FOX

Legge tutte le clausole del suo contratto, trova un contest segreto e vince 10mila dollari!

di - | aggiornato

Una storia incredibile e istruttiva che merita di essere letta "fino alla fine". Perchè leggere, ogni tanto, paga.

La vincitrice Donelan Andrews e il suo assegno Squaremouth

228 condivisioni 0 commenti

Condividi

Quante volte vi è capitato di firmare qualche documento senza aver letto tutte quelle pagine, piene di parole minuscole e incomprensibili?

Quante volte avete accettato le condizioni di polizze e privacy in generale, senza aver dato neanche un'occhiata ai numerosi articoli che le componevano?

Ebbene, dopo aver ascoltato questa storia, forse, la prossima volta sarete meno avventati e svogliati e vi preoccuperete di dare il giusto peso a ciò che avrete davanti, prima di firmare. 

L'insegnamento ci giunge proprio da un'insegnante della Georgia, Donelan Andrews, che è stata premiata per la sua peculiarità nel leggere sempre ogni documento fino all'ultima parola, dalla compagnia assicurativa Squaremouth.

La docente che invita a leggere attentamente ogni documento fino alla fineHDSquaremouth

Tutto iniziò l'11 febbraio 2019, quando l'azienda decise di promuovere un particolare concorso dedicato ai suoi assicurati, chiamato Pays to Read.

Per un intero anno, le regole del contest sarebbero state nascoste nell'ultima pagina - precisamente la settima - di ogni contratto stipulato e chiunque avesse letto fino alla fine la polizza, avrebbe vinto 10mila dollari inviando semplicemente una e-mail. 

L'incredibile storia di Donelan Andrews

La docente 59enne, che per anni ha insegnato ai suoi alunni a leggere meticolosamente qualsiasi cosa avessero sotto il naso - fino all'ultimo rigo - ha vinto 10mila dollari proprio grazie a questo suo insegnamento. 

Decisa a intraprendere un viaggio con amici in Inghilterra, Andrews stipulò una polizza assicurativa qualora avessero cambiato idea sulla partenza presso Tin Leg, una controllata di Squaremouth che si occupa di assicurazioni in ambito turistico. Come d'abitudine, la meticolosa insegnante iniziò a leggere tutti i fogli del contratto.

Giunta verso la fine, una frase balzò ai suoi occhi:

Se hai letto fino a qui, sei uno dei pochissimi clienti di Tin Leg ad aver controllato tutta la sua documentazione sulla polizza.

La frase le suonò familiare proprio a causa del suo metodo d'insegnamento, infatti Donelan Andrews aveva spesso posto un quesito simile ai suoi alunni, inserendolo al centro di alcuni test:

Se stai leggendo questo salta la prossima domanda.

Continuando a leggere, la fortunata docente venne a conoscenza del concorso e che il primo cliente a finire di leggere tutti i documenti, fino all'ultima pagina, avrebbe dovuto semplicemente inviare una e-mail e ritirare un assegno da 10mila dollari.

L'obiettivo di Pays to Read

Squaremouth, come spiega sul proprio sito, lanciò questo particolare concorso per evidenziare l'importanza di leggere ogni documento che ci viene sottoposto e per premiare chi avesse avuto questa costanza. Stranamente il concorso durò soltanto 23 ore, imbattendosi subito nella particolare insegnante americana.

La curiosa azienda, decisa a premiare e portare avanti l'importanza della lettura, arricchì ulteriormente il premio con un assegno di altri 10mila dollari da destinare all'associazione Reading is Fundamental, un'organizzazione benefica per l'alfabetizzazione dei bambini.

I giganti assegni simbolici della vincita di Andrews e di Reading is FundamentalHDSquaremouth

Chris Harvey, CEO di Squaremouth, ha spiegato che incontrare Donelan è stata una rivelazione. Il suo entusiasmo e la sua dedizione all'insegnamento hanno infatti spinto la società ad ulteriori due donazioni di 5mila dollari per ciascuna delle scuole in cui insegna la simpatica Andrews, Upson-Lee High School e Lamar County High School.

Trovata pubblicitaria o meno l'azienda ha colpito nel segno, lanciando un messaggio molto importante su un tema sensibile quale la lettura e l'alfabetizzazione. E la fortunata insegnante, che ha deciso di spendere il suo premio in un viaggio di anniversario con suo marito, ha dimostrato che non sempre è valido il detto predicare bene e razzolare male.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.