FOX

Spider-Man: Homecoming, 15 curiosità sul film con Tom Holland

di - | aggiornato

Sapevate che l'esordio nel MCU del Peter Parker di Spider-Man: Homecoming risale al 2010? Questa e altre curiosità sul film del 2017 con Tom Holland nei panni del protagonista.

Immagine promozionale del film Spider-Man: Homecoming Marvel Studios

124 condivisioni 0 commenti

Condividi

Nonostante Spider-Man sia uno dei super-eroi del mondo Marvel più amati in assoluto, il primo film dedicato alle avventure di Peter Parker prodotto (anche) dai Marvel Studios, e quindi incluso nell'esteso Marvel Cinematic Universe, è arrivato solo nel 2017. Un vero e proprio ritorno a casa, come suggerisce l'Homecoming del titolo, che dunque non si riferisce solo al tradizionale ballo scolastico.

Spider-Man: Homecoming è fondamentale anche per il filo diretto che unisce tutti i capitoli del MCU, e per il futuro di quest'ultimo. Il Bimbo Ragno (grazie Tony!) si è mostrato al grande pubblico già in Captain America: Civil War (2016), reclutato da Tony Stark in vista dell'imminente scontro con Steve Rogers e compagni, ed è proprio con il tanto geniale quanto sregolato miliardario che stringe un rapporto determinante per la sua crescita, vedendo in lui il mentore di cui ha bisogno.

Peter Parker e Tony Stark in una scena di Spider-Man: HomecomingMarvel Studios

Il Peter Parker di Tom Holland ha 15 anni, frequenta il liceo e ha ancora molto da imparare, ma vuole bruciare le tappe, compie azioni senza pensare alle conseguenze perché fin troppo sicuro dei suoi poteri. Il giovane newyorkese è spensierato, sembra non portare il fardello della storica frase "Da un grande potere derivano grandi responsabilità" pronunciata da suo zio Ben.

Ma Ben Parker, nonostante nei fumetti sia una figura fondamentale nella vita di Peter, non è presente in Spider-Man: Homecoming. E questa è solo una delle tante curiosità sul film diretto da Jon Watts!

Spider-Man: Homecoming (2017)

Data uscita in Italia: 06 luglio 2017 voto 7,5

1 - Peter Parker nel MCU già nel 2010

Il Peter Parker di Spider-Man: Homecoming ha esordito nel Marvel Cinematic Universe prima di quanto si possa pensare, e precisamente in Iron Man 2 del 2010. Quella che inizialmente si pensava fosse solo una teoria dei fan, è stata poi confermata da Tom Holland.

Screen della pellicola Iron Man 2 con un bambino che indossa la maschera di Iron ManHDMarvel Studios

In una scena di Iron Man 2 si vede un bambino con la maschera di Iron Man affrontare uno dei pericolosi droni scatenati sulla folla da Justin Hammer (Sam Rockwell). Ebbene, quel bambino è proprio Peter Parker, fortunatamente salvato dall'intervento del suo idolo.

Di seguito le parole del protagonista:

Lo confermo, è Peter Parker. Posso confermarlo oggi, ho letteralmente parlato con Kevin Feige [il presidente dei Marvel Studios, n.d.R.] appena 20 minuti fa. È una cosa figa, mi piace l'idea che Peter Parker faccia parte di questo universo sin dal principio.

Una scena di Iron Man 2 in cui un giovane Peter Parker affronta uno dei droni di HammerHDMarvel Studios

2 - Tom Holland, il più giovane degli Spider-Man

Tom Holland è l’attore più giovane ad aver portato Spider-Man sul grande schermo. L’attore britannico aveva infatti solo 20 anni quando esordì in Captain America: Civil War (2016).

Peter Parker (Tom Holland) indossa il costume di Spider-Man in una scena di HomecomingHDMarvel Studios

Facendo un confronto con i suoi predecessori, Tobey Maguire aveva 27 anni quando nel 2002 arrivò Spider-Man nelle sale cinematografiche; Andrew Garfield invece 29, con The Amazing Spider-Man del 2012.

