FoxCrime  

[Spoiler!]

N.C.I.S. e Ziva David: è davvero un ritorno o sono solo indizi?

di - | aggiornato

Ziva David indagava personalmente su alcuni casi, nel tempo libero. Senza che Gibbs o gli altri della sua squadra N.C.I.S. lo sapessero. Grazie ai suoi appunti, Bishop risolve un vecchio caso. E riceve un biglietto…

1k condivisioni 0 commenti

Condividi

Il trailer di N.C.I.S. per il Super Bowl ce l’aveva anticipato: Ziva David torna in campo. L’agente interpretata da Cote de Pablo mancava ormai da diverso tempo. Soprattutto, sembrava che la sua assenza sarebbe stata definitiva: nella stagione 13 era stata data per morta.

Ma l’episodio con il suo ritorno è andato in onda negli USA, e ora la situazione è molto più complessa di quanto potessimo pensare. Ziva infatti non è tornata, almeno finora: la questione principale è solo una. Gli indizi secondo i quali sarebbe ancora viva sono affidabili?

N.C.I.S.: Ziva DavidHDCBS Studios
N.C.I.S.: Ziva David

L’episodio, intitolato“She” (Lei), ruota attorno al vecchio caso di una persona scomparsa.

Attenzione! Possibili spoiler!

Le informazioni su Ziva sono legate principalmente a un biglietto, ritrovato nel suo ufficio segreto. Un ufficio la cui esistenza viene scoperta contestualmente alle indagini di Ziva su un vecchio caso: il presunto suicidio di una donna, Morgan Burke, recluta della Marina che secondo Ziva invece era stata uccisa.

La donna aveva lasciato una figlia, una bambina che la squadra di Gibbs trova, nascosta, durante un sopralluogo.

Ziva, lavorando in segreto senza che Gibbs o altri lo sapessero, aveva stilato una lista di sospettati e al primo posto c’era l’uomo al quale Morgan era sentimentalmente legata.

Incuriosita dal lavoro dell’agente David, Bishop - l’agente che ha di fatto preso il posto di Ziva nella squadra di Gibbs - inizia a indagare e scopre che Ziva aveva ragione: Morgan viene ritrovata. Era stata rapita dal suo fidanzato.

Ed è proprio a lei, a Bishop, che Ziva ha lasciato il biglietto al centro del mistero:

Attenzione! Possibili spoiler!

Eleanor Bishop, per la sicurezza della mia famiglia, per favore mantieni il mio segreto.

Come riporta TVLine, l’eventualità che Ziva sia effettivamente viva è legata principalmente a questo biglietto, che farebbe pensare a una morte inscenata per evitare ripercussioni sui suoi cari, ma ci sono anche altri indizi.

Principalmente legati ai casi sui quali Ziva - contro gli ordini di Gibbs - continuava a lavorare...

Arrivando a infrangere una delle regole-base: Mai lasciarsi coinvolgere personalmente in un caso.

Ed è proprio questo, il coinvolgimento personale, il punto: Bishop in qualche modo ha ricevuto un messaggio diretto. Un avvertimento. Una richiesta... Forse Ziva è viva e la tiene d’occhio. O forse, dietro c’è qualcun altro e in futuro scopriremo chi ha inscenato tutta la storia.

Ma su un fatto non si discute: Eleanor Bishop, adesso, è personalmente coinvolta nel caso della presunta morte di Ziva.

Uscita di scena nella stagione 11, Ziva era stata infatti data per morta durante un attacco terroristico, ma l’evento non ci era stato mostrato e nessuno della squadra si trovava sul posto per un’eventuale verifica, al momento. Rimasto l’unico a potersi prendere cura della figlia avuta con Ziva, Tony DiNozzo aveva a sua volta lasciato la scena, ma ora sono proprio lui e la bambina al centro dei riflettori.

Attenzione! Possibili spoiler!

Sono loro la “famiglia” in pericolo, in caso si scoprisse che Ziva è Viva?

Il caso sta appassionando i fan statunitensi di N.C.I.S., che non hanno mai smesso di rimpiangere Ziva e DiNozzo, la coppia più amata della serie (insieme, naturalmente, al personaggio di Abby Sciuto).

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.