FOX

Regine, sorelle e dive: la recensione di Maria regina di Scozia con Saoirse Ronan e Margot Robbie

di -

Saoirse Ronan e Margot Robbie sono le protagoniste di un dramma in costume che punta a sottolineare la comunanza spirituale tra due formidabili avversarie dell'era elisabettiana: la recensione di Maria regina di Scozia.

36 condivisioni 0 commenti

Condividi

Quando si valuta il risultato di un film si pensa sempre alla sua qualità artistica e alla sua capacità di impattare al botteghino. Raramente però si prende in considerazione un fattore importante: la competizione generata dalla presenza nei cinema di pellicole simili.

Non si può che essere dispiaciuti quindi per Maria regina di Scozia, un dramma storico in costume che azzecca sì l'uscita in un anno cinematografico povero di pellicole davvero rilevanti, ma ha la tremenda sfortuna di approdare al botteghino anglosassone nelle stesse settimane di un film con cui condivide tutto: costumi sontuosi, scandali reali, corte inglese, dive imparruccate e sottotoni omoerotici. Tutto, tranne il livello qualitativo.

Saoirse Ronan è Maria StuardaHDUniversal Pictures
Maria regina di Scozia è innanzitutto un film dal tempismo sfortunato

Maria regina di Scozia: una rilettura storica

Elisabetta I e Maria Stuarda di Scozia, così come ce le hanno raccontate il cinema, la letteratura e i libri di scuola, sono state due formidabili regine, divise da un’inimicizia mortale e una rivalità religiosa, politica e caratteriale. L’ha spuntata Elisabetta, figlia del terribile Enrico VIII, dando il nome a un’era, lasciando un marchio indelebile nella storia anglosassone. La cifra del carisma e dell’intelligenza della sua rivale, la cattolica Maria Stuarda, ce la restituisce la storia stessa. Nonostante l’adagio voglia che la storia venga scritta dai vincitori, la sua memoria non è stata cancellata e suo figlio è infine riuscito a sedere sul trono d’Inghilterra.

Da una parte la regina vergine, dall’altra una sovrana incoronata a soli pochi mesi di vita e poi spodestata dalla figlia di Anna Bolena, considerata dai legittimisti un’usurpatrice. La versione canonica di una storia già raccontata ci presenta le due figure come poli opposti, rivali, pronte a saltare alla gola della nemica, sebbene non esistano testimonianze certe di un loro incontro diretto. Quello tra Maria e Elisabetta è insomma un braccio di ferro a distanza, mentre infuriano le guerre civili per motivi religiosi e gli intrighi di corte. Le due devono accontentarsi di ammirare l'altra in dipinti e ritratti, devono conversare tra loro per mezzo di ambasciatori e consigli.

Saoirse Ronan spara HDUniversal Pictures
Maria regina di Scozia tenta di raccontare di nuovo le regine Maria ed Elisabetta, sotto una luce femminista e unificante

Basato un romanzo che vuole fare luce sulla vera storia delle due regine, Maria regina di Scozia è un film dall’ambizione femminista e contemporanea: quella di rileggere l’intera vicenda sottolineando come Maria ed Elisabetta fossero le uniche in grado di capire profondamente la psicologia e i sentimenti dell’altra. In un mondo di uomini crudeli e manipolatori, le due sovrane sono un unicum femminile di potere, ottenuto a costo di enormi sacrifici personali e sempre messo in pericolo dalla credenza diffusa che una donna non sia adatta a comandare e sia naturalmente incline alla depravazione.

Maria regina di Scozia: la trama

Il film di Josie Rourke si apre con il ritorno di una giovane Maria in Scozia, dopo gli anni passati in Francia e la morte del marito Francesco. La fresca vedova viene accolta tiepidamente dal fratellastro che ha regnato sulla nazione in sua assenza. Conscia della debolezza della propria posizione ma decisa a rivendicare ciò che ritiene suo, la giovane, bellissima e carismatica Maria cerca subito un dialogo con Elisabetta, senza nascondere le sue intenzioni.

Il suo chiodo fisso è lo stesso di Elisabetta I: il trono d’Inghilterra, che in quanto discendente degli Stuart sente di poter rivendicare con più legittimità della cugina. Le due si arroccano sulle rispettive posizioni: Elisabetta teme un possibile matrimonio politico di Maria, che possa rafforzarne ulteriormente le istanze al trono. Maria invece è pronta a cedere sulle sue rivendicazioni, a patto di venir nominata erede di quella che considera una sorella spirituale.

Saoirse Ronan pregaHDUniversal Pictures
Saoirse Ronan sembra una novella Giovanna d'Arco: giovane, saggia, dalla fede incrollabile

La scelta avventata del proprio marito - un uomo debole e meschino - porterà Maria alla rovina. Nonostante l’intelligenza politica dimostrata in più circostanze e la nascita del figlio Giacomo, erede al trono d’Inghilterra riconosciuto da Elisabetta, Maria s’inimicherà l’ala ortodossa dei suoi sudditi e una serie di consiglieri. Sobillato il popolo, i potenti clerici e nobili trameranno contro di lei, costringendola all’esilio in Inghilterra.

Maria regina di Scozia: la recensione

L’intento della regista Josie Rourke (veterana del teatro inglese alla prima regia cinematografica) è chiaramente politico e progressista. La sua era elisabettiana è popolata (così come ci raccontano le fonti storiche più ineccepibili) di mori e asiatici, le corti sono percorse da scandali di natura ambigua e omoerotica. La pellicola punta a ricordarci quanto le pagine sbiadite della storia siano state scritte dalle passioni e dai sentimenti carnali e viscerali di uomini, e in questo caso soprattutto donne. L’intento è lodevole, la chiave di lettura garantisce un taglio fresco a una storia già raccontata, ma il risultato è poco armonico. Il film sa molto di compitino politically correct, nemmeno così coerente. Il costrutto traballa soprattutto se si considera che “la brutta” Elisabetta, sfigurata dal vaiolo, è incarnata da una donna statuaria, australiana e dalla fisionomia moderna come Margot Robbie, frenata nel suo naturale fulgore giusto da un naso posticcio davvero fasullo.

Margot Robbie è Elisabetta IHDUniversal Pictures
Una Margot Robbie defilata ruba la scena alla protagonista Ronan

Il risultato è paradossale: nonostante il film punti a voler raccontare Maria come un’eroina carismatica messa in ombra dalla vittoria di un’Elisabetta debole, invidiosa e insicura, di fatto il personaggio di gran lunga più affascinante è quello della regina inglese. Saoirse Ronan in veste di giovane martire alla Giovanna d’Arco è così perfetta nella sua saggezza, lungimiranza e bellezza da annoiare. Pur essendo “costretta” dalla storia ad apparire pochissimo - dato che si vuole suggerire che Elisabetta non abbia avuto poi molta scelta nel mettere a morte la rivale - quello di Margot Robbie è il personaggio che suscita di gran lunga più curiosità e simpatia.

Anche i costumi, i setting più vividi e le performance tutto sommato gradevoli del parterre di inglesissimi comprimari vengono spazzati via, sbiaditi e impoveriti da un paragone che viene naturale fare: quello con La Favorita di Yorgos Lanthimos. I due film sembrano un po’ le due regine di questa pellicola: così simili eppure così distanti per bellezza e carisma. Comparato al lavoro di un regista carismatico come quello greco e a una sceneggiatura ben più estrema e seducente, il film di Rourke semplicemente scompare.

Margot Robbie truccata in una scena di Maria Regina di ScoziaHDUniversal
Margot Robbie è Elisabetta I

Maria regina di Scozia arriverà nelle sale italiane il 17 gennaio 2019.

Voto6,5/10

Due star acclamate e due regine iconiche non danno vita a un grande film: il film di Josie Rourke ha qualche spunto interessante e una buona produzione, ma è schiacciato dal paragone con La Favorita.

Elisa Giudici

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.