FOX

Margaret Atwood sta scrivendo il sequel de Il Racconto dell'Ancella

di -

Margaret Atwood sta finalmente scrivendo il secondo capitolo legato alla Repubblica di Gilead. Ma risponderà agli interrogativi che i lettori si fanno dal 1985?

La scrittrice canadese Margaret Atwood Getty Images

6 condivisioni 0 commenti

Condividi

A distanza di più di 30 dall’uscita del romanzo che rese celebre Margaret Atwood, Il Racconto dell’Ancella, ecco uscire il tanto atteso sequel.

A rivelarlo è proprio la scrittrice canadese in un criptico cinguettio che annuncia l’uscita di The Testaments per il prossimo settembre. Di quella storia avvincente di 30 anni fa, a parte il titolo del secondo capitolo, non sappiamo molto, e questo rende l’attesa ancora più lunga ed enigmatica.

Dico sì a chi me l’ha chiesto: sto scrivendo il seguito de Il Racconto dell’Ancella. The Testaments è ambientato 15 anni dopo la scena finale con Difred ed è narrato da tre personaggi femminili. Sarà pubblicato nel settembre 2019. 
[Tutto quello che mi avete chiesto su Gilead e su come funziona è l'ispirazione di questo libro. Beh, quasi tutto!]

L'autrice rimanda alla propria pagina sul sito dell'editore Penguin per maggiori informazioni, ma l'unica cosa che sappiamo è che l'ispirazione per la stesura di questo secondo capitolo nasce dalla curiosità dei lettori circa il mondo di Gilead e il suo funzionamento interno. C'è anche qualcos'altro però che ha spinto la scrittrice a riprendere a raccontare dell'Ancella.

The other inspiration is the world we've been living in.

L'altra ispirazione è il mondo in cui viviamo.

Dopo il finale aperto e pieno di dubbi letto nelle ultime pagine de Il Racconto dell’Ancella, molti fan della penna della Atwood non vedono l’ora di scoprire cosa sia successo a Difred, la protagonista del romanzo.

Alcuni di loro rimarranno delusi però, perché come ha dichiarato la stessa autrice del best seller distopico, The Testaments si concentrerà maggiormente sul mondo tirannico di Gilead e sugli effetti di quella distorta società a distanza di 15 anni.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando e cosa troveremo nella prossima fatica di Margaret Atwood facciamo un passo indietro e torniamo al 1985.

Di Cosa parla Il Racconto dell’Ancella

La seconda opera pubblicata dalla Atwood - Il Racconto dell'Ancella per l'appunto - risale al 1985 ed è ambientata in un ipotetico futuro (per il 1985) negli Stati Uniti d’America. Tutto intorno è solo guerra e devastazione, e l’inquinamento radioattivo e la crescita della popolazione pari a zero portano le potenze mondiali ad una drastica decisione: ogni Paese può trovare la soluzione che ritiene più opportuna e nessun’altro potrà interferire.

Ed è così che in Nord America viene fondata la Repubblica di Gilead, che ha come obiettivo principale la riproduzione e la ripopolazione dei territori. Si crea così una gerarchia machista all’interno della quale la donna viene privata di tutto e ridotta a mera procreatrice di vita.

All’apice troviamo i Comandanti – uomini di potere e benestanti – poi ci sono gli Occhi, i Custodi e gli Angeli (rispettivamente agenti segreti, servi e militari).

Le donne invece sono “catalogate” in base alla loro utilità riproduttiva. Le donne non fertili o troppo vecchie per lavorare vengono definite Nondonne ed eliminate. Poi abbiamo le serve (dette Marte), le mogli, le Zie - che si occupano di far rigare dritto tutte le donne - e infine le Ancelle.

Queste – le più umiliate – sono le donne non sposate e fertili che vengono date ad ogni Comandante con moglie sterile per generarne la prole.

Il romanzo best seller di Margaret AtwoodAmazon

La protagonista Difred – letteralmente di proprietà del Comandante Fred – diventerà l’ancella al servizio di un Comandante sterile.

Con lo scorrere delle pagine si delinea sempre di più la figura di una donna che tende a piegarsi al volere dell’uomo e a smettere di opporsi alla società. Attraverso diverse figure femminili si intuisce il diverso modo di reagire dinanzi ad una situazione paradossale come quella descritta dalla Atwood.

L'istinto materno, che spesso viene esasperato e privato di ogni senso amorevole nel romanzo, sarà ciò che spingerà la protagonista a sopportare una vita da prigioniera fatta di umiliazioni.

Il finale vede la protagonista portata via dai Servizi Segreti, e il dubbio rimasto a tutti i lettori dell’epoca è: Sarà stata salvata da Nick - amante dell'Ancella nonché ambiguo membro dei servizi - e dalla resistenza o i Servizi Segreti avranno messo fine alla vita di Difred?

Il successo del romanzo e le trasposizioni in TV

Il Racconto dell’Ancella fu un successo di pubblico e critica sin da subito. Il romanzo valse a Margaret Atwood numerosi premi e riconoscimenti anche oltre le mura canadesi, segno che la storia di Difred era piaciuta e aveva scosso le coscienze di molti lettori.

A dimostrazione di ciò nel 1990 uscì l’omonima pellicola di Volker Schlöndorff con Natasha Richardson nei panni della protagonista.

Ma il successo maggiore arriva nel 2017 con la serie TV The Handmaid’s Tale (il titolo originale del romanzo che l’ha ispirata) che vede Elizabeth Moss calarsi nella parte di Difred.

La serie statunitense, vincitrice di 9 Emmy e 2 Golden Globe, ha colto nel segno ed è giunta alla sua terza stagione.

È probabile che The Testaments risponderà ad alcune domande che i lettori si posero ai tempi dell’Ancella, o magari instillerà maggiori dubbi circa le sorti di Difred, sicuramente fornirà qualche altro spunto di riflessione sulla distopica Gilead.

In ogni caso sarà una lettura autunnale che non vediamo l’ora di fare.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.