FOX

Cyrano mon amour, il film che celebra la famosa opera di Edmond Rostand

di - | aggiornato

Il 18 aprile arriva nelle sale italiane la commedia dedicata a una delle opere teatrali francesi più amate di sempre, il Cyrano de Bergerac.

9 condivisioni 0 commenti

Condividi

Chi adora il teatro non vedrà l’ora di conoscere la storia di Cyrano mon amour, la divertente commedia francese, diretta da Alexis Michalik, dedicata al Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand.

Il film - in arrivo al cinema dal 18 aprile - è un'irresistibile ode al teatro, agli autori e agli attori che dal palcoscenico incantano il pubblico con il loro magico talento. Ambientato nel 1897, il film (tratto dallo spettacolo teatrale Edmond, uno dei più grandi successi in Francia) racconta di come Edmond Rostand, giovane drammaturgo dal talento geniale, abbia trovato l’ispirazione per scrivere uno dei drammi più famosi di sempre.

L'attore Olivier Gourmet in una scena del film Cyrano mon amourHDOfficine UBU

Trama del film

Dicembre 1897, Parigi. Edmond Rostand (Thomas Solivérès) è un giovane drammaturgo di talento, ma piuttosto sfortunato. Afflitto dal blocco dello scrittore e amareggiato dai continui flop delle sue opere, il ragazzo tenta un’ultima occasione presentandosi al cospetto del più celebre attore del momento, Constant Coquelin (Olivier Gourmet).

L’attore insiste nel voler recitare nella sua prossima commedia e vorrebbe farla debuttare in sole tre settimane. C’è però un piccolo problema: Rostand non ha ancora scritto una sola parola.

Ispirato dalle pene amorose del suo migliore amico, l’autore inizia a scrivere la nuova commedia, la storia di un poeta e spadaccino innamorato della bella cugina Rossana. Cyrano, questo il suo nome, non osa confessare il suo amore, imbarazzato dal suo naso mastodontico. Rossana ama Cristiano, giovane cadetto bello ma non abile con le parole. Sarà infatti Cyrano a suggerirgli le frasi seducenti che conquisteranno la ragazza.

Romantico e ironico, Cyrano de Bergerac è una delle opere teatrali francesi più amate di sempre, capace di entusiasmare (anche dopo 122 anni) critica e pubblico. Fra poco anche al cinema.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.