FOX  

I Simpson attaccano Donald Trump dandogli del disertore

di -

La sitcom animata punge il presidente degli Stati Uniti durante l'11esimo episodio della 30esima stagione. Chiaro il riferimento alla sua mancata partenza verso il fronte vietnamita.

184 condivisioni 0 commenti

Condividi

I Simpson attaccano Donald Trump. Dopo averne predetto la nomina a presidente degli Stati Uniti nel 2000 - precisamente in Bart to the Future, episodio 17 dell'11esima stagione - e aver riprodotto la sua famosa discesa da una scala mobile durante la sua campagna elettorale, la famiglia più gialla della TV lo definisce un disertore di guerra. Nell'episodio n.11 della 30esima stagione, Mad About the Toy, viene chiaramente mostrato un cartello che recita una frase ben precisa.

Il nostro presidente disertore vi saluta.

La scritta, posta nel cartello d'ingresso del Veterans Administration Hospital di Springfield, è ovviamente un chiaro riferimento alla mancata partenza di Trump alla volta del Vietnam. Il magnate americano, che al tempo era poco più che uno studente, ricevette per ben 5 volte una esenzione dalla chiamata militare. In 4 casi su 5, il futuro presidente degli USA non prese parte alle spedizioni a causa dei suoi studi al college, mentre in una occasione a fermarlo fu uno sperone calcaneare. Un problema, quest'ultimo, che è stato spesso oggetto di discussione negli USA, tra chi dava ragione a Trump e chi, invece, riteneva la questione di poco conto non giustificando, così, il suo mancato arruolamento.

Ciò nonostante, il presidente americano dichiarò - in una intervista al New York Times - come fu un medico a spingere per la sua esenzione, attraverso una lettera dai toni molto duri indirizzata agli ufficiali dell'esercito statunitense.

Una missiva, questa, che non è mai stata esaminata dal quotidiano nonostante vi fosse stata un'esplicita richiesta nell'averne una copia. Dai registri militari, invece, è impossibile evincere quali furono le cause del mancato servizio di leva, non essendo specificate le motivazioni che hanno portato all'esenzione di Trump.

Una frecciata pungente da parte della sitcom animata, che spesso e volentieri ha ironizzato su episodi di attualità o di politica. Donald Trump che, dunque, torna indirettamente ne I Simpson attraverso una menzione, ad oltre tre anni e mezzo dal corto Trumptastic Voyage del 2015: in quell'occasione, Homer diventò letteralmente un sostenitore dei capelli del futuro presidente, che fu protagonista della famosa scena delle scale mobili ripresa da diversi meme e riprodotta basandosi su una apparizione pubblica dell'imprenditore.

Al presidente Trump, inoltre, furono dedicati un altro paio di corti. In uno di questi, A Tale of Two Trumps - episodio speciale della 29esima stagione -, il magnate si confronta con se stesso dopo aver sognato una serie di persone licenziate in passato. Proprio in questo mini-episodio, i capelli di Trump prendono la forma di un cane che vive sulla sua testa. Il tycoon, inoltre, ha anche incontrato il fantasma di Richard Nixon in uno di questi special. Diverse, dunque, le frecciatine ironiche all'attuale presidente americano, che resta comunque uno dei personaggi pubblici più presenti ne I Simpson da un paio d'anni a questa parte.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.