FOX

L'attimo fuggente: Carpe Diem e le migliori frasi dal film con Robin Williams

di -

In un collegio maschile del New England il professor Keating ha rivoluzionato i metodi d'insegnamento e la vita dei suoi giovani allievi. Ecco le frasi più belle dell'intramontabile L'attimo fuggente.

Una scena de L'attimo fuggente Touchstone Pictures

1 condivisione 0 commenti

Condividi

L’attimo fuggente è un famoso film drammatico del sottogenere college e coming of age, diretto da Peter Weir nel 1989. Tra i protagonisti riconosciamo il compianto Robin Williams ma anche un giovane Ethan Hawke, che negli anni ’90 sarebbe diventato una star.

Il film è ambientato alla fine degli anni ’50 e racconta dell’arrivo del professore John Keating in un collegio maschile del New England, Welton. Ambizioso e appassionato di poesia, l’insegnante spingerà i suoi allievi a ragionare e sognare sui versi, tanto che un gruppo di ragazzi darà vita alla “setta dei poeti estinti”. La vicenda del professore, che indurrà i ragazzi ad appassionarsi al teatro, s’intreccerà con quella di due allievi: Todd e Neil.

La pellicola è diventata un cult, proprio come le numerose citazioni e frasi che contiene. Il metodo rivoluzionario e geniale del professor Keating è diventato un punto di riferimento per la didattica.

Ecco le frasi più belle da ricordare.

Le frasi di Keating

Una scen de L'attimo fuggenteHDTouchstone Pictures
Robin Williams protagonista de L'attimo fuggente

“‘O Capitano, mio Capitano!’ Chi conosce questo verso? Nessuno. Non lo sapete? È una poesia di Walt Whitman, che parla di Abramo Lincoln. Ecco, in questa classe potete chiamarmi professor Keating o se siete un po' più audaci, ‘O Capitano, mio Capitano’. Ora dissiperò alcune voci, cosicché non inquinino i fatti. Certo, anch'io ho frequentato Welton e sopravvivo, comunque a quel tempo non ero la mente eletta che avete di fronte: ero l'equivalente intellettuale di un gracile corpicino, andavo sulla spiaggia e tutti mi tiravano i libri di Byron in piena faccia”

“Io vivo per dominare la vita non per esserne schiavo!”

“Andai nei boschi perché volevo vivere con saggezza e in profondità, succhiando tutto il midollo della vita. Per sbaragliare tutto ciò che non era vita e per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto”

“Cogli la rosa quand'è il momento, che il tempo lo sai, vola! Ogni fiore che oggi sboccia,domani appassirà”

“La poesia è una scintilla di rivelazione… Il potente spettacolo continua e tu puoi contribuirvi con un verso! Quale sarà il tuo verso?”

“Lo spirito si elevava, le donne svenivano, ed è così che nuovi dei nascevano!”

“Mi piace insegnare, non voglio vivere in altri posti”

“Dunque, gli appassionati di uno sport sostengono che quello sport è intrinsecamente migliore di un altro. Per me, tutti gli sport sono occasioni in cui altri esseri umani ci spingono a eccellere”

“Continuate a strappare ragazzi. Questa è una battaglia, una guerra e le vittime sarebbero i vostri cuori e le vostre anime. Grazie mille Dalton. Armate di accademici avanzano misurando la poesia. No! Non lo permetteremo. Basta con i J. Evans Prichard. E ora, miei adorati, imparerete di nuovo a pensare con la vostra testa. Imparerete ad assaporare parole e linguaggio. Qualunque cosa si dica in giro, parole e idee possono cambiare il mondo. Quello sguardo negli occhi di Pitts dice che la letteratura dell'Ottocento non c'entra con le facoltà di economia e di medicina, vero? Può darsi. E lei, Hopkins, è d'accordo con lui e pensa: ‘Eh, sì, dovremmo semplicemente studiare il professor Prichard, imparare rima e metrica e preoccuparci di coltivare altre ambizioni’. Ho un segreto da confessarvi, avvicinatevi. Avvicinatevi. Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino: noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana, e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento, ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l'amore, sono queste le cose che ci tengono in vita”

Carpe Diem!

