FOX

Scienziati costruiscono un lucertolone robotico basandosi su un fossile

di -

L'obiettivo di OroBOT è quello di ricostruire l'andatura dell'animale preistorico, molto simile a quella di un caimano.

Scatto ravvicinato dell'OroBOT Tomislav Horvat/K. Melo

104 condivisioni 0 commenti

Condividi

Per cercare di capire come si muovessero alcune delle creature che abitavano la Terra tante ere fa, paleontologi, ingegneri e informatici hanno collaborato alla creazione di un Orobates pabsti robotico.

La creatura preistorica, che popolava le foreste dell'attuale Germania 280 milioni di anni or sono, apparteneva a una classe di vertebrati terrestri che si nutrivano di piante. Si può considerare un po' un "cugino alla lontana" degli attuali rettili, uccelli e mammiferi.

Per questo motivo è un ottimo organismo su cui condurre ricerche. Inoltre gli esperti sono in possesso di scheletro e impronte fossili ben preservati dell'Orobates pabsti, ciò ha permesso quindi di realizzare un robot che ne simulasse alla perfezione la camminata per arrivare a formulare teorie sulla sua locomozione.

Gli scienziati avevano previsto che l'Orobates potesse trascinare il suo corpo lungo il terreno come una salamandra, ondeggiando da un lato all'altro, ma senza modellazione 3D sarebbe stato impossibile comprenderne il ritmo del movimento.

Il culmine dello studio è stato raggiunto con la realizzazione dell'OroBOT. Usando 28 motori e parti stampate in 3D, la creatura è stata così riportata in vita in una versione quasi fantascientifica.

Gli scienziati hanno concluso che la locomozione dell'Orobates era molto più avanzata e complessa di quanto pensassero.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.