3 - Marisa Tomei come Tom Holland

Come nel caso di Tom Holland con Peter Parker, anche Marisa Tomei è l’attrice più giovane ad aver interpretato Zia May in un film sull'arrampicamuri.

Marisa Tomei in una scena di Spider-Man: HomecomingHDMarvel Studios
Marisa Tomei è una giovanissima Zia May in Spider-Man: Homecoming

L’attrice statunitense aveva 52 anni quando apparve in Captain America: Civil War. Prima di lei, Rosemary Harris (74) in Spider-Man di Sam Raimi e Sally Field (65) in The Amazing Spider-Man di Marc Webb.

4 - Il consiglio del regista

Prima delle riprese il regista Jon Watts ha chiesto a tutto il cast di guardare alcuni film di John Hughes, come Breakfast Club (1985) e Una pazza giornata di vacanza (1986). Il motivo? Dare una prima idea del tono del film, e il richiamo alla vita da liceali delle citate pellicole anni '80 è evidente in Homecoming.

Durante una lunga intervista rilasciata a Yahoo nel 2017, Tom Holland ha dichiarato:

Jon ci ha dato i titoli di tantissimi film anni '80 come Bella in Rosa, Ritorno al Futuro, Breakfast Club, Una Pazza Giornata di Vacanza e ha voluto che li guardassimo prima dell’inizio delle riprese. Volevo a tutti i costi cercare di essere il Marty McFly della nostra generazione e mi ha fatto tanto piacere quando un giornalista mi ha paragonato a lui.

5 - Jennifer Connelly è Karen

La voce di Karen, l’intelligenza artificiale integrata nel costume di Spider-Man creato da Tony Stark, è di Jennifer Connelly. Una scelta (forse) non casuale, considerando che l’attrice è nella vita reale la moglie di Paul Bettany, ovvero colui che nel MCU prima presta la voce a Jarvis, IA delle armature di Iron Man, e poi interpreta Visione.

Foto di Jennifer Connelly alla prima di Solo: A Star Wars StoryHDGetty Images

Per Jennifer Connelly, inoltre, non si stratta della prima partecipazione ad un film appartenente all’universo Marvel. L’attrice statunitense ha infatti interpretato Betty Ross in Hulk del 2003, diretto da Ang Lee.

6 - Il ritorno di Pepper Potts

Spider-Man: Homecoming segna il ritorno di Gwyneth Paltrow sul set di un film del Marvel Cinematic Universe. Dopo quattro anni (Iron Man 3 del 2013), l'attrice statunitense torna a vestire, per una scena dopo i titoli di coda, i panni di Pepper Potts, segretaria personale e fidanzata storica di Tony Stark.

Pepper Potts (Gwyneth Paltrow) e Tony Stark in una scena di Spider-Man: HomecomingHDMarvel Studios
Pepper Potts in una scena dopo i titoli di coda di Spider-Man: Homecoming

7 - Il nonno del preside Morita

ll preside della Midtown School of Science and Technology frequentata da Peter Parker si chiama Morita, proprio come il Jim Morita di Captain America: Il primo vendicatore. I due sarebbero legati da una stretta parentela. Il primo indizio a sostegno di questa ipotesi è che ad interpretare i due personaggi è lo stesso attore, ovvero Kenneth Choi.

Una scena di Spider-Man: Homecoming con il preside Morita e Peter ParkerMarvel Studios
Peter Parker convocato nell'ufficio del preside Morita!

Il secondo indizio, forse ancora più importante, è che nell’ufficio del preside è presente una foto che ritrae anche il soldato Jim Morita, membro dell’Howling Commandos durante la Seconda Guerra Mondiale. Difficile si tratti solo di una coincidenza.