Una scena de L'attimo fuggenteHDTouchstone Pictures
Gli allievi in piedi sui banchi in onore di Keating

Carpe Diem! è una filosofia di vita, che il professor Keating ci tiene a impartire ai propri allievi.

Originariamente si tratta di una locuzione latina tradotta dalle odi di Orazio, che letteralmente sarebbe tradotta con “Cogli il giorno”.

Il senso della frase, che Keating fa propria e cerca di trasmettere ai ragazzi, è quello di vivere la vita in modo pieno. Oggi ci siamo, domani non più, non ha senso tergiversare, rimandare, vivere in sordina. L’invito non è quello di “abbandonarsi al piacere” sfruttando e godendo di ogni minuto, ma quello di affrontare le cose al massimo, attraversare la vita con passione, consapevoli che nessuno conosce il futuro e ogni momento del presente è unico e prezioso.

Ecco gli insegnamenti del professore su questo motto.

“Carpe Diem. Cogliete l'attimo, ragazzi. Rendete straordinarie le vostre vite. Dei due sentieri scelsi il meno battuto per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto”

“Strano a dirsi, ognuno di noi in questa stanza un giorno smetterà di respirare: diventerà freddo e morirà. Adesso avvicinatevi tutti, e guardate questi visi del passato: li avrete visti mille volte, ma non credo che li abbiate mai guardati. Non sono molto diversi da voi, vero? Stesso taglio di capelli... pieni di ormoni come voi... e invincibili, come vi sentite voi... Il mondo è la loro ostrica, pensano di esser destinati a grandi cose come molti di voi. I loro occhi sono pieni di speranza: proprio come i vostri. Avranno atteso finché non è stato troppo tardi per realizzare almeno un briciolo del loro potenziale? Perché vedete, questi ragazzi ora sono concime per i fiori. Ma se ascoltate con attenzione li sentirete bisbigliare il loro monito. Coraggio, accostatevi! Ascoltate! Sentite? ‘Carpe’, ‘Carpe diem’, ‘Cogliete l'attimo, ragazzi’, ‘Rendete straordinaria la vostra vita’!" 

“Succhiare il midollo della vita non significa strozzarsi con l'osso: c'è un tempo per il coraggio e un tempo per la cautela. E il vero uomo sa come distinguerli”

Le frasi di Neil

Neil in una scena de L'attimo fuggenteHDTouchstone Pictures
Neil, il giovane allievo di Keating

La trasformazione di Neil, nonostante il tragico finale, è uno dei leitmotiv più importanti del film. Il giovane, grazie a Keating e nonostante gli ostacoli da parte dei genitori, arriva a una nuova consapevolezza di sé.

“Venite, amici, che non è tardi per scoprire un nuovo mondo. Io vi propongo di andare più in la dell' orizzonte e se anche non abbiamo la forza che in tempi lontani mosse la terra e il cielo siamo sempre gli stessi. Unica e uguale tempra di eroici”

"Era una notte buia e gelida, e una vecchia signora che aveva la passione di costruire puzzle, se ne stava seduta in salotto, al suo tavolo a completare il suo nuovo puzzle, ma mentre metteva i pezzi insieme, si accorse, con grande stupore che l'immagine che si formava era quella del suo salotto e la figura al centro del puzzle, una volta composta, era lei stessa; con le mani tremanti sistemò allora gli ultimi quattro pezzi, e fissò inorridita il volto di un pazzo furioso alla finestra. L'ultima cosa che la vecchia signora udì, fu il rumore dei vetri infranti"

“Per la prima volta in vita mia, so che cosa voglio fare! E per la prima volta, ho intenzione di farlo! Che mio padre sia d'accordo o no! Carpe diem!”

Qual è la frase che vi ha colpito di più in questo splendido film?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.