FoxAnimation

City Hunter, la polizia di Osaka usa Ryo Saeba per cercare nuove reclute

di - | aggiornato

Ryo Saeba protagonista di alcuni manifesti per invogliare i giovani nipponici a diventare poliziotti.

Ryo Saeba, protagonista di City Hunter Sunrise

502 condivisioni 1 commento

Condividi

La polizia di Osaka cerca nuove reclute e lo fa in modo alquanto originale: ha realizzato dei manifesti, da spargere per la prefettura, che ritraggono uno tra i personaggi più famosi dell'animazione nipponica. Dato che per essere un buon ufficiale è necessario avere un forte senso della giustizia e proteggere i cittadini dai malfattori, quale scelta migliore del protagonista di City Hunter?

Ryo Saeba è un abile tiratore e se la cava altrettanto bene nel combattimento corpo a corpo. I suoi riflessi sono prontissimi e anche al volante se la cava bene: tutte caratteristiche che lo rendono un perfetto investigatore privato. La scelta della polizia di Osaka sembrerebbe quindi ragionata e comprensibile dal momento che, nel corso del manga/anime, Ryo sventa piani criminali e mette fuori dai giochi una lunga sfilza di cattivoni. 

Di seguito trovate il poster diffuso dal dipartimento.

Ma a dire la verità però, per un poliziotto, Ryo non è in tutto e per tutto un personaggio da prendere a modello.

Come lascia intendere il fumo che sale dalla canna della sua pistola, Ryo è un tipo dal grilletto facile: certo, come un vero e proprio giustiziere non uccide mai nessuno, ma vederlo utilizzare una vasta gamma di armi da fuoco per portare a termine i suoi incarichi non invita nel modo giusto le eventuali reclute a partecipare ai concorsi. Peraltro Ryo Saeba è troppo sensibile al fascino femminile, accetta più che volentieri lavori commissionati da belle ragazze che non da altre persone: motivo per cui, in più occasioni, nel manga viene insultato con la parola "sukebe" (maniaco). Inoltre, visto il suo buon cuore, non sempre è pagato per portare a compimento una missione e ciò lo avvicina molto più a un vigilante che a un poliziotto.

Ma nonostante i succitati motivi, City Hunter mostra come il protagonista metta sempre i bisogni degli altri prima dei propri e come punti i riflettori sulla lotta alla criminalità, due aspetti che si allineano perfettamente con la missione della polizia di Osaka.

Cosa ne pensate della scelta di Ryo per promuovere i concorsi della polizia? La trovate azzeccata?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.