FOX

Freddie Mercury icona di stile: i look più memorabili del frontman dei Queen

di -

Piume, glitter, sneaker, mantelli, corone: Freddie Mercury ha scritto la storia della musica consacrandosi al mito anche con i suoi indimenticabili look. Ecco i 10 più belli da ricordare.

264 condivisioni 0 commenti

Condividi

Protagonista sofferto e sfavillante di Bohemian Rhapsody, biopic di Bryan Singer sull’ascesa dei Queen, Freddie Mercury può considerarsi un’icona non solo per la sua straordinaria dote musicale, il suo eclettismo, il suo modo nuovo e spettacolare di comporre e performare, ma anche per lo stile della band, che ha rivoluzionato la moda e i costumi.

Abbiamo modo di scoprire e apprezzare questi outfit anche nella pellicola che ha vinto l’Oscar per il Miglior attore, Rami Malek, che incarna il temperamento dell'artista sfoggiando i suoi memorabili sfoggi di stile.

Il film è disponibile dal 28 marzo in Home Video, Blu-Ray, 4K ULTRA HD e DVD (mentre dal 14 marzo è disponibile in formato digitale su Chili).

Figura chiave della cultura pop tra gli anni ’80 e i ’90, camaleontico, trasformista, pronto a brillare (sempre di luce propria), Freddie ha popolato due decenni di oggetti, accessori, outfit, mise, capi di abbigliamento che sono passati alla storia. Lo zoroastrismo, religione di cui fa parte la famiglia di Mercury, ha influenzato la prima fase dei look del frontman, che ha sempre avuto una certa predilezione per il bianco.

Poi sono arrivati i militanti anni ’70, con le tute glitterate, i rombi, i giochi optical, la febbre del sabato sera. E infine, negli anni ’80, tra capi in pelle e nuove strade espressive, tra la moda del Castro Clone e le svolte sporty, Freddie ha consacrato il proprio immaginario stilistico, insieme ai Queen e a un’estetica in evoluzione.

Come un cartone animato, il cantante ha scolpito sé stesso in un immaginario potente, cassa di risonanza degli anni a venire per il linguaggio delle immagini, l’estetica pop, la moda, lo stile.

Non è possibile ricondurre gli estri creativi di Freddie a un leitmotiv, uno stile mappabile con una o un'altra corrente modaiola. Freddie era così trasformista da avere un guardaroba frammentario, pieno di ispirazioni, dai pantaloni di pelle alle catene, dai look supervirili a quelli da casalinga frustrata in pantofole di pelo rosa (nel video I Want to Break Free). La fashion editor Charlotte Pilcher, interprellata da Vogue, definisce lo stile di Mercury "risoluto". Non aveva mezze misure, se intraprendeva una strada, lo faceva con grande convinzione, sia che indossasse una jumpsuit optical sia un giacchino di piume da pavone.

Incline alle vie espressive pop, agli eccessi colorati, alle derive bohémien, Freddie ha sempre amato i fiori, la pelle, le paillettes, i simboli pop e i gatti.

Freddie è stato un "asso pigliatutto", anche nel mondo della moda.

Ecco 10 tra i suoi outfit più indimenticabili.

