FOX

The Elder Scrolls VI potrebbe uscire nel 2021: indizi da una battaglia legale

di - | aggiornato

Bethesda in causa per la registrazione del marchio Redfall, che dovrebbe essere il titolo del prossimo The Elder Scrolls: la battaglia legale non si concluderà prima di agosto 2020.

Il logo di The Elder Scrolls VI così come è stato mostrato nel primo teaser Bethesda Softworks

59 condivisioni 0 commenti

Condividi

Fin dall'annuncio del gioco, Bethesda Softworks è stata chiara: manca ancora un bel po', all'uscita di The Elder Scrolls VI. Questo intervallo di tempo potrebbe essere stato quantificato con maggior precisione da una recente causa legale che sta coinvolgendo ZeniMax Media, proprietaria di Bethesda e delle sue sussidiarie, e BookBreeze.com. L'oggetto del contendere? La registrazione del marchio Redfall, che secondo i rumor sarebbe proprio il titolo del prossimo The Elder Scrolls.

Come scoperto dal sito specializzato GamesRadar, infatti, ZeniMax Media avrebbe tentato di registrare il marchio, ma BookBreeze avrebbe deciso di procedere per vie legali poiché Redfall è già il titolo con cui è conosciuta una saga di romanzi firmata dall'autore Jay Falconer. Per evitare possibili confusioni tra i due prodotti, la casa editrice vuole far valere le sue ragioni e impedire a Bethesda Softworks di dare il medesimo titolo al suo prossimo gioco di ruolo.

L'elemento di maggior interesse per i videogiocatori è però nel calendario delle udienze per la causa: come riportato nei documenti, infatti, l'ultima scadenza possibile per la decisione finale è stata fissata per agosto 2020. Significa che, fino ad allora, è possibile che Bethesda Softworks non possa nemmeno annunciare il nome ufficiale di The Elder Scrolls VI, poiché un'eventuale decisione per lei negativa da parte dei giudici costringerebbe al cambio in corsa e alla modifica di tutti i materiali promozionali.

Si tratterebbe di un processo dispendioso che probabilmente Bethesda Softworks eviterà. Todd Howard, direttore di The Elder Scrolls VI, ha in ogni caso da sempre dichiarato che il gioco di ruolo si prenderà tutto il tempo necessario per arrivare sul mercato e ha chiesto ai fan di non avere fretta.

Todd Howard alla conferenza di Bethesda all'E3 2018HDGetty Images
Todd Howard, direttore della serie The Elder Scrolls per Bethesda Game Studios

Dopo l'annuncio arrivato con queste premesse all'E3 2018, l'opzione più probabile per il lancio del possibile The Elder Scrolls VI: Redfall sembra quindi sempre più quella del 2021.

Nel frattempo, lo scrittore Jay Falconer è intervenuto sulla questione, rivelando che i suoi avvocati hanno tentato di mettersi in contatto con Bethesda Softworks prima che si arrivasse alla causa legale vera e propria, ma sono stati ignorati. Per questo motivo, lo scrittore non ha avuto altra scelta che impegnarsi nella tutela del marchio Redfall, di sua proprietà.

Per il momento, nessun esponente di ZeniMax Media né di Bethesda Softworks ha voluto fornire un commento ufficiale sulla questione.

I fan di The Elder Scrolls VI possono, in ogni caso, mettersi comodi in attesa del gioco, perché sembra proprio che a meno di clamorosi colpi di scena ci sarà parecchio da aspettare.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.