Point Break: 20 curiosità sul film (e sullo stunt tra i più pericolosi della storia del cinema)

di - | aggiornato

I lanci da scavezzacollo di Patrick Swayze, gli omaggi di attori e cantanti nostrani, i Doors e i Red Hot: 20 curiosità su Point Break - Punto di rottura.

Patrick Swayze e Keanu Reeves in uno scatto dal set Largo Entertainment

30 condivisioni 0 commenti

Condividi

27 banche in tre anni. Arrivano e se ne vanno in 90 secondi, indossando le maschere di Jimmy Carter, Richard Nixon, Ronald Reagan e Lyndon Johnson. In pratica dei fantasmi, che appaiono e svaniscono in men che non si dica. L'anziano detective del LAPD, Angelo Pappas, ha una sua teoria sulla banda degli ex Presidenti: sono surfisti che finanziano la loro estate "senza fine" attraverso le rapine.

Point Break - Punto di rottura è un classico dell'azione hollywoodiana anni '90, un film che mette in relazione due mondi opposti, il surf e le forze dell'ordine. Spiriti liberi in lotta con gli imperativi della società, con le regole stabilite dalla legge. Aspettando sempre l'onda perfetta da cavalcare, è ovvio.

Inseguimenti mozzafiato in macchina e a piedi, football sulla spiaggia, lanci col paracadute, scazzottate, sparatorie: la pellicola diretta da Kathryn Bigelow è a tutti gli effetti un film sulla dipendenza, in cui la droga è l'adrenalina, di cui i protagonisti hanno un disperato bisogno. 

Sulla tavola tra le onde

Point Break popone una visione del surf come stato mentale ("dove prima ti ci perdi e poi ti ritrovi") libero da convenzioni e regole, uno spazio metafisico che sembra accogliere chiunque ripudi il sistema e allo stesso tempo sia attratto dalla personalità magnetica di Bodhi, guru spirituale della banda degli ex Presidenti. Chioma bionda fluente, fisico scolpito, spirito ribelle: a dare un volto al leader dei malviventi troviamo Patrick Swayze, all'epoca divo all'apice del successo (reduce dal drammatico Ghost).

A sbarrargli la strada c'è invece un novellino dell'FBI, l'ambizioso e tenace Johnny Utah di Keanu Reeves, che nel '91 più che la grande onda inseguiva il successo, che puntualmente arrivò proprio grazie alla Bigelow.

Cosa rende Point Break un film di culto? Sicuramente il suo approccio all'azione, con quegli inseguimenti tra vicoli e stradine ripresi in modo convulso, forsennato, con la macchina da presa in spalla. Le maschere e il colpo iniziale ironizzano sulla politica statunitense, i momenti snervanti delle rapine anticipano i colpi a effetto di Michael Mann e del suo Heat - La sfida, la genialità del concept consiste nell'unire i mondi immaginari di Baywatch e Un mercoledì da leoni al crime (un qualcosa di simile avverrà un decennio dopo con Fast and Furious, che trarrà ispirazione da una pellicola dimenticata degli anni '80, La fine del gioco).

Point Break - Punto di rottura, le 20 curiosità sul film

Patrick Swayze e Keanu Reeves in una scena di Point Break - Punto di rotturaHDLargo Entertainment
  1. Patrick Swayze era un amante del paracadutismo. L'attore, contro la volontà dei produttori, realizzò personalmente le scene di skydive per un totale di cinquantacinque lanci. L'attore non si servì di alcuna controfigura per le scene mozzafiato ad alta quota. È lui stesso a ribadirlo nei contenuti speciali inseriti nell'edizione Home Video di Point Break. Quando Bodhi urla "Adios amigo!" gettandosi dall'aereo, è proprio Swayze ad eseguire il lancio. Tant'è che non vi è alcuno stacco nell'inquadratura. Come Tom Cruise, prima di Tom Cruise.
  2. Johnny Utah, nel film, diventa un agente dell'FBI dopo che un infortunio al ginocchio mette fine alla sua carriera nel football americano. Nella realtà, Keanu Reeves era una promessa dell'hockey. Un infortunio al ginocchio, però, lo costrinse a dire addio alla carriera sportiva (proprio come Utah). Non tutti i mali vengono per nuocere...
  3. Il film venne inizialmente intitolato Johnny Utah ma i produttori non ravvisavano alcuna attinenza col surf. Quando venne ingaggiato Patrick Swayze, il film fu ribattezzato Riders on the Storm per via della famosa canzone di The Doors. Tuttavia, anche questo titolo non aveva nulla a che fare con quanto raccontato nel film, e venne accantonato. A metà delle riprese venne scelto definitivamente Point Break.
  4. Due mesi prima delle riprese, Keanu Reeves, Patrick Swayze e Lori Petty si allenarono sulla tavola con l'ex surfista professionista Dennis Jarvis a Kauai, nelle Hawaii. Ecco cosa ha rivelato in proposito la stella del surf: "Patrick mi disse che aveva surfato un paio di volte, Keanu non aveva mai visto una tavola in vita sua e Lori non era mai stata nell'oceano prima di allora". Patrick Swayze si ruppe quattro costole durante le riprese delle scene di surf.
  5. A Matthew Broderick fu inizialmente offerto il ruolo di Johnny Utah. Anche Johnny Depp e Charlie Sheen fecero un provino per il film. Val Kilmer, invece, sostenne l'audizione per il ruolo di Johnny Utah prima di essere scelto per la parte di Bodhi.
  6. Anthony Kiedis, frontman dei Red Hot Chili Peppers, ha un cameo nel film: è uno dei malviventi di una banda che Utah fa arrestare (dopo una scazzottata in spiaggia e un conflitto a fuoco).
  7. Non è Patrick Swayze quello che indossa la maschera Reagan durante la sequenza dell'inseguimento a piedi, bensì lo stuntman Scott Wilder. Il motivo? Swayze era in Europa per il tour promozionale di Ghost - Fantasma.
  8. Una scena di Point Break - Punto di rotturaHDLargo Entertainment
    20th Century Fox progettò un sequel di Point Break che sarebbe dovuto uscire nell'estate del 1993. Nonostante una sceneggiatura già realizzata e gli ottimi incassi del primo film, l'idea venne poi scartata. Si pensò ad un sequel anche nei primi anni Duemila ma le condizioni di salute di Swayze e la sua successiva scomparsa chiusero definitivamente le porte ad un seguito.
  9. Durante la scena della grande tempesta in Australia alla fine del film, le acrobazie di Bodhi sulla tavola vennero eseguite dal professionista Darrick Doerner.
  10. Un elevato numero di spettatori pensa che Fast and Furious (2001) sia un remake di Point Break.
  11. Le maschere degli ex presidenti sono quelle di Jimmy Carter, Richard Nixon, Ronald Reagan e Lyndon Johnson.
  12. Ridley Scott fu la prima scelta per la regia. L'autore di Alien e Blade Runner preferì però dirigere Thelma & Louise.
  13. L'ultima cosa che Johnny Utah dice a Bodhi è "Vaya con Dios".
  14. Per restituire il mood ipercinetico della scena dell'inseguimento a piedi, Kathryn Bigelow e la sua troupe utilizzarono quella che ribattezzarono la "pogo-cam", una macchina da presa installata su un'imbracatura indossata da un cameraman che (in)seguiva da vicino gli attori.
  15. L'auto che guida Utah è una Ford Mustang Mach 1 del 1970.
  16. James Cameron, produttore del film, ha confessato alla fine del suo commento negli extra di Terminator 2: Il giorno del giudizio che Bodhi si è suicidato alla fine di questo film.
  17. Il rapper romano Piotta, realizzando il videoclip de "La grande onda", ha voluto omaggiare Point Break. Nel video, il cantante impersona il ruolo che fu di Reeves, mentre i banditi indossano le maschere dei politici nostrani, da D'Alema a Berlusconi.
  18. Lo sceneggiatore W. Peter Iliff si è ispirato al nome del quarterback della NFL Joe Montana per quello di Johnny Utah.
  19. Per recuperare la preziosa scultura di legno finita nelle mani di alcuni operai marocchini, Aldo, Giovanni e Giacomo, assieme a Marina Massironi, indossano le maschere di alcuni ex presidenti italiani (Pertini, Cossiga, Scalfaro e Iotti) nella commedia Tre uomini e una gamba.
  20. Gary Busey, star di Arma Letale che qui impersona il veterano agente Angelo Pappas, aveva già vissuto da vicino il surf sul grande schermo col cult Un mercoledì da leoni.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.