FOX

Kevin Feige pensava che Iron Man non sarebbe nemmeno arrivato al cinema

di - | aggiornato

Dopo 10 anni di successi, il produttore Kevin Feige ammette che, nel 2008, ci sono stati dei momenti in cui pensava di non riuscire a portare Iron Man al cinema.

Kevin Feige parla di Iron Man di Jon Favreau, una scommessa vinta Getty Images

111 condivisioni 0 commenti

Condividi

Kevin Feige è, senza ombra di dubbio, una delle figure chiave della moderna industria cinematografica hollywoodiana. La sua visione dell'Universo cinematografico Marvel, la sua costante presenza mediatica e la sua dedizione a ogni singolo progetto l'hanno portato a essere una figura di riferimento, insostituibile e determinante nei successi Marvel al cinema.

L'avventura targata Marvel Studios è iniziata con i film Iron Man e L'Incredibile Hulk, nel 2008. Lo straordinario successo di Iron Man ha permesso poi agli studi di continuare a produrre film con il logo Marvel. 

Feige ha parlato di questo successo a Variety, con queste parole:

È surreale. Da un certo punto di vista è incredibilmente soddisfacente. Dall'altro lato è quasi incredibile, considerando da dove siamo partiti. C'erano giorni in cui non ero sicuro che saremmo riusciti a portare Iron Man nei cinema. C'erano giorni in cui pensavo che Avengers [il film] fosse un sogno irraggiungibile. E c'erano giorni in cui, dopo Avengers, pensavo 'bene, ora che facciamo?'.

Iron Man in una scena del film omonimo del 2008HDMarvel Studios
Una scena del film Iron Man, 2008

Nel 1996, a causa della bancarotta provocata da Ronald O. Perelman - che aveva acquistato Marvel nel 1989 senza curarsi di coprire i debiti -, Marvel vendette i diritti di alcuni dei suoi più significativi supereroi, percependo introiti dai film che venivano realizzati con essi. Dopo che le finanze si rimisero in sesto, Marvel decise di provare a creare il proprio studio di produzione ma rimanevano a disposizione solo i personaggi cosidetti "minori". Iron Man era uno di questi.

Venne scelto Jon Favreau per la regia e Robert Downey Jr. per la parte del protagonista. Per tutti, si trattava di una rivalsa ed era come se si dovesse vincere una scommessa. Nello stesso anno venne prodotto anche L'incredibile Hulk, la cui scena dei titoli di coda sanciva la volontà dei Marvel Studios di realizzare un universo condiviso.
Nella scena in questione, infatti, appare Tony Stark che parla di riunire un certo gruppo (gli Avengers).

Feige ha continuato dicendo:

Penso che nessuno, in un milione di anni, possa pianificare la realizzazione di uno studio costruito come i Marvel Studios, scelta che con il senno di poi è stata incredibilmente efficace. Abbiamo lavorato in quasi tutti gli studi della città, tranne in quelli di Warner Bros. e di Disney, abbiamo, quindi, potuto vedere i meccanismi interni ai massimi livelli e abbiamo imparato incredibili lezioni dall'interno: alcuni flussi che pensavamo fossero buoni esempi di come fare un film e altri che forse non erano poi così buoni. Quindi, quando abbiamo finitoper sfruttare il crollo del mercato pre-2008 e abbiamo ottenuto finanziamenti da Merrill Lynch - che Avi Arad e David Maisel insieme hanno portato a un totale di mezzo miliardo di dollari per 10 personaggi. Ero molto emozionato, perché a quel punto iero molto, molto pronto a guidare la parte creativa.

Kevin Feige ha ricevuto, dai PGA (l'associazione dei produttori cinematografici e televisivi statunitensi) il premio Selznick per l'incredibile lavoro svolto nel settore cinematografico. Il premio è considerato uno dei più prestigiosi onori di Hollywood.

Recita così il comunicato della PGA:

In qualità di Presidente di Marvel Studios dal 2007 e produttore di ciascuno dei suoi 20 film di genere fino a oggi, Feige ha ampiamente il merito di aver creato l'inedito e in continua espansione Universo Cinematografico Marvel.

Il presidente del settore marketing di The Walt Disney Studios ha pubblicato su Twitter una foto della cerimonia, che si è tenuta giorno 19 gennaio 2019 al Beverly Hilton Hotel. Robert Downey Jr. ha avuto l'onore di consegnare il premio a Kevin Feige.

Dopo aver ricevuto il premio, Kevin Feige ha dichiarato:

Far parte di così tanti dei miei eroi e mentori nel ricevere il premio David O. Selznick è una delle esperienze più significative della mia carriera e sono davvero grato ai miei colleghi della Producers Guild of America per questo riconoscimento. Voglio anche ringraziare la mia famiglia Marvel Studios, che è stata con me in ogni fase del percorso e senza la quale non avrei mai fatto questo fantastico viaggio.

Con Ant-Man and the Wasp si sono conclusi i primi 10 anni targati Marvel Studios. L'avventura, però, continua con Captain Marvel al cinema dal 6 marzo, e, ovviamente, con Avengers: Endgame dal 24 aprile nei cinema italiani.

Come saranno i prossimi 10 anni Marvel Studios?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.