FOX

Il Google Doodle interattivo del 21 marzo 2019 ti fa comporre con Bach

di - | aggiornato

Il Doodle Google di oggi 21 marzo 2019 è dedicato al grande compositore tedesco Johann Sebastian Bach ed è speciale in quanto è il primo sviluppato grazie all'Intelligenza Artificiale. Ecco come funziona.

17 condivisioni 0 commenti

Condividi

Se ieri Google ha dedicato il suo Doodle all'equinozio di primavera, oggi 21 marzo, il colosso di Mountain View ha deciso di celebrare il mito di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi: Johann Sebastian Bach.

Compositore e musicista tedesco di fama mondiale, Bach viene oggi omaggiato con un Doodle speciale basato sull'Intelligenza Artificiale!

Realizzato in collaborazione con i team Google Magenta e Google PAIR, il Doodle di oggi è un'esperienza interattiva che incoraggia le persone a comporre una melodia, suonando le singole note per poi armonizzarle con una serie di algoritmi sviluppati su un database di 306 opere del geniale musicista. Come risultato avrete una melodia del tutto personale da condividere con gli amici o, se volete, anche scaricare in formato MiDi.

Il Doodle Google di oggiHDGoogle
Il Doodle Google di oggi 21 marzo 2019 dedicato a Bach

Nel video in apertura dell'articolo potete rendervi conto di come è stato progettato il Doodle di oggi 21 marzo, il tutto spiegato dagli esperti dei team di Google che hanno contribuito alla sua effettiva realizzazione.

Il modello utilizzato nel Doodle di oggi è stato sviluppato dal team di Google Magenta che ha realizzato Coconet: tool versatile che può essere utilizzato per una vasta gamma di compiti musicali, come armonizzare le melodie o comporre da zero. 

Nello specifico, Coconet è stato "addestrato", come accennato sopra, su ben 306 delle armonizzazioni corali scritte da Bach. I suoi corali presentano sempre quattro voci, ciascuno con la propria linea melodica, che creano una ricca progressione armonica quando suonate insieme. Questa struttura concisa li ha resi ottimi per l'addestramento di un modello di apprendimento automatico. 

In seguito sono intervenuti i partner di Google PAIR che hanno utilizzato TensorFlow.js per consentire l'apprendimento automatico all'interno del browser Web (contro l'utilizzo di tonnellate di server, come avviene tradizionalmente con l'apprendimento automatico). Per quei casi in cui il computer o il dispositivo mobile di qualcuno potrebbe non essere abbastanza veloce da eseguire il Doodle con TensorFlow.js, è possibile comuque eseguirlo con le nuove Tensor Processing Units (TPU) di Google, un modo per gestire rapidamente le attività di apprendimento automatico nei data center. Il tutto, combinato con l'arte e l'ingegneria del team Doodle, ha contribuito a creare ciò che è possibile vedere oggi.

Questi i luoghi del mondo in cui è possibile interagire oggi con il Doodle Google:

Cartina Doodle Google di oggiHDGoogle
I posti del mondo dove interagire con il Doodle di oggi 21 marzo 2019

Johann Sebastian Bach nacque nella piccola città tedesca di Eisenach il 21 marzo 1685 all'interno di una famiglia dalla ricca influenza musicale: suo padre suonava diversi strumenti e lavorava come direttore d'orchestra della città. Suo fratello maggiore, anche lui musicista, ha cresciuto il giovane Bach dall'età di 10 anni dopo la morte del loro padre. Principalmente conosciuto come un organista eccezionale nel corso della sua vita, Bach è stato anche un geniale tecnico dello strumento: comprese come costruire e riparare i complessi meccanismi interni degli organi a canne (che sono presenti nell'odierno Doodle interattivo).

Componendo musica a un ritmo a dir poco prolifico, Bach è stato un uomo umile che ha attribuito il suo successo all'ispirazione divina e a una rigida etica del lavoro. Nel corso della sua vita ha potuto vedere solo una manciata delle sue opere pubblicate, ma più di 1.000, sopravvissute in forma di partiture, sono state pubblicate ed eseguite in seguito dai musicisti di tutto il mondo.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.