FOX

L'uccellino Woodstock cannibale: il Ringraziamento di Charlie Brown sconvolge gli americani

di -

Un vecchio speciale di Charlie Brown dedicato al Ringraziamento ha sconvolto gli americani. Nel cartoon, l'uccellino Woodstock mangia il tacchino e gli spettatori hanno gridato al cannibalismo.

22 condivisioni 0 commenti

Condividi

Stavolta, Charlie Brown l'ha combinata grossa. In realtà, non lui direttamente, ma un suo coprotagonista nei Peanuts, l'uccellino Woodstock. Nello speciale animato dedicato al Ringraziamento, l'inseparabile amico di Snoopy si è trasformato in un cannibale. Possibile?

Per capire la faccenda, è necessario fare un passo indietro.

In occasione della celebre festa instaurata dai Padri Pellegrini, negli USA viene trasmesso il cartoon A Charlie Brown Thanksgiving. La prima messa in onda risale al 20 novembre 1973 e da allora lo show è diventato un appuntamento fisso della vigilia. Fino al 2000 è stato trasmesso su CBS e dal 2001 è passato su ABC, dove viene mandato in onda insieme a una versione ridotta di This is America, Charlie Brown: The Mayflower Voyager.

Come da tradizione, lo speciale è stato trasmesso mercoledì 21 novembre 2018. Ma stavolta, qualcosa è andato storto.

Per la precisione, gli spettatori si sono accorti che alla fine del cartoon Woodstock e Snoopy si siedono a tavola insieme e il bracchetto serve all'amico uccellino una generosa porzione di... tacchino! (Potete vedere la scena nel video di copertina).

La sequenza ha letteralmente fatto fare un salto sulla sedia ai tantissimi americani davanti alla TV, che prima hanno gridato al cannibalismo e poi si sono riversati su Twitter per condividere il loro disagio e la loro indignazione.

Un utente ha osservato con acume che trovare disturbante la scena significa che si è diventati adulti:

Capisci di non essere più un bambino quando... stasera ho guardato A Charlie Brown Thanksgiving. Quando Woodstock si siede a tavola e mangia il tacchino con Snoopy, dentro di me ho pensato: 'Ma non è cannibalismo?'.

Di sicuro, la percezione delle cose cambia dall'infanzia all'età adulta. Ma è anche vero che oggi il pubblico ha una maggiore attenzione e consapevolezza e una sensibilità diversa.

Non a caso, in parecchi hanno ammesso di avere notato per la prima volta l'inquietante dettaglio:

Ho appena visto A Charlie Brown Thanksgiving e per la prima volta mi sono accorto di una cosa che mi ha spaventato. C'è una cosa sinistra che avrei preferito non notare. Alla fine, Woodstock, l'uccellino amico di Snoopy, mangia il tacchino. Woodstock è un cannibale. Wow.

Come Steven D, anche Chris Stit e l'utente Kuso si sono resi conto del cannibalismo di Woodstock dopo avere visto per anni A Charlie Brown Thanksgiving senza farci caso:

Il tenore della maggior parte dei tweet è un mix di stupore, disgusto e disagio. Ma non sono mancate vere e proprie dichiarazioni di orrore

Devo ammettere che sono ancora scosso per avere visto Woodstock mangiare un tacchino in A Charlie Brown Thanksgiving.

In questo momento, mi sto preparando mentalmente all'orrore assoluto di vedere Woodstock mangiare il tacchino e rompere l'osso del desiderio in A Charlie Brown Thanksgiving.

Per fortuna, non è mancato chi ha alleggerito l'atmosfera con un meme e una risata:

La "scoperta" che Woodstock è cannibale, interromperà la lunga tradizione della messa in onda di A Charlie Brown Thanksgiving? La sensazione è che gli spettatori americani non abbiano intenzione di ripetere l'esperienza, adesso che si sono accorti che il simpatico uccellino mangia beatamente i suoi simili.

Probabilmente, la risposta arriverà solo con il prossimo Ringraziamento. A meno di colpi di scena nel frattempo...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.