FOX

Firefox Send, il nuovo servizio di file-sharing di Mozilla è ora disponibile per tutti

di - | aggiornato

Firefox Send, nuovo servizio di file-sharing creato da Mozilla, è ora aperto a tutti. Il punto forte? La protezione dei file inviati con la crittografia end-to-end.

28 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo un periodo di prova, iniziato ad agosto 2017, Firefox Send è ora disponibile per tutti. Il nuovo servizio di file-sharing realizzato da Mozilla consente di inviare file a chiunque tramite un semplice link, impostando condizioni per l'accesso come periodo di disponibilità e numero massimo di download.

I file possono avere un peso massimo totale di 1GB, che aumentano a 2,5GB utilizzando un account Mozilla (totalmente gratuito). L'interfaccia è intuitiva, e bastano pochi passaggi per completare l'operazione.

Dopo aver aggiunto uno o più file, bisogna impostare i valori di scadenza, ovvero numero di downlaod (da 1 a 100) e tempo (da 5 minuti a 7 giorni). Per una maggior sicurezza, non manca un'opzione per proteggere i file con una password, da comunicare al destinatario per effettuare il download.

Le impostazioni disponibili per l'utilizzo di Firefox SendHDMozilla / MondoFox

Firefox Send si inserisce in un settore dove già altri servizi per la condivisione dei file sono affermati, come Google Drive, Dropbox o WeTransfer, ma quello di Mozilla, come fa notare la stessa azienda, mette a disposizione dell'utente affidabili misure di sicurezza come la crittografia end-to-end (utilizzando un algoritmo noto come AES-GCM-128):

Firefox Send permette di condividere file con crittografia end-to-end attraverso un link che scade automaticamente. In questo modo hai la garanzia che i tuoi contenuti vengano condivisi in modo riservato e non rimangano online per sempre.

Firefox Send, con o senza account Mozilla (ma con alcuni limiti relativi alla "pesantezza" del file da condividere), è gratuito può essere utilizzato da qualsiasi browser web, compresi Safari o Google Chrome. Un client per Android è atteso per le prossime settimane, si attendono invece notizie per iOS.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.