FoxAnimation  

I Simpson: dopo 25 anni ecco chi avrebbe dovuto sparare a Mr. Burns

di - | aggiornato

Né Maggie, né Smithers: i piani iniziali per l'episodio Chi ha sparato al Signor Burns erano nettamente diversi nella mente degli sceneggiatori de I Simpson.

1k condivisioni 0 commenti

Condividi

Galeotta fu la sceneggiatura pubblicata sui social. Chi ha sparato al Signor Burns resta - a distanza di oltre un ventennio - uno degli episodi più cervellotici e al contempo più riusciti della storia de I Simpson. Ricordate tutti la trama, no? Qualcuno, come suggerisce il titolo, ha esploso un colpo con un'arma da fuoco verso il milionario più cattivo di Springfield, che si accascia sulla meridiana posta di fronte al municipio. La ricerca del colpevole creò un vero e proprio caso in America, forte anche del fatto che essendo l'episodio diviso in due parti vi fu anche un discreto lasso di tempo per elaborare le teorie più assurde.

Ricapitolando: nella prima parte dell'episodio, atto conclusivo della sesta stagione, si dà modo di pensare che tutti possano effettivamente avere un legittimo motivo per far fuoco verso il Signor Burns, che di certo non è conosciuto per la sua magnanimità. Durante il secondo atto, invece, scopriamo come sia stata la piccola Maggie Simpson ad esplodere il colpo. I piani originali, però, non erano affatto questi: attraverso un post pubblicato su Twitter, infatti, Josh Weinstein - sceneggiatore che scrisse ambedue le puntate -, ha svelato quali fossero le idee iniziali per il perfetto colpevole. Un indizio? Si tratta del miglior cliente del Bar di Boe.

Sì, avete capito bene: Barney Gumble sarebbe stato, nelle idee dello staff, l'assassino perfetto. Bisogna, però, fare un po' d'ordine: nella trama originale dell'episodio tutti odiano Mr. Burns a causa dell'appropriazione di un giacimento petrolifero della città, a cui si è poi aggiunta l'oscurazione del sole. Nella bozza iniziale, però, si era convenuto che il magnate avrebbe semplicemente deciso di distruggere una area centrale di Springfield, demolendola.

Qui entra in gioco l'assassino: Barney, infatti, avrebbe deciso di consumare la propria vendetta a causa della ormai prossima demolizione della taverna. Ma perché scegliere un colpevole simile? Semplice: a dispetto delle idee iniziali, che parlavano di un omicida esterno ai fatti della serie ed introdotto proprio per l'occasione, gli sceneggiatori avevano deciso che a sparare a Burns doveva necessariamente essere un volto noto de I Simpson.

L'idea era di rendere il tutto una parodia di serie come Twin Peaks, rifacendosi però all'episodio Who shot J.R. di Dallas. Proprio nell'ottica della ricerca di un colpevole, anche Selma e Patty furono considerate delle candidate plausibili subito dopo Barney. Sia in singolo, che in coppia, le sorelle Bouvier hanno dunque rischiato di macchiarsi del delitto. E pensare che, addirittura, uno dei possibili scenari prevedeva che Selma scoprisse come Burns - con cui aveva una relazione - la tradisse con Patty. O viceversa, ovviamente: non dobbiamo scordarci, d'altronde, come si stia parlando di una sorta di gran brainstorming trascritto su carta.

Sta di fatto, però, che dopo ore di dibattito venne fuori anche il nome di Maggie Simpson. Questo, probabilmente, è stato il colpo di genio che ha dato la svolta alla puntata, in quanto la piccola non poteva per forza di cose patire conseguenze legali per il tentato omicidio. Un fattore, questo, che ha fatto spostare l'ago della bilancia proprio nei confronti della più piccola di casa Simpson: qualora i colpevoli fossero stati Barney, Patty o Selma, infatti, ciò avrebbe obbligatoriamente comportato una breve assenza dalla serie per scontare la pena in carcere.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.