Una scena di Captain America: il primo vendicatore in cui appare anche Jim MoritaMarvel Studios
Jim Morita (sulla sinistra) con Captain America e il futuro Soldato d'Inverno

8 - Miles Morales

In una scena del film, Spider-Man interroga (un po' goffamente) il ladro Aaron Davis, interpretato dal cantante e attore Donald Glover, per ottenere informazioni sulla banda di pericolosi malviventi capitanati da Adrian Toomes / Avvoltoio. La sua esistenza nel MCU è più importante di quanto si possa pensare.

Aaron Davis (Donald Glover) in una scena di Spider-Man: HomecomingHDMarvel Studios
Aaron Davis, lo zio di Miles Morales

Intrappolato dalle ragnatele di Spider-Man, Davis decide di chiamare suo nipote per avvisarlo che farà tardi all’appuntamento. Il nome del nipote? Miles! Sì, si tratta proprio di Miles Morales, personaggio afro-americano dell’universo Ultimate che vestirà i panni dell’eroe di New York. Nei fumetti, invece, lo zio è il super-criminale Prowler.

Una tavola di Miles Morales nei panni di Spider-ManMarvel Comics

Nella stessa scena spunta anche un altro easter-egg. La targa dell’auto di Davis è UCSM01, un riferimento a Ultimate Comics Spider-Man #1, ovvero il fumetto in cui esordisce lo Spider-Man di Miles Morales.

Spider-Man interroga il ladro Aaron Davis in una scena di Spider-Man: HomecomingHDMarvel Studios

9 - Le ali del ragno

Il film diretto da Jon Watts è il primo tra tutti quelli dedicati all'arrampicamuri in cui il costume che indossa Peter Parker - un regalo di Tony Stark - è munito delle iconiche ali di ragnatela. Un chiaro omaggio ai primi fumetti della Casa delle Idee sull'eroe creato da Stan Lee e Steve Dikto nel 1962.

Le ali del costume di Spider-Man creato da Tony Stark si mostrano in una scena di HomecomingHDMarvel Studios

10 - Voi non siete i Vendicatori!

La scena della rapina ad un ATM del Queens, in cui i malviventi indossano le maschere dei Vendicatori, riprende quasi fedelmente i fumetti.

Uno screen della scena di Homecoming dove Spider-Man affronta dei ladri che indossano le maschere dei VendicatoriHDMarvel Studios

In uno scontro raccontato nella serie Ultimate Spider-Man, curata da Michael Bendis e Mark Bagley, l'alter ego di Peter Parker coglie sul fatto un gruppo di rapinatori che indossano le maschere di Iron Man, Captain America e… Batman!

Tavola di un numero di Ultimate Spider-Man dove l'Uomo-Ragno affronta dei malviventi che indossano le maschere dei VendicatoriHDMarvel Comics

11 - Non solo Iron Man e Captain America

Iron Man (Tony Stark) e Captain America (Steve Rogers) non sono gli unici membri degli Avengers ad apparire in Spider-Man: Homecoming. A fare la sua (breve) comparsa è infatti anche Bruce Banner, ovvero Hulk.

Una scena di Spider-Man: Homecoming in cui è visibile la foto di Bruce Banner all'interno di un'aula della scuolaHDMarvel Studios
Bruce Banner, grande uomo di scienza (ultima foto a destra)

In un’aula della scuola di Peter Parker sono ben visibili foto e ritratti di illustri figure del mondo della scienza, come Howard Stark (il padre di Tony) e, appunto, Bruce Banner (Mark Ruffalo).

12 - MJ, non è come sembra

Nonostante in Spider-Man: Homecoming si faccia chiamare MJ, il personaggio interpretato da Zendaya non deve essere confusa con la ben più nota Mary Jane Watson, uno dei grandi amori di Peter Parker.

MJ (Zendaya) in una scena di Spider-Man: HomecomingMarvel Studios

Intervistato da IGN, anche il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige ha voluto sottolineare questa importante differenza, definendo questo un omaggio allo storico personaggio:

Non l'abbiamo mai considerata come una grande rivelazione, ma più come un omaggio alle sue avventure e ai suoi amori del passato. Lei [la MJ di Zendaya] non è Mary Jane Watson, non lo è mai stata. È sempre stato questo nuovo personaggio del liceo, Michelle. C'è la presenza di una 'M' sia in Michelle che in Mary, e abbiamo pensato che sarebbe stato divertente le sue iniziali fossero state MJ. 

13 - Il Riparatore e Scorpion

Fa parte della banda di criminali formata dall’Avvoltoio (Michael Keaton) anche Phineas Mason. Nel film gli viene dato poco spazio, ma nei fumetti, dove'è noto come Riparatore, è uno dei primi nemici di Spider-Man. La sua prima apparizione risale infatti al 1963, sul secondo numero di The Amazing Spider-Man.

Phineas Mason è Il Riparatore in Spider-Man: HomecomingHDMarvel Studios
Phineas Mason è Il Riparatore in Spider-Man: Homecoming

Un altro storico nemico di Spider-Man è Scorpion, che appare in una delle due scene dopo i titoli di coda di Homecoming.

Primo piano di Mac Gargan (Scorpion) in Spider-Man: HomecomingHDMarvel Studios
Mac Gargan è Scorpion in Spider-Man: Homecoming

Toomes / Avvoltoio, in prigione dopo la cattura, si imbatte in Mac Gargan, che ha un evidente tatuaggio di uno scorpione sul collo. Gargan, anche lui arrestato dopo uno scontro con Spider-Man, chiede informazioni sulla vera identità dello spararagnatele. Mentendo, a sorpresa, Toomes risponde:

Se lo avessi saputo, sarebbe già morto.

14 - E il senso di ragno?

No, in Homecoming l'amichevole Spider-Man di quartiere non sembra possa far affidamento sul senso di ragno, ovvero un sesto senso premonitore che si attiva in caso di minaccia.

Il manifestarsi del senso di ragno illustrato su una tavola di un fumetto di Spider-ManHDMarvel Comics

Un'assenza non da poco, notata dai più e così giustificata dal regista Jon Watts:

L’idea era quella di fare un film con meno cose già viste, e una sequenza con i sensi di ragno ben realizzata è già inclusa nei film di Marc Webb e Sam Raimi.

Lo stesso però non si può dire per Avengers: Infinity War, dove il senso di ragno avverte Peter Parker dell’arrivo a New York di una delle Q-Ship con a bordo Fauce d’Ebano e Astro Nero, due membri dell’Ordine Nero al servizio di Thanos.

Una GIF mostra il rivelarsi dei sensi di ragno in Avengers: Infinity WarMarvel Studios

15 - Batman una volta, Batman per sempre

Il successo di Michael Keaton nel mondo del cinema è dovuto anche al ruolo di Batman. L’attore ha infatti interpretato il cavaliere oscuro nelle pellicole del 1989 e 1992 dirette da Tim Burton.

Primo piano di Batman (Michael Keaton) nell'omonimo film del 1989 diretto da Tim BurtonHDWarner Bros. / DC
Michael Keaton nei panni di Batman nell'omonimo film del 1989

Nonostante siano passati ormai molti anni, l’eroe di Gotham è rimasto nel cuore dell’attore, che ha citato una sua celebre battuta durante le riprese di Homecoming, come ha raccontato Tom Holland:

C’è una grande scena - che non è inclusa nel film, è stata tagliata - dove io trascino l’Avvoltoio fuori dalle fiamme, sta per morire ma riesco a salvarlo. Lo lascio steso sulla sabbia e mi chiede ‘Perché mi hai salvato?’, e io rispondo ‘Perché io sono Spider-Man’, e allora lui risponde ‘Ma io sono Batman’.

Quale curiosità vi ha colpito di più? Quale particolare vi era sfuggito durante la visione del film?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.