FOX

La saga di The Conjuring: tutti i film (e l'ordine in cui guardarli)

di - | aggiornato

The Conjuring ha dato vita a un franchise dalle potenzialità infinite. La storia dei coniugi Warren e dei loro casi soprannaturali ha alimentato la fantasia del produttore e regista James Wan. Ecco tutti i film e l'ordine in cui guardarli.

The Conjuring: una scena con Ed e Lorraine Warren New Line Cinema

1k condivisioni 0 commenti

Condividi

La saga di The Conjuring non è una saga horror come tutte le altre, perché è ispirata a una storia vera e a persone veramente esistite, i coniugi Ed e Lorraine Warren.

Professione: ricercatori del paranormale, parapsicologi ed esperti in demonologia. Fondatori della New England Society for Psychic Research, autori (e oggetto) di numerose pubblicazioni, creatori di un museo dell’occulto (The Warren’s Occult Museum).

Ed Warren, classe 1926, è morto nell’agosto del 2006 dopo oltre sessant’anni accanto alla moglie Lorraine (nata nel 1927).

Una lunga, lunghissima storia d’amore e una carriera che per oltre cinquant’anni li ha tenuti al centro dei riflettori, delle polemiche e delle critiche, ma che ha anche spinto molti scettici a ricrederci grazie ai casi (il più celebre? Quello di Amityville) seguiti proprio dai coniugi Warren.

Ed raccontava di essere cresciuto in una casa infestata, da qui il suo interesse per l’occulto, le storie di fantasmi e tutto ciò che era legato al soprannaturale. 

Ed e Lorraine, sposati nel 1945 e genitori di Judy Warren, conosciutissimi negli Stati Uniti, sono diventati famosi in tutto il mondo dopo l’uscita del primo film legato alla loro storia, The Conjuring. 

Una vita di ricerche e d’incontri con presunte creature soprannaturali li ha portati al centro di un universo narrativo potenzialmente infinito, legato anche agli spin-off sulle creature - animate o inanimate - che hanno trovato sul loro cammino.

Ecco un video della vera Lorraine Warren che compare in un cameo del primo film:

The Conjuring e tutti gli altri film della saga sono diventati oggetti di grande interesse per i fan del soprannaturale, oltre che del genere horror. 

E i libri sulla vita e i casi studiati dai coniugi Warren sono diventati best-seller in diversi Paesi. In italiano non sono ancora stati tradotti, ma sono disponibili sia pubblicazioni relative alla vita di Ed e Lorraine che i loro stessi libri, acquistabili in lingua originale.

La natura stessa del franchise cinematografico di The Conjuring ne esprime le vaste potenzialità: centinaia di storie, di personaggi, di manifestazioni soprannaturali raccontate dagli Warren potrebbero entrare a farne parte. Non a caso, i sequel dei vari spin-off sono già in lavorazione. 

Ecco uno speciale dedicato alla saga e all’ordine di visione dei diversi film, in base alla cronologia degli eventi.

Nell’elenco con tutti i titoli sono presenti anche i film in fase di realizzazione e quelli annunciati.

I titoli ancora in lavorazione potrebbero variare, così come le date di uscita, se già previste.

Ghost Hunters dei coniugi WarrenGraymalkin Media
Ghost Hunters, uno dei molti libri scritti dai coniugi Warren insieme a vari autori

I film in ordine di uscita

I sequel già annunciati

L'ordine in cui guardarli

 

I film già usciti nelle sale

L’evocazione - The Conjuring (2013)

Titolo originale: The Conjuring

Regia: James Wan

Sceneggiatura: Chad Hayes, Carey W. Hayes

Durata: 112’

Sono Patrick Wilson (Fargo, Insidious) e Vera Farmiga (The Departed, Bates Motel) i due attori scelti per dar vita sullo schermo a Ed e Lorraine Warren. E anche questo rappresenta senza dubbio uno dei motivi del grande successo del film, costato intorno ai 20 milioni di dollari e premiato da un incasso mondiale che sfiora i 320.

