FOX

Barbra Streisand e Diana Ross dicono la loro sulle accuse a Michael Jackson

di - | aggiornato

Le due celebri cantanti si esprimono su Leaving Neverland, il documentario che ha acceso il dibattito sui presunti abusi della popstar.

La cantante Diana Ross si schiera in difesa di Michael Jackson Getty Images

10 condivisioni 0 commenti

Condividi

Due donne, due dive, accomunate dalla musica ma divise su Michael Jackson. Leaving Neverland, il documentario shock sulle accuse di pedofilia mosse alla celebre popstar da Wade Robson e James Safechuck, continua a far discutere.

Dopo le reazioni di Paris Jackson e Corey Feldman, è la volta di Diana Ross e Barbra Streisand.

In un tweet la Ross difende il ricordo di Jackson e prende le sue parti citando una canzone delle Supremes (gruppo femminile di cui la Ross ha fatto parte negli anni ‘60 e ‘70):

Questo è quello che sento nel mio cuore stamattina. Io credo e sono sicura che Michael Jackson sia stato ed è un incredibile forza per me e per tanti altri. FERMATEVI NEL NOME DELL'AMORE.

Un passo indietro è quello che invece ha fatto la cantante Barbra Streisand. Nell'intervista del 22 marzo al The Times la Streisand ha affermato di credere ai due accusatori, precisando però “si può dire che sono stati molestati, ma quei bambini erano felici di essere lì. Adesso sono entrambi sposati e hanno dei bambini, quindi tutto questo non li ha uccisi”.

Incredulo, il regista di Leaving Neverland, Dan Reed, ha condiviso l’intervista scrivendo “Hai davvero detto questo?”

Due giorni dopo la cantante ha postato su Instagram un messaggio, per chiarire la sua posizione e chiedere scusa a Robson e Safechuck:

Sono profondamente dispiaciuta per la sofferenza e l'incomprensione che ho causato non scegliendo le mie parole, su Michael Jackson e le sue vittime, in maniera più attenta. Le parole stampate non riflettono i miei veri sentimenti. Non intendevo ignorare il trauma che hanno subito questi ragazzi. Come ogni sopravvissuto agli abusi sessuali, dovranno sopportare questo peso per il resto delle loro vite. Provo un profondo rimorso e spero che James e Wade sappiano che li rispetto e che li ammiro per aver raccontato la loro verità.

Leaving Neverland ha di sicuro scatenato una tempesta su Mickael Jackson. Tutti, dopo aver sentito le testimonianze di Robson e Safechuck, cercano di capire dove stia la verità, combattuti tra gli ormai evidenti sospetti di abusi e il desiderio di non veder completamente distrutta l'immensa icona della musica pop.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.