FOX

The Division 2, un'esperienza in realtà aumentata per il videogioco massivo di Ubisoft

di - | aggiornato

Lo shooter online ci permette di approfondire la sua storia grazie ad una applicazione molto simile a Pokémon GO. L'esperienza Echo è già disponibile per il download sui dispositivi mobile.

La cover ufficiale di The Division 2 Ubisoft

15 condivisioni 0 commenti

Condividi

Quello dei cosiddetti game as service è un ramo del vasto mondo videoludico in continua espansione. 

Dopo Bungie e il suo Destiny, diverse case di sviluppo si sono lanciate nella creazione di universi online vivaci e credibili, in cui vivere svariate - e potenzialmente infinite! - avventure in compagnia degli amici tramite multiplayer. Non solo per sgominare minacce terrestri e razze aliene, ma soprattutto a caccia di golosi loot per potenziare il proprio alter ego virtuale. 

Largo così al recentissimo Anthem, l'ultima scommessa della canadese BioWare, o ancora a The Division, che il prossimo 15 marzo diventerà ufficialmente una saga. La seconda incarnazione dello sparatutto in terza persona di Ubisoft e Massive Entertainment approderà su PC, PlayStation 4 e Xbox One, abbandonando New York e trascinandoci questa volta tra le strade infette di Washington. 

Non cambia invece il tema della pandemia, con i giocatori chiamati a sopravvivere in una Terra ormai al collasso, nei panni di un agente della Divisione. 

L'AR incontra la pandemia

E se è vero che l'uscita di Tom Clancy's The Division 2 è praticamente dietro l'angolo, oggi il publisher francese in collaborazione con DDB Paris e Make Me Pulse ha annunciato l'esperienza Echo legata al videogame.

Viene descritta come un'esperienza digitale unica e immersiva, che combina la realtà aumentata e la tecnologia GPS per offrire agli utenti un viaggio nel mondo di The Division 2. Echo, con doppiaggio in lingua inglese e sottotitoli in spagnolo, francese, italiano, tedesco, cinese tradizionale e thai, è già disponibile in Europa, Medio Oriente e Asia. È possibile provarla da dispositivi mobile attraverso questo link.

Accessibile attraverso una sezione dedicata disponibile esclusivamente su Messenger, l'esperienza Echo di The Division 2 consente ai fan della serie di approfondire la trama del gioco. Attraverso oltre 50 storie gli utenti scopriranno la routine quotidiana degli abitanti di Washington D.C. sette mesi dopo l'epidemia che ha colpito New York City. Numerosi punti di interesse come negozi alimentari, scuole, stazioni di servizio o banche potranno essere rinvenuti in tutte le città, integrando il tutto a con la vita reale. Le coordinate delle location saranno fornite agli utenti attraverso il GPS integrato nei dispositivi mobile.

The Division 2 in uscita il 15 marzo 2019Ubisoft

Scoprendo le storie Echo sarà possibile ottenere ricompense esclusive e oggetti in-game che saranno sbloccati automaticamente in Ubisoft Club al lancio di The Division 2.

The Division 2 è il più grande incubo di Donald Trump!

Come avrete capito, anche in The Division 2 saremo coinvolti in una narrazione in cui la fantapolitica e un - possibile - futuro distopico la fanno da padroni. D'altronde si tratta di una produzione strettamente legata al genio di Tom Clancy, scrittore scomparso nell'ottobre del 2013, e "tenuto in vita" anche dalle opere poligonali su licenza. 

Non dovrebbe stupire, quindi, che Ubisoft abbia scelto di promuovere il gioco con una mossa di marketing assolutamente in linea con le tematiche trattate, pad alla mano. Sui social di The Division è allora apparso un finto comunicato del Governo federale del Messico, che va a stravolgere virtualmente gli equilibri geopolitici tra il Messico e gli Stati Uniti. Con un sagace espediente narrativo, scopriamo che la nazione centroamericana ha stanziato dei fondi necessari per costruire un muro anti-migranti sul confine con gli USA, potenza caduta in disgrazia per via del Veleno Verde e dei tumulti scatenati a causa dell'epidemia:

Oggi, il Messico ha annunciato uno Stato di Emergenza a causa dell'instabilità all'interno del governo degli Stati Uniti, il rischio di coloro che fuggono in Messico e la possibile diffusione del virus che ha paralizzato Washington DC.

I toni utilizzati sono gli stessi scelti in passato dall'attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump e dalla sua amministrazione per spingere in favore della costruzione del muro - naturalmente a parti inverse:

Insieme all'annuncio, è stato approvato il finanziamento completo di un muro di confine i cui lavori inizieranno immediatamente. Il confine è chiuso. Ora non è il momento della politica o delle considerazioni di natura finanziaria che potrebbero ostacolare la sicurezza e la protezione del nostro popolo. Abbiamo già visto una carovana di profughi statunitensi della costa orientale arrivare al nostro confine sperando di entrare nel nostro Paese per ricevere protezione e sfuggire al caos e all'anarchia delle Zone Nere.

Si concretizza così il peggior incubo di Trump, quasi che i videogiochi reclamino "vendetta" a seguito della campagna diffamatoria portata avanti proprio dal presidentissimo. Non trovate anche voi?

Nel frattempo, vi ricordiamo ancora una volta che Tom Clancy's The Division 2 sarà disponibile sugli scaffali dei negozi - sia fisici che online - a partire dal prossimo 15 marzo. Le versioni in commercio saranno quelle PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.