 1.85:1
  • Audio: Inglese, DTS-HD Master Audio 5.1; Italiano, Francese, Tedesco, Spagnolo, Giapponese DTS Surround 5.1
  • Sottotitoli: Italiano, Inglese, Tedesco, Spagnolo, Francese, Giapponese, Danese, Olandese, Finlandese, Coreano, Portoghese, Svedese, Islandese, Norvegese, Cantonese, Cinese Mandarino
Voto9/10
Andrea Sala

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.