FOX

Il cloud gaming non ucciderà (per ora) le console, secondo PlayStation

di -

Il chief financial officer di PlayStation ne è sicuro: il cloud gaming non è ancora pronto per sostituire le console. Lo streaming diventerà lo standard solo dopo l'uscita di PS5?

PS4 Pro, la console più potente di Sony Sony

47 condivisioni 0 commenti

Condividi

Videogiocare "tra le nuvole" rappresenta il futuro stesso dell'industria in pixel e poligoni.

Per molti produttori di hardware e software videoludici, il cloud gaming è infatti la strada d'elezione per la definitiva evoluzione del concetto di videogame. Ed in particolare della sua fruizione. L'obiettivo è cristallino: non sarà più necessario possedere fisicamente una console, ma basterà impugnare il controller per lanciarsi nelle più svariate avventure, le cui immagini verranno inviate in streaming alla televisione, collegando un dispositivo, se non addirittura utilizzando solamente delle app da installare sulle moderne Smart TV.

Si potrebbe pensare che sia fantascienza, ma il gaming via cloud è già una timida realtà. Pensiamo a PlayStation Now, servizio targato Sony in arrivo anche in Italia, o a GeForce Now di Nvidia. O ancora ai massici investimenti nel campo di Google, Amazon e Microsoft - qualcuno ha detto Project xCloud

D'altronde poter videogiocare in qualsiasi momento non è allettante solo per i consumatori, ma anche per i grandi attori del settore, che potrebbero raggiungere un bacino di utenza paragonabile a quello mobile. Svincolati da silicio, Blu-ray e cartucce, i gamer potranno testare emozioni virtuali su un qualsiasi schermo. A patto di essere connessi in banda larga.

Considerate le premesse, è allora naturale chiedersi quale impatto potrebbe avere videogiocare in cloud per la sopravvivenza delle console. Una domanda a cui ha riposto uno dei "colletti bianchi" in forze nella scuderia Sony.

Hiroki Totoki sul futuro dei videogiochi

Si tratta di Hiroki Totoki, il chief financial officer di PlayStation, le cui dichiarazioni in merito sono state riportate dal sito SegmentNext.

Stando a Totoki, non ci troviamo ancora nel periodo storico e tecnologico favorevole per la diffusione di massa del cloud gaming. Di conseguenza, per quanto si tratti di una tecnologia dall'altissimo potenziale, non è ancora in grado di minacciare il mercato delle console. Sarà il tempo, come sempre, a recitare la parte del "signore": solo in futuro le piattaforme casalinghe di Sony, Microsoft e Nintendo diventeranno obsolete, assieme all'esplosione di connessioni più performanti in tutto il mondo.

PlayStation Now debutterà in Italia nel corso del 2019HDSony

Le già chiacchierate PlayStation 5 e Xbox Scarlett - prossime console dei due colossi rivali - potranno quindi regalarci a lungo emozioni per tutto il loro - si spera lungo! - ciclo vitale. Per la completa affermazione del gaming in cloud toccherà attendere ancora, con licenza di sognare. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.