10 – Look femminile bianco plissé

View this post on Instagram

💥Freddie & Zandra Rhodes' Design💥 . "I got a phone call in the early 1970s, while I was working in my funny little studio in an attic in Bayswater. It was Freddie Mercury, saying that he would like to come by and look at some clothes. Queen had a hit single at that time, which all my girls who were working for me in my studio knew about, but I didn’t. I had to ask them who he was! It was long before Bohemian Rhapsody or anything like that. My little attic was just full of sewing machines and rails – there was no changing room or anything like that. So I said to Freddie and Brian [May], ‘why don’t you come round in the evening when no one else is here?’ So it was just the three of us, and I got them to try things that were on the rails – it was just what I already had hanging there. . 'It was the white pleated top that you always see Freddie pictured in with his arms outstretched. He tried on several things, modelling them in the studio, but then he tried that on and it was the one. It was actually a piece that had started out as an idea for a wedding dress. So I said to Freddie ‘move around the room and look in the mirror see how you feel, and if it’ll work for you whilst you’re on stage.’ But really, we didn’t have much of a conversation about it – his movements said it all. . 'I went to the concert where he first wore that piece. It was at Earl’s Court Olympia, which they’ve now pulled down. I went with my great friend, the artist Duggie Fields. The thing that’s so fabulous, is that Freddie in my white pleated top went onto become one of the iconic images of him. It is incredible to be a part of that history." -Zandra Rhodes (fashion designer) . 👉P.S. Freddie was such a fashion icon. I mean with his charisma and incomparable showmanship he was every designer's dream to work with. And I'm sure that no one could ever pull off the outfit "that started out as an idea for a wedding dress" as beautifully as he did because Freddie was and will always be the ultimate QUEEN 💪❤👑 . #FreddieMercury #ZandraRhodes

A post shared by Freddie Mercury Fan Club (@freddiemercuryclub) on

Il bianco è stato uno dei colori più cari all’estetica di Freddie, fin dagli esordi. Il colore, nella religione dello zoroastrismo, significa purezza, e il cantante ha sempre portato con sé una traccia delle proprie radici. Nel 1974 l’abbiamo visto esibirsi sul palco – il suo ambiente naturale, il luogo dove riusciva a far emergere tutto sé stesso – con un top dalle ampie maniche alari, con plissettature femminili.

Non tutti lo sanno, ma quell’outfit era un modello di abito da sposa (per una donna) disegnato dalla stilista cara al cantante, Zandra Rhodes. Freddie comincia a sperimentare con i codici di genere e gender, riscoprendo il fascino dei look femminili o ibridi. Il poncho gli sembra cucito addosso e le plissettature... ricordano la moda Dior anni '50. Definire i look di Freddie una commistione di stili sarebbe riduttivo: erano energia creativa allo stato puro.

9 - Trench crochet e hippie 

View this post on Instagram

Freddie Mercury at the Nagoya Castle, Japan, 1975.

A post shared by Vintage Daily (@loverofthepast) on

Era l'aprile del 1975 e un Freddie ancora sauvage, dai colori decisi e dai look Seventies, sbarcava in Giappone. Per la visita al Nagoya Castle, insieme a John Deacon, il bassista dei Queen, il cantante aveva scelto una mise superba.

L'outfit, una giacca simil-Missoni muilticolor, segmentata, con un mini-colletto, leggermente sbottonata, si abbinava a un paio di occhiali a goccia, i bracciali e gli altri gioielli etno-chic e i capelli ancora lunghi prima della rivoluzione Castro Clone.

Come riporta CR Fashion Book, questo è uno dei momenti stilistici più affascinanti degli anni '70: cosmopolita, libero, con il crochet che rappresenta perfettamente l'epoca hippie, piena di ideali.

Il trench (che sembra una vestaglia) allacciato in vita è un momento di sublime bellezza, a contatto con la cultura di un popolo orientale.

8 - Bowiano: la tutina glitterata

Con gli anni '70 non saliva solo la febbre del sabato sera, ma anche l'impellente necessità di sperimentare, scioccare, aggredire il palcoscenico con una nuova immagine di sé. Le grandi rock star non avevano paura di trasformarsi e neppure Freddie Mercury, che come David Bowie aveva sviluppato l'ossessione per le jumpsuit. Tra le più famose ricordiamo quella glitterata, indossata da Freddie nel 1977 al Madison Square Garden di New York City.

Completamente scintillante e paillettata, con una profonda scollatura a U che mostrava i peli del petto, la jumpsuit di Freddie è letteralmente passata alla storia. Rivoluzionario, eclettico, Freddie non aveva mai paura di splendere.

La tuta metteva in risalto il fisico longilineo, e il cantante aveva deciso di indossarla senza scarpe - in pieno stile 70s - con la zazzera accorciata e leggermente arruffata.

7 - La giubba da ufficiale (rivisitata)

Freddie Mercury amava rimescolare i codici stilistici. Gli piaceva giocare con i simboli dell'immaginario, e non aveva paura di ribaltarli.

Nel 1985, alla Royal Albert Hall di Londra, il cantante è apparso in scatti memorabili in compagnia dell'attrice Jane Seymour. La "strana coppia" aveva presenziato all'evento Fashion Aid, una serata benefica i cui fondi sarebbero stati destinati all'Etiopia.

Lei era in abito da sposa (kitsch e molto Eighties, con tanto di maxi-corona di fiori freschi) e lui indossava una divisa da militare... ma sbottonata e senza camicia!

Gli scatti di quella sera (i due hanno posato anche con Boy George che aveva il volto dipinto di bianco) sono passati alla storia.

A colpire era proprio la disinvoltura di Freddie, con cui passava da un look genderless a un caposaldo della virilità, ma riscritto secondo la propria incontenibile personalità.

6 - Il diavolo (che non veste Prada ma ha mille occhi)

Qualcuno ha definito questo look un antenato de Il diavolo veste Prada. Freddie non teme i simboli, e soprattutto non teme di giocarci, stravolgendoli e sdrammatizzandoli.

Questa mise, indossata nel video di It's a Hard Life, inserisce fiamme, piume, occhi e un profondo rosso. Il videoclip si diverte a ricontestualizzare i membri dei Queen in un’epoca elisabettiana, con tanto di usi e costumi. Quello di Freddie è stato definito dagli stessi Queen “l'abito del gambero mediterraneo gigante".

Con gambali dotati di lingue dorate e un mantello esoso di piume, Freddie è pronto a rubare l'anima. Gli occhi (che invece oggi ricordano The Handmaid's Tale) sono ovunque, spiano e catturano qualunque cosa.

5 - Tuta a rombi

Le illusioni ottiche negli anni '70 si erano letteralmente impossessate degli outfit, piegandoli alle leggi della percezione oculare.

Freddie Mercury non ha fatto eccezione e la sua tuta a rombi black & white, che ricorda un po' la maschera di Arlecchino, è tuttora iconica e intramontabile. 

Era il 1977 e Freddie era a Houston, in Texas. Qualcuno vedendolo esibirsi in questo outfit l'ha paragonato ad Harley Queen, qualcun altro a Bowie, qualcun altro ancora a una figura magnetica, intrappolata tra i giochi optical del black & white. La tuta aderente metteva in rilievo il fisico longilineo e nervoso di Freddie, che sembrava una creatura di celluloide, elastica e spiritata.

4 - Canotta bianca e Adidas

Questo non è un look estroso, fuori dagli schemi, che punta a scioccare o sbalordire. Con gli anni '80 Freddie ripone gli eccessi nell'armadio e abbandona le vibrazioni Seventies al comparto della nostalgia.

La performance al Live Aid del 13 luglio 1985 - che coincide con il lungo ed emozionante finale del biopic - mostra un Freddie diverso, nuovo, con un look completamente sporty, deciso, masculine. Canotta bianca (tanto iconica quanto semplice), jeans con cintura nera e un paio di sneaker Adidas, il frontman dei Queen era pronto a scrivere la storia.

E l'estetica athleisure mostrata sul palco, insieme agli altri componenti della band, è uno dei trend modaioli del 2019. 

Il momento, da brividi, torna nel film Bohemian Rhapsody con un convincente Rami Malek, una fotocopia di Mercury nella performance.

Una delle scene finali di Bohemian RhapsodyHD20th Century Fox
Rami Malek nei panni di Mercury

3 - Giacchino piumato

Freddie Mercury amava lo sporty, i colori e le giacche slacciate. Questo look sfoggiato a Oakland, per il concerto del 7 settembre 1982, lo associa idealmente a un curioso uccello esotico, con piume dai mille colori. Il frontman ha optato per un bolero ricoperto da strisce di tessuto colorato e piumato, ovviamente aperto sul petto e abbinato a un paio di pantaloni della tuta con striscia rossa laterale.

Era l'Hot Space Tour e Freddie infiammava i primi anni '80 con look assolutamente fuori dagli schemi, da palcoscenico, perfetti per imprimere un segno eterno sull'immaginario collettivo.

Capelli corti e baffi completavano il look del nuovo Freddie, che aggrediva il nuovo decennio con carisma ed energia.

Ovviamente sul palco Freddie era pronto a sfilarsi il giacchino arcobaleno per mostrarsi a torso nudo, con i pantaloni bianchi e rossi e un polsino da tennista.

2 - Giacca gialla

Molti, pensando a Freddie Mercury, se lo immaginano con addosso la giacca giallo zafferano. Non è solo uno dei look più celebri del frontman ma di tutta la storia del rock. 

Il look, sfoggiato nel 1986 durante il Magic Tour, era stato progettato dalla stilista e costumista di fiducia, Diana Moseley.

L'outfit, in total leather, in stile militare, era abbinato a un paio di pantaloni bianchi e sportivi, in perfetto stile Freddie, a una canotta bianca e ovviamente a un paio di sneaker Adidas.

Freddie Mercury indossa spesso la giacca gialla nelle raffigurazioni iconiche, nei disegni o nelle foto iconiche dei Queen. Anche al museo delle cere Madame Tussauds di Amsterdam il cantante porta la celebre giacca gialla.

I fan possono trovarne un modello identico su Amazon.

Giacca gialla pelle simil-Freddie MercuryAmazon
La giacca gialla di Freddie

1 - Re

L'autoreferenzialità è sempre stata tra i capisaldi stilistici di Freddie Mercury. Il frontman ha sfoggiato una carrellata di look personali, d'impatto, indimenticabili.

E non ha mai avuto paura di essere sé stesso sul palco, autocelebrandosi come vero e proprio "king", re della musica, dell'immaginario, delle narrazioni rockettare che regalava ai suoi fan con le spettacolari performance dei Queen.

Ecco perché uno dei look più popolari di Freddie lo svela vestito da re, un re sui generis, sporty, Eighties, con il mantello da Giovanni re d'Inghilterra e le scarpe da ginnastica.

Anche la commistione di stili, tra regale e sportivo, formale e bizzarro, è uno dei tratti forti dell'estetica di Freddie e della band dei Queen.

L'imponente mantello rosso, la gigantesca corona da film di Walt Disney e il mantello drappeggiato facevano da contraltare al petto scoperto, i pantaloni bianchi sportivi, il polsino metallico e le irrinunciabili sneaker Adidas.

Vestito da re postmoderno, Freddie, per una notte, ha regnato su Londra: era il 1986. A uno come lui, la corona non cade mai.

In Bohemian Rhapsody abbiamo modo di riscoprire Freddie e tutti i suoi splendori stilistici.

Bohemian Rhapsody (2018)

Data uscita in Italia: 29 novembre 2018 voto 6,5
  • Titolo originale: Bohemian Rhapsody

  • Genere: Biografico, Drammatico

  • Nazione: Regno Unito, Stati Uniti d'America

  • Regista: Bryan Singer, Dexter Fletcher

  • Durata: 134 min

  • Cast: Rami Malek, Lucy Boynton, Gwilym Lee, Ben Hardy, Joseph Mazzello, Aidan Gillen, Allen Leech, Tom Hollander, Mike Myers, Aaron McCusker, ...

Che ne pensate? Qual è il vostro look preferito del mito dei Queen?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.