Cittadina di Harrisville, Stati Uniti, 1971. La famiglia Perron si è appena trasferita in una nuova casa insieme ai cinque figli, ma subito dopo il trasloco iniziano a verificarsi strani e spaventosi eventi, che convincono i Perron a contattare i famosi investigatori del paranormale Ed e Lorraine Warren.

Indagando sulle origini della casa, i Warren scoprono che apparteneva a una donna, accusata di stregoneria, che si era suicidata impiccandosi all’albero vicino all’abitazione.

Fra storie di strani omicidi e suicidi, i Warren concludono che servirebbe un esorcismo ma solo la Chiesa lo può autorizzare.

Ma quando a finire nel mirino dei demoni è la loro bambina, Judy - attaccata sia dalla strega che da una bambola conosciuta come Annabelle, precedentemente sequestrata dai suoi genitori durante un caso - la situazione precipita ed Ed decide di compiere l’esorcismo…

Alla fine del film viene già lanciata la premessa per il sequel: i coniugi Warren vengono contattati per occuparsi di una casa infestata che si trova a Long Island. La casa nota per il romanzo e i film su Amityville.

Uscito in Italia il 21 agosto del 2013, il film inizialmente intitolato The Warren Files ha visto la visita della vera famiglia Perron sul set, che ricostruì la loro casa per le riprese proprio accanto alla casa realmente esistita. Durante un’intervista, Andrea Perron ammise che secondo la sua opinione alcuni spiriti delle famiglie che avevano abitato la casa prima della sua non avevano mai lasciato quel luogo.

Fra i casi di morte accertati fra gli abitanti della casa compaiono due suicidi, una morte per avvelenamento, l’orrendo omicidio di una bambina di 11 anni, due annegamenti e la morte di quattro persone per congelamento. La maggior parte di queste morti documentate si verificarono fra i membri della famiglia Arnold, di cui Bathsheba Sherman (la strega del film) era discendente.

Sia Patrick Wilson che Vera Farmiga prima dell’inizio delle riprese si recarono in Connecticut per incontrare la vera Lorraine Warren e ottenere informazioni dirette sul caso che la vide coinvolta insieme al marito.

 

Annabelle (2014)

Titolo originale: Id.

Regia: John R. Leonetti

Sceneggiatura: Gary Dauberman

Durata: 99’

Nella Los Angeles degli anni ‘60 che aveva già vissuto il terrore seminato dalla Famiglia, la setta di Charles Manson, una giovane coppia - formata da John (Ward Horton,  Pure Genius) e Mia (Annabelle Wallis, Peaky Blinders) - si prepara all’arrivo del primo figlio.

Poco prima del parto, John regala a Mia la bambola che la donna sognava da molto tempo. Una costosa bambola che le permette di completare la sua serie di bambole. 

La notte dopo, i vicini di casa vengono massacrati dalla loro figlia, Annabelle Higgins, insieme al suo compagno. Annabelle e l’uomo entrano in casa di Mia e John. Mia viene pugnalata alla pancia. Il bambino sta bene, ma Mia dovrà restare a letto per il resto della gravidanza.

La polizia informa John e Mia che Annabelle e il suo partner erano membri di una setta. Mia, dopo aver notato che Annabelle aver preso in braccio la nuova bambola prima di essere uccisa, chiede a John di sbarazzarsene. Ma la bambola si ripresenta nella nuova casa, accompagnata da fenomeni spaventosi. Mia e John si rivolgono a Padre Perez (Tony Amendola, Stargate: SG-1), ma le cose peggiorano. Così Mia inizia a indagare insieme a una vicina, Evelyn (Alfre Woodard, Captain America: Civil War), e scopre di essere braccata da un demone…

L’atmosfera ricorda palesemente quella di Rosemary’s Baby. Il film di Polanski è legato al mondo delle sette anche dalle vicende personali del regista, marito di Sharon Tate uccisa - a poche settimane dal parto - dai seguaci di Manson proprio nel periodo in cui è ambientato il film. Inoltre, la protagonista femminile del film si chiama Mia, come l’attrice Mia Farrow di Rosemary’s Baby.

Diretto dall’ex direttore della fotografia di The Conjuring, John R. Leonetti, Annabelle è stato scritto da Gary Dauberman, già firma del nuovo adattamento di It e futuro sceneggiatore di Annabelle: Creation e di The Nun.

Costato circa 6 milioni e mezzo di dollari, il film è stato un grandissimo successo commerciale e ne ha incassati oltre 250 ai botteghini di tutto il mondo, spingendo New Line Cinema a mettere in lavorazione un sequel.

Annabelle è il vero nome dell’attrice che interpreta Mia, ma il produttore James Wan ha dichiarato che si tratta di una coincidenza e non è questo il motivo per cui venne scelta.

Una curiosità: l’appartamento in cui è stato girato il film si trova a Los Angeles e la celebre attrice e conduttrice Ellen DeGeneres l’ha riconosciuto, vedendo il film, come il primo appartamento in cui aveva vissuto dopo il trasferimento in città.

The Conjuring - Il caso Enfield (2016)

Titolo originale: The Conjuring 2

Regia: James Wan

Sceneggiatura: Chad Hayes, Carey W. Hayes, James Wan, David Leslie Johnson-McGoldrick

Durata: 134’

Patrick Wilson e Vera Farmiga riprendono i ruoli di Ed e Lorraine Warren in questo sequel, che in originale si intitola semplicemente “The Conjuring 2” mentre nella versione italiana fa un preciso riferimento al caso che l’ha ispirato. Il celebre caso di Amityville, dove i coniugi Warren si recano su richiesta diretta della Chiesa.

A denunciare la sospetta infestazione della casa erano stati i Lutz, che avevano ben pensato di abbandonare la nuova abitazione prima che fosse troppo tardi.

Con il compito di verificare la situzione, Ed e Lorraine indagano sugli omicidi compiuti nella casa, dove Ronald DeFeo Jr. sterminò la sua famiglia a fucilate, affermando di esservi stato costretto da presenze soprannaturali.

È qui che compare per la prima volta il mostruoso e potente demone Valak, con le sembianze di una suora, destinato a diventare protagonista di uno spin-off tutto suo con The Nun.

La storia vera di DeFeo e del massacro torna nella vita degli Warren l’anno successivo, quando a Enfield, Londra, vengono chiamati dalla famiglia Hodgson per gli episodi paranormali che si verificano nella loro casa, principalmente a danno (e per mezzo) di Janet, la figlia di 11 anni.

Il demone che infesta la casa è appunto Valak, ma durante la lotta contro di lui Ed entra in contatto anche con The Crooked Man, l’Uomo Storto protagonista di una filastrocca popolare, a cui verrà dedicato il prossimo spin-off della saga.

Costato 40 milioni di dollari, il primo sequel di The Conjuring ne ha incassati oltre 320 in tutto il mondo.

In Italia è uscito il 23 giugno del 2016.

Durante la visione si possono notare sia un quadro raffigurante la casa del primo film che la bambola di Annabelle, custodita con cura nella collezione dei coniugi Warren.

La produzione fece benedire il set da un prete prima dell’inizio delle riprese: la prudenza, pare, non è mai troppa…

 

Annabelle: Creation (2017)

Titolo originale: Id.

Regia: David F. Sandbert

Sceneggiatura: Gary Dauberman

Durata: 109’

Samuel Mullins (Anthony LaPaglia) è un artigiano che crea giocattoli fatti a mano. Vive e lavora in una grande casa, che condivide con la moglie Esther (Miranda Otto) e la figlioletta Bene (Samara Lee). Dopo aver realizzato il primo esemplare di una nuova bambola in edizione limitata, Samuel e la moglie vivono una terribile tragedia.

Dodici anni più tardi, i coniugi Mullins accolgono nella loro casa sei orfane rimaste senza dimora insieme a Suor Charlotte (Stephanie Sigman), che si occupa di loro.

Esther non esce mai dalla sua stanza e non cammina più. Qualcosa di terribile è successo in quella casa. Qualcosa che iniziamo a scoprire quando una delle bambine comincia a sperimentare strani fenomeni, che si legano alla bambola realizzata da Mullins anni prima…

Gary Dauberman scrive questo prequel di Annabelle (la storia inizia negli anni ’40, ma la maggior parte dell’azione si svolge nel 1955) sulla base di una storia originale: questo è il primo film della saga che non è ispirato a un caso realmente investigato da Ed e Lorraine Warren.

Il budget di 15 milioni di dollari è stato ampiamente ripagati dagli incassi di oltre 306, spingendo i produttori - fra i quali naturalmente c’è l’immancabile James Wan - a investire in un terzo film, che non ha ancora un titolo.

Girato nella stessa, enorme fattoria usata per le riprese della serie Westworld come casa di Dolores, il film contiene una scena in cui Suor Charlotte mostra al signor Mullins una foto scattata in un monastero in Romania, insieme a tre suore di clausura che vivevano lì. Osservando la foto, Mullins nota con chiarezza la figura di Valak accanto a una di loro e chiede chi sia, ma Charlotte risponde semplicemente che non lo sa. Evidentemente, non ricordava che al momento dello scatto non c’era nessuna quinta suora.

Vennero girare tutte le scene relative alla sottotrama in cui Charlotte entrava in confidenza con la signora Mullins, raccontandole di aver avuto anni prima un figlio che aveva dato in adozione. Poiché il montaggio definitivo sfiorava già le due ore, e la storia non venne ritenuta importante per la trama principale, tutte le scene vennero tagliate. Insieme a quelle finali in cui la signora Mullins subiva un destino - se possibile - ancora peggiore di quello che le viene riservato…

 

The Nun - La vocazione del male (2018)

Titolo originale: The Nun

Regia: Corin Hardy

Sceneggiatura: Gary Dauberman

Durata: 96’

Da una storia di James Wan, regista dei primi due capitoli di The Conjuring e già confermato come produttore per il terzo (The Conjuring 3 è in fase di pre-produzione), il film esplora la storia di uno dei personaggi più terrificanti della saga, Valak, demone con le sembianze di una suora comparso per la prima volta ne Il caso Enfield.

Romania, 1952. In seguito al presunto suicidio di una suora in un monastero, il vaticano invia Padre Burke, accompagnato dalla novizia Suor Irene, a indagare sulla vicenda.

L’inedita coppia di investigatori scoprirà, a caro prezzo, che la suora era stata vittima di Valak, riuscito a fuggire dalla catacomba in cui il suo spirito era stato rinchiuso e sigillato grazie a una reliquia davvero preziosa…

Corin Hardy, giovane regista e sceneggiatore con pochi lavori all’attivo - viene chiamato per la regia dopo il suo precedente horror The Hallow, che aveva scritto e diretto.

Il personaggio di Padre Burke è interpretato da Demian Bichir, volto noto del cinema per The Hateful Eight e della TV per le serie Weeds e The Bridge.

Suor Irene invece è interpretata da Taissa Farmiga (American Horror Story), la sorella minore di Vera Farmiga, protagonista di The Conjuring nei panni di Lorraine Warren.

Vera Farmiga compare brevemente, insieme a Patrick Wilson, anche in questo film. 

Girato interamente in Transilvania con un budget di 22 milioni di dollari, The Nun ne ha incassati più di 360, confermando il grande successo commerciale della saga.

Si tratta della pellicola più breve legata a The Conjuring, ma anche di quella in cui compare la più celebre fra le spaventose creature del franchise.

Per questo, e per l’ambientazione negli anni ’50, regia e produzione hanno voluto ricreare le atmosfere di un horror in vecchio stile, risultato molto efficace dal punto di vista visivo.

La spaventosa suora del film, che incarna il demone Valak, è interpretata dall’attrice Bonnie Aarons, che ha preso parte a titoli importanti come Mullholland Drive e Il lato positivo, ma sempre in ruoli minori. In TV ha recitato in 16 episodi della comedy che ha firmato come creatrice e sceneggiatrice: And You Know Who You Are.

Per altre curiosità, vi rimando alla mia recensione dell’edizione del film in Blu-ray. 

 

I film di The Conjuring in arrivo

La Llorona - Le lacrime del male (2019)

Titolo originale: The Curse of La Llorona

Regia: Michael Chaves

Sceneggiatura: Mikki Daughtry, Tobias Iaconis

Durata: 93’

Basato su una figura spettrale nota nella cultura latina, la Llorona viene descritta come una donna disperata, che vaga alla ricerca del figlio che ha perso (o ucciso). Si tratta, di fatto, del corrispettivo dell’America Latina della Donna in bianco (Supernatural le dedicò un memorabile episodio).

La Llorona - Le lacrime del male uscirà nei cinema italiani il 18 aprile del 2019, in contemporanea con molti altri Paesi fra cui gli Stati Uniti.

Diretto da Michael Chaves (autore e regista della miniserie Chase Champion), il film racconta la storia di Anna Garcia, che lavora come assistente sociale e che, insieme ai suoi bambini, si ritrova nel mezzo di un incubo soprannaturale.

Interpretata da Linda Cardellini (E.R., Scooby-Doo), la donna era entrata in contatto per lavoro con un’altra madre, protagonista di una storia drammatica, che le parla di “lei”, la Llorona.

Prodotto da James Wan, La Llorona mescola folklore, superstizioni ma non sembra essere ispirato a un caso ufficialmente investigato dagli Warren.

Nonostante questo, fin dall’apparizione del primo teaser trailer il titolo è stato legato all’universo di The Conjuring: siamo negli anni ’70, a Los Angeles, nel periodo di piena attività di Ed e Lorraine. Inoltre c’è Tony Amendola nel cast, già nel cast di Annabelle.

Infine, sono stati pubblicati diversi articoli dai giornalisti statunitensi, che anticipano come la storia potrebbe essere inserita in seguito nel franchise, con qualche rivelazione nei prossimi sequel o addirittura dei crossover.

Ma poco prima dell’annuncio della data prevista per l'uscita del film, è arrivata la conferma: Tony Amendola riprende il ruolo di padre Perez in questo nuovo film. Ed ecco il legame ufficiale.

 

Annabelle 3

La bambola Annabelle della saga cinematograficaHDNew Line Cinema
La bambola Annabelle della saga cinematografica

(Titolo provvisorio, 2019)

Noto come “Untitled Annabelle Film”, uscirà nei sale statunitensi il 3 luglio del 2019.

La regia è stata affidata a Gary Dauberman, che debutta dietro la macchina da presa dopo aver firmato le sceneggiature di vari film del franchise - incluso questo, sulla base di una storia ideata da James Wan.

Nel cast è stata confermata la presenza di Vera Farmiga e Patrick Wilson per i ruoli degli Warrne, oltre a quella di diversi altri attori: McKenna Grace (Tonya) sarà Judy Warren, la figlia di Ed e Lorraine; Steve Coulter (The Walking Dead) sarà Padre Gordon; Michael Cimino (Training Day) interpreterà un personaggio di nome Bob Palmeri, il figlio di Mr. Palmeri (Paul Dean, Enterprise).

Non si sa ancora nulla, invece sui personaggi di altri tre attori confermati nel cast: Madison Iseman (Jumanji - Benvenuti nella giungla), Katie Sarife (Sorelle di sangue) e Stephen Blackehart (Guardiani della Galassia).

James Wan ha anticipato che il film racconterà una storia ambientata dopo che Ed e Lorraine avranno già recuperato la bambola, e che si svolgerà - fra gli altri set - nella casa dei coniugi Warren.

Il terzo film di Annabelle è attualmente in fase di pre-produzione.

 

The Crooked Man

The Crooked Man ne Il caso EnfieldHDNew Line Cinema
The Crooked Man: il personaggio de Il caso Enfield

(Annunciato)

Da non confondersi con i tre omonimi film già esistenti, tutti di genere horror, il nuovo spin-off del franchise è stato ispirato da una filastrocca popolare per bambini e dal personaggio mostrato con successo per la prima volta in The Conjuring 2 (Il caso Enfield).

Al momento sappiamo solo che a produrre, accanto a James Wan, ci sarà Peter Safran (Aquaman), mentre la sceneggiatura - salvo rimaneggiamenti futuri - sarà firmata dall’esordiente James Halliwell-Phillipps insieme a Mike Van Waes (già impegnato per un nuovo horror ambientato nel mondo de Il mago di Oz).

I due scriveranno il film a partire, che ve lo dico a fare, da una storia di James Wan…

 

The Conjuring 3

The Conjuring: Ed e Lorraine WarrenHDNew Line Cinema
The Conjuring: Ed e Lorraine Warren

(Annunciato)

Attualmente in fase di pre-produzione, il prossimo sequel di The Conjuring sarà scritto da David Leslie Johnson-McGoldrick, già co-autore de Il caso Enfield e della prima versione della sceneggiatura di The Nun, mentre la regia è stata affidata a Michael Chaves (regista de La Llorona, che evidentemente ha soddisfatto le aspettative di James Wan).

Benché non siano ancora stati diffusi ufficialmente i dettagli sulla trama, il sito BloodyDisgusting ha rivelato in anteprima le parole di James Wan, che si legano a un caso realmente investigato dalla coppia Warren durante la loro lunga carriera:

C’è questo ragazzo che era sotto processo per aver commesso un omicidio. Credo sia la prima volta nella storia dell’America in cui l’imputato ha usato la possessione demoniaca come movente, come una scusa.

Per trovare la storia è bastato fare una ricerca: si tratta del caso di Arne Cheyenne Johnson, conosciuto dall’opinione pubblica per “Il caso me l’ha fatto fare il diavolo”, così soprannominato visto che fu il primo, nel 1981 a invocare la possessione demoniaca come movente per l’uccisione di Alan Bono, il suo padrone di casa.

 

L’ordine in cui guardare i film

Solo per i film già usciti - con l’eccezione de Le lacrime del male perché la trama è già stata resa nota - ecco l’ordine suggerito per la visione, in base all’anno in cui è ambientata la narrazione.

  • The Nun - La vocazione del male. Si comincia da qui, dal film ambientato nel 1952. Rivedendo il personaggio nei film successivi (in ordine cronologico), conoscerete già la sua storia
  • Annabelle: Creation. Qui siamo addirittura negli anni ’40, quando viene creata la prima delle 100 bambole in edizione limitata. 1943, per la precisione. Cronologicamente parlando, bisognerebbe iniziare da qui, ma il film in realtà si svolge per la maggior parte a metà degli anni ’50: nel 1955. Dal suo inizio attraversa quindi due decenni e finisce nel 1967, collegandosi direttamente al suo predecessore. Perciò va visto dopo The Nun.
  • Annabelle. Il finale di Creation coincide con la parte determinante di Annabelle, ambientato nel 1967. Di conseguenza, vanno visti in quest’ordine.
  • L’evocazione - The Conjuring. I coniugi Warren, nella saga cinematografica, fanno il loro ingresso sulla scena nel 1971. 
  • La Llorona - Le lacrime del male. Ambientato a Los Angeles nel 1973, si trova esattamente a metà del periodo di tempo che separa The Conjuring dal suo sequel. Torna il personaggio di Padre Perez, già visto in Annabelle.
  • The Conjuring - Il caso Enfield. Siamo nel 1976, cinque anni dopo la prima comparsa della famiglia Warren, sebbene la coppia venga citata (non esplicitamente: senza nomi) da Padre Perez già in Annabelle.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.