FOX

La Montagna di GoT ha sollevato 474 chili e battuto il suo precedente record (di nuovo)

di - | aggiornato

L'islandese Hafthor Bjornsson ha vinto l'Arnold Strongman Classic 2019 arrivando a sollevare 474 kg nel deadlift.

Hafthor Bjornsson accanto ad Arnold Schwarzenegger Arnold Strongman Classic

3k condivisioni 0 commenti

Condividi

È ancora una volta Hafthor Bjornsson l'uomo più forte del mondo. Non che fosse necessario ribadirlo, dal momento che lo "strongman" islandese vanta un fisico inumano (è alto 2 metri e 6 cm per 196 kg) che l'ha portato a trionfare da diversi anni nel powerlifting.

Dopo essersi aggiudicato lo scorso anno il titolo di World's Strongest Man a Manila, nelle Filippine, la Montagna della serie TV Game of Thrones si è ripetuta in Ohio, negli States, vincendo da campione in carica anche l'Arnold Strongman Classic 2019.

Ecco il video dell'esibizione di Bjornsson postato dal forzuto atleta islandese:

L'esplosività muscolare della Montagna di GoT ha fatto quindi la differenza nell'Elephant Rogue Bar, il cosiddetto stacco da terra (conosciuto anche come "Deadlift"). Non solo Bjornsson ha messo in fila tutti gli altri partecipanti, ma ha battuto il suo precedente record mondiale di Elephant Bar fermo a 472 kg, aggiudicandosi al termine delle prove un premio finale di 72mila dollari.

L'esibizione dello strongman nordico è ancora più stupefacente se si tiene conto degli infortuni di cui sono rimasti vittime i suoi rivali più accreditati (JF Caron, Jerry Pritchett e Brian Shaw).

Non soddisfatto del primato, Bjornsson - sotto lo sguardo attento del fondatore della competizione, sua maestà Arnold Schwarzenegger - ha cercato di superarsi tentando di sollevare 501 kg (il che gli avrebbe consentito di battere il record mondiale di deadlift che appartiene al britannico Eddie Hall). L'interprete di Gregor Clegane è riuscito a sollevare la barra fino alle cosce ma non ha portato a termine l'esercizio. Un tentativo nullo ma che in caso di successo gli avrebbe consentito di intascare un assegno da 50mila dollari.

Fonte: NzHerald

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.