FOX

Bohemian Rhapsody in Blu-ray e DVD: la recensione

di - | aggiornato

La recensione del Blu-ray e del DVD di Bohemian Rhapsody. A colpire è la sezione degli extra dedicata al Live Aid, lo storico concerto del 1985.

16 condivisioni 0 commenti

Condividi

È stato il film più chiacchierato dello scorso anno, la cui eco si è protratta fino alla notte degli Oscar di qualche settimana fa. Al di là di ogni giudizio critico (che rimandiamo alla recensione del film), l'acclamato Bohemian Rhapsody ha avuto il merito di riportare in auge il mito dei Queen, forse un po' dimenticato negli ultimi tempi. 

La pellicola diretta da Bryan Singer - nomen omen, il suo - ha celebrato degnamente un'icona del rock come Freddie Mercury, impersonato  "tra palco e realtà" dall'attore Rami Malek, già star della serie TV Mr. Robot. E se il racconto forse un po' troppo romanzato e lacunoso della storia di una delle rockband più amate (e del suo frontman scomparso prematuramente a causa dell'AIDS) ha fatto storcere il naso ai vecchi fan dei Queen, Bohemian Rhapsody ha avuto il merito di avvicinare le nuove generazioni alle star degli anni '70 e '80 e ad un sound mantenuto vivo al giorno d'oggi (poco) da TV e vendite di dischi e (tanto) da piattaforme quali YouTube.

L'uscita Home Video del film che racconta la parabola di Freddie Mercury consente allo spettatore di rivivere da casa le fasi salienti della vita del cantante e della band di cui è stato leader indiscusso assieme al chitarrista "fai da te" Brian May, al batterista Roger Taylor e al bassista John