FOX

American Hustle: 15 curiosità sul film (tratto da una storia vera)

di - | aggiornato

Dallo scandalo Abscam ai bigodini di Bradley Cooper, ecco 15 curiosità su American Hustle - L'apparenza inganna.

Christian Bale e Bradley Cooper in una scena del film Eagle Pictures

1 condivisione 0 commenti

Condividi

La gente crede solo a quello che vuole credere. È il mantra di Melvin Weinberg, truffatore di professione, arruolato dall'FBI sul finire degli anni '70 per un'operazione sotto copertura denominata Abscam, mirata ad incastrare membri del Congresso corrotti.

American Hustle - L'apparenza inganna, la pellicola diretta da David O. Russell, ricostruisce con diverse licenze proprio tale vicenda, dichiarando fin dai titoli di testa che "alcuni di questi fatti sono accaduti realmente".

Nessuno inganna nessuno, insomma, tant'è che il protagonista Irving Rosenfeld, impersonato da un irriconoscibile Christian Bale, prende le mosse dal vero truffatore al soldo dei federali, così come gli intrecci e gli inganni che via via si susseguono all'interno del film romanzano parecchio la realtà dell'epoca, tra triangoli amorosi e nomi fittizi.

American Hustle racconta di un accordo stipulato tra il falsario Irving Rosenfeld, la sua amante Sydney Prosser (Amy Adams) e l'ambizioso agente federale Richie Di Maso (Bradley Cooper), teso a smascherare alcuni politici corrotti. In cambio della libertà vigilata (evitando così una condanna ad una pena detentiva), Rosenfeld crea una società fittizia e si presenta a diversi uomini di spicco della politica come rappresentante di uno sceicco arabo (lo interpreta Michael Peña, sua una delle scene più esilaranti del film) intenzionato ad ottenere, dietro cospicue tangenti, licenze per investire nei casinò di Atlantic City.

Dalla finzione alla realtà e di nuovo alla finzione, con O. Russell interessato solo in una certa misura a portare sul grande schermo uno dei più grossi scandali del sistema politico statunitense. Il regista de Il lato positivo fonde la cronaca con la fiction, il pubblico col privato, raccontando non solo gli inganni di un abile informatore dell'FBI ma pure una fitta rete di relazioni umane fondate sulla bugia e sul tradimento: Rosenfeld, tanto per fare un esempio, nasconde la verità alla moglie - Jennifer Lawrence - circa la sua relazione con la seducente Sydney; allo stesso tempo tradisce la fiducia del sindaco, poi condannato, Carmine Polito (Jeremy Renner), facendolo cadere nella trappola orchestrata dai federali.

Tornando alla realtà, "la stangata" dell'informatore Weinberg portò all'arresto di sei membri della Camera dei rappresentanti degli Stati Unite d'America e di un senatore, oltre che di una lunga lista di figure minori della politica e della pubblica amministrazione.

Per saperne di più sul film e sullo scandalo Abscam, ecco le 15 curiosità sul lungometraggio di O. Russell e sulla storia vera da cui è tratto:

Una scena di American HustleHDEagle Pictures

15 curiosità su American Hustle - L'apparenza inganna

  1. David O. Russell ha dichiarato che Robert De Niro non riconobbe Christian Bale sul set, nonostante fosse a conoscenza della sua presenza nel film. De Niro, ha avuto modo di rivelare il regista "indicò Bale e mi chiese chi fosse". Era completamente sbalordito dalla trasformazione fisica dell'ex Batman.
  2. Ci sono oltre duecento effetti visivi nel film, quasi tutti necessari per rimuovere digitalmente le auto moderne e gli edifici che non erano presenti nel biennio 1978-1980.
  3. Christian Bale venne scelto come protagonista, ma a causa di alcuni impegni, fu costretto in un primo momento a rinunciare al film e sostituito da Bradley Cooper, con Jeremy Renner dirottato nel ruolo inizialmente affidato a Cooper. Tuttavia, in un secondo momento, Bale riuscì a smarcarsi dai propri impegni lavorativi e David O. Russell inserì in sceneggiatura il personaggio di Carmine Polito per Renner.
  4. Il film è un racconto romanzato dello scandalo Abscam (abbreviazione di Abdul Scam).
  5. Il personaggio di Carmine Polito è ispirato al vero Sindaco di Camden, nel New Jersey, Angelo Errichetti, risucchiato nello scandalo Abscam e condannato a tre anni di carcere con le accuse di corruzione. È morto all'età di 84 anni, nel maggio del 2013, solo pochi mesi prima dell'uscita di American Hustle.
  6. Questa è la quarta volta che Christian Bale mette a dura prova il suo corpo, dando vita ad un'impressionante trasformazione fisica: rachitico in L'uomo senza sonno (2004) (per il quale perse oltre 28 kg di peso), ancora visibilmente dimagrito ne L'alba della libertà (2006) e in The Fighter (2010), altra pellicola diretta da O. Russell. In American Hustle, invece, l'attore è ingrassato di circa 40 kg, il che lo ha portato ad avere alcuni problemi di natura fisica legati alla postura.
  7. Già all'inizio degli anni '80, il regista francese Louis Malle fu sul punto di girare un film sulla vicenda di Abscam, intitolato Moon Over Miami. Dan Aykroyd e John Belushi sarebbero stati protagonisti, con Belushi nei panni di un truffatore e Aykroyd in quelli dell'agente dell'FBI. La morte di Belushi, nel marzo 1982, portò all'accantonamento del progetto.
  8. Tutti e cinque i protagonisti hanno recitato in almeno un cinecomic: Christian Bale nella trilogia de il cavaliere oscuro; Bradley Cooper come Rocket Racoon nell'universo cinematografico Marvel; Amy Adams nei panni di Lois Lane nell'universo esteso DC; Jennifer Lawrence è la Raven (Mystica) della saga degli X-Men; Jeremy Renner è Clint Barton nell'universo cinematografico Marvel (lo vedremo presto in Avengers: Endgame); Michael Peña ha interpretato Luis, l'amico di Scott Lang, nei due film di Ant-Man.
  9. Il bambino che "il sindaco" Jeremy Renner bacia per le strade di Camden è la piccola Ava Berlin Renner, figlia dell'attore, nata durante la produzione. La donna che tiene Ava in braccio nella scena è la compagna di Renner, Sonni Pacheco.
  10. E stata di Bradley Cooper l'idea di dare a Richie DiMaso un'acconciatura con la permanente. Sempre sua la trovata di far indossare i bigodini all'agente nella scena dell'appartamento di Richie.
  11. Insieme a Gangs of New York (2002) e Il Grinta (2010), American Hustel è il terzo film col più alto numero di nomination - ben 10 - agli Academy Award senza tuttavia essere riuscito ad aggiudicarsene una.
  12. La sceneggiatura era originariamente intitolata "American Bullshit", inserita nella Black List di Hollywood del 2010, ossia gli script più importanti non ancora realizzati.
  13. Le riprese del film subirono un momentaneo stop il 19 aprile 2013, in seguito all'attentato terroristico della maratona di Boston. Bradley Cooper, Jeremy Renner, Christian Bale e Amy Adams fecero visita negli ospedali alle vittime del terribile attentato.
  14. Secondo Christian Bale , gran parte del film venne improvvisato. 
  15. Dalla finzione alla cronaca (nera): Cynthia Marie Weinberg, la donna che ha ispirato il personaggio della Lawrence nel film, venne ritrovata impiccata nel gennaio del 1982. Un apparente suicidio che però non venne mai chiarito del tutto, dal momento che la donna aveva più volte dichiarato di voler testimoniare contro l'ex marito.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.