FOX

1997: Fuga da New York, il remake del cult è in lavorazione

di - | aggiornato

Il remake di 1997: Fuga da New York è ormai realtà. 20th Century Fox ha incaricato Leigh Whannell della sceneggiatura.

Kurt Russell in una scena del film di Carpenter AVCO Embassy Pictures

6 condivisioni 0 commenti

Condividi

Settimana indimenticabile per Leigh Whannell: dopo aver chiuso un accordo con Universal Pictures che lo vedrà alla regia de L'Uomo Invisibile, il cineasta/writer si è visto affidare da 20th Century Fox lo script di un altro rifacimento di un franchise di successo, 1997: Fuga da New York, il film di culto del 1981 diretto da John Carpenter e con protagonista Kurt Russell nei panni di Jena Plissken (nell'originale "Snake").

Stando a quanto rivelato da The Hollywood Reporter, il contratto stipulato tra Fox e Whannell prevede al momento solo la sceneggiatura dello sci-fi action. Tuttavia le probabilità che l'autore delle saghe di Saw e Insidious si occupi (anche) della regia sono piuttosto alte.

1997: Fuga da New York, Carpenter produttore esecutivo

Secondo quanto riportato da THR, il remake di 1997: Fuga da New York vedrà il deus ex machina del franchise, John Carpenter, figurare in veste di produttore esecutivo (tra i producer, invece, troveremo Andrew Rona e Alex Heineman).

Sono anni che il cult di fantascienza, dopo un sequel così così, stimola il dibattito tra i fan circa la necessità o meno di un remake/reboot. Esiste al momento una sceneggiatura del progetto scritta da Neil Cross, il creatore della serie TV Luther, che Robert Rodriguez avrebbe dovuto trasformare in film. Finora, però, tutto è rimasto in stand-by. Con l'entrata in scena di Whannell sembra che si faccia finalmente sul serio.

Whannell è chiamato ad un compito assai arduo, specie considerando il mediocre livello dei reboot e remake anni '80 visti finora. Ciò che fa ben sperare è il suo passato "horror" accanto all'amico James Wan e il suo thriller dark di fantascienza Upgrade con protagonista Logan Marshall-Green. 

Il film originale del 1981 era ambientato in un futuro distopico (allora fissato al 1997) in cui Manhattan era stata trasformata in una prigione di massima sicurezza a cielo aperto, costantemente sorvegliata e delimitata da un muro di contenimento (quasi) invalicabile. In seguito ad un disastro aereo in cui era stato coinvolto il Presidente degli Stati Uniti d'America, un fuorilegge - Jena Plissken - veniva incaricato sotto ricatto di trarre in salvo l'uomo più potente degli USA.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.