FOX  

The Walking Dead 9x14: dietro le quinte dell'episodio Cicatrici

di - | aggiornato

Daryl e Michonne hanno vissuto un'esperienza che non potranno mai dimenticare. Michonne, in particolare, ha dovuto fare qualcosa che non potrà mai superare. Deve solo conviverci. Ecco il dietro le quinte di Cicatrici, The Walking Dead 9x14.

93 condivisioni 0 commenti

Condividi

In questo video dietro le quinte dell'episodio di The Walking Dead 9x14, Cicatrici, la showrunner Angela Kang e la produttrice Denise Huth ci raccontano come il passato di Michonne sia fondamentale per comprendere il suo atteggiamento ad Alexandria. Fin da quando ci eravamo ritrovati con un lungo salto temporale, e la prima scoperta delle cicatrici a forma di X sulle schiene di Daryl e Michonne, sapevamo che mancava un pezzo importante del puzzle.

Mai, però, avremmo immaginato che ci fosse addirittura il rapimento di Judith e degli altri bambini di Alexandria, la minaccia di ucciderli, la tortura (inflitta a una donna in avanzato stato di gravidanza, fra l'altro) e il tradimento di una vecchia amica. Il personaggio di Jocelyn - interpretato da Rutina Wesley, che ricorderete nei panni di Tara in True Blood - rappresenta un nodo centrale nella vita di Michonne.

Dopo averla ritrovata, essersi fidata e aver spalancato le porte e a lei e a tutto il suo gruppo, Michonne come dicevamo aveva chiuso i cancelli di Alexandria e del suo cuore.

The Walking Dead: Jocelyn nell'episodio 9x14AMC
The Walking Dead: Jocelyn nell'episodio 9x14

Norman Reedus, interprete di Daryl, spiega come sia piuttosto probabile imbattersi in qualcuno che, per sopravvivere, abbia fatto delle cose molto brutte. Per questo non ci si può fidare: per restare vivi si è costretti a fare davvero di tutto. Il legame di fiducia e amicizia fra Michonne e Daryl si rinforza molto in seguito a questa esperienza che condividono.

Si guardano le spalle a vicenda, e sono entrambi ancora molto sofferenti per la morte di Rick. Denise Huth pronuncia una frase tanto semplice quanto significativa:

Quel dolore, quella terribile tortura ed essere costretta a uccidere dei bambini saranno con lei per sempre.

Non si dimentica una cosa del genere. Non si può. Si deve solo trovare il modo di conviverci. Anche la scoperta di come Judith ricordasse perfettamente tutto, e ciononostante fosse convinta che aiutare i loro amici fosse l'unica scelta possibile, ha un forte impatto sulla vita di Michonne.

I bambini nati nel mondo post-apocalisse hanno un modo diverso di vedere le cose. Judith è forte, convive con la minaccia degli zombie fin dalla nascita e, per quanto ancora piccola, è in grado di affrontare un piccolo gruppo di vaganti. Soprattutto, però, non ha paura di farlo. Ed era stata la paura a convincere Michonne che non avrebbe mai più dovuto far entrare qualcuno. O lasciar entrare qualcuno, metaforicamente parlando, nel suo ristrettissimo cerchio della fiducia.

Ora le cose sono cambiate.

Questo speciale ci racconta il significato di un episodio intenso, ricco di emozioni e determinante per il futuro della serie e dei suoi protagonisti.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.