FOX

Captain America: Civil War, 15 curiosità sulla pellicola del 2016

di -

Captain America: Civil War è stato uno dei più importanti film del Marvel Cinematic Universe usciti finora. Torniamo a parlare della pellicola con una lista di curiosità dal dietro le quinte.

Copertina del DVD di Captain America: Civil War Disney/Marvel Studios

237 condivisioni 0 commenti

Condividi

Civil War di Mark Millar e Steve McNiven è stata una delle miniserie più importanti della storia dei fumetti Marvel. Il racconto dello scontro tra supereroi, nato dalla proposta del Governo americano di registrare e controllare tutti gli individui dotati di superpoteri, ha lasciato un segno indelebile sulla storia di tanti personaggi della casa editrice da Occhio di Falco a Spider-Man, passando ovviamente per Iron Man e Capitan America. Si tratta di un'opera appassionante, che ha regalato grandi colpi di scena, si sviluppava attraverso tanti livelli di lettura, a partire dall'ovvio parallelismo tra la guerra civile degli eroi e quella americana, e che per mesi ha diviso i lettori tra chi sosteneva la fazione di Tony Stark e chi quella di Steve Rogers.

Anche la sua trasposizione cinematografica arrivata nel 2016 ha avuto un impatto importantissimo sul Marvel Cinematic Universe. A due anni di distanza dall'uscita del film, le conseguenze degli eventi di Captain America: Civil War sono molto forti nel franchise. In Avengers: Infinity War non c'è ancora stata un'effettiva riconciliazione tra gli eroi e proprio questa mancanza di unità potrebbe essere elencata tra le ragioni della vittoria di Thanos. Steve Rogers inoltre sembra aver definitivamente abbandonato l'identità di Capitan America, operando nell'ombra e senza il suo iconico scudo.

Il team di Capitan America nella battaglia dell'aeroporto in Captain America: Civil WarHDDisney/Marvel Studios

Come non parlare poi di Black Panther e Spider-Man? I due personaggi sono stati introdotti nel franchise proprio in occasione di Captain America: Civil War e sono rapidamente diventati due delle stelle più brillanti di tutto il Marvel Cinematic Universe e con tutta probabilità saranno tra i maggiori protagonisti della maggior parte degli eventi della ancora ignota Fase 4.

E così, mentre speriamo che Tony Stark e Steve Rogers possano riappacificarsi e che gli Avengers tornino a essere uniti in vista del nuovo scontro con Thanos previsto per Avengers 4, abbiamo pensato di tornare a parlare di Captain America: Civil War, raccogliendo le curiosità più interessanti sul film: citazioni ai fumetti originali, easter egg e strizzate d'occhio ai fan che seguono con passione il Marvel Cinematic Universe e i suoi eroi.

15 curiosità su Captain America: Civil War

1. In una scena vediamo Tony Stark conversare con una donna, interpretata da Alfre Woodard, il cui figlio è stato ucciso in Sokovia durante gli eventi di Avengers: Age of Ultron. Dai titoli di coda scopriamo che il suo nome è Miriam, un riferimento a Miriam Sharpe che nei fumetti attacca l'eroe accusandolo della morte di suo figlio e diventando in seguito uno dei simboli della campana a favore dell'Atto di Registrazione dei Superumani

2. Captain America: Civil War era il film più lungo del Marvel Cinematic Universe all'epoca della sua uscita con una durata di due ore e ventisette minuti. È stato superato di due minuti nel 2018 da Avengers: Infinity War. 

3. Nella scena iniziale vediamo Falcon esplorare la zona della missione tramite un drone soprannominato Redwing. Si tratta di un chiaro omaggio al falco che nei fumetti fa da spalla all'eroe, accompagnandolo nelle missioni grazie al collegamento telepatico che condividono.

4. I fratelli Russo inseriscono spesso nei film del Marvel Cinematic Universe da loro diretti, piccole citazioni a Community e Arrested Development - Ti presento i miei, serie TV che hanno lanciato la loro carriera. In Captain America: Civil War è possibile notare il furgone della famiglia Bluth nella battaglia dell'aeroporto, nonché un breve cameo di Jim Rash che in Community interpretava il rettore Craig Pelton.

5. Dopo gli eventi di Captain America: The Winter Soldier, Bucky si è nascosto a Bucarest, in Romania. Si tratta probabilmente di un omaggio alle origini dell'attore che lo interpreta. Sebastian Stan è infatti nato in Romania e ha vissuto nel paese fino all'età di otto anni. 

Captain America e Iron Man si danno battaglia in Captain America: Civil WarHDDisney/Marvel Studios

6. Per quanto la storia in sé prenda direzioni differenti, non mancano riferimenti diretti alla serie originale a fumetti. Uno dei più evidenti si nota nello scontro tra Capitan America e Iron Man: quando vediamo il primo usare il proprio scudo per difendersi dai raggi lanciati dal secondo, la scena (che vedet qui sopra) ricalca esattamente una iconica vignetta presente in Civil War.

7. Durante il funerale di Peggy Carter, la nipote Sharon pronuncia un profondo discorso sull'importanza di mantenersi saldi sulle proprie idee anche quando si ha tutti contro. Le sue parole ricalcano quasi esattamente quelle pronunciate da Capitan America in Amazing Spider-Man #537.

8. Captain America: Civil War ha incassato oltre un miliardo di dollari in tutto il mondo, diventando il quarto miglior risultato del Marvel Cinematic Universe. Nel 2018 è sceso di due posizioni in classifica, essendo stato superato da Black Panther e Avengers: Infinity War.

9. Quando Bucky viene catturato insieme ai suoi alleati, viene imprigionato in una cella su cui è presente la scritta "Deck 23". Si tratta di una citazione al fan club ufficiale Disney, il gruppo di cui fanno parte da anni i Marvel Studios, chiamato appunto D23.

10. Nonostante Anthony Mackie, interprete di Falcon, si riferisse al film come un Avengers 2.5, si tratta comunque del capitolo finale della trilogia dedicata a Capitan America. Questo è per certi versi confermato dal fatto che Chris Evans compare sullo schermo per un totale di cinque minuti in più rispetto al co-protagonista Robert Downey Jr.

Chris Evans nei panni di Capitan America in Captain America: Civil WarHDDisney/Marvel Studios

11. Tra le scene più famose e memorabili del film c'è sicuramente quella in cui vediamo Capitan America trattenere un elicottero a terra con la sola forza delle sue braccia. Essendo la posizione piuttosto innaturale, Chris Evans ha subito un piccolo infortunio muscolare durante le riprese, ma ha continuato a girare. Robert Downey Jr. ha commentato scherzosamente che i registi Anthony e Joe Russo non se ne sono preoccupati, vedendo l'eccezionale risultato finale della sequenza.

12. In un dialogo del film viene fatto riferimento a una ragazza con cui Bucky è uscito insieme a Steve quando erano giovani di nome Dolores e soprannominata Dot. Si tratta probabilmente di un riferimento a Dottie Underwood, personaggio comparso nella serie televisiva Agent Carter. È interessante notare che quest'ultima è stata sfruttata come arma da parte dei sovietici, esattamente come Bucky.

13. Durante la battaglia tra gli eroi all'aeroporto vediamo Occhio di Falco lanciare Ant-Man nello scontro su una delle sue frecce. Quest'idea è ripresa direttamente dalla copertina di Avengers #223 dove i due eroi si preparano alla stessa mossa.

14. Nelle prime versioni della sceneggiatura Black Panther aveva un ruolo molto minore, lasciando più spazio a Spider-Man. Quando però sembrava che Sony non avrebbe concesso l'utilizzo di Peter Parker ai Marvel Studios, lo script è stato modificato. Quando alla fine è stato confermato che Spider-Man sarebbe comparso nella pellicola Black Panther aveva ormai una parte troppo importante nella trama per poter tornare ai piani originali.

15. Uno dei mercenari presenti nella scena iniziale è interpretato da Damion Poitier. Questo attore era già comparso nel Marvel Cinematic Universe, nel ruolo del supervillain Thanos durante la scena post-credits di The Avengers, prima che fosse scelto Josh Brolin per il ruolo.

Via ScreenRant, IMDb e BoxOfficeMojo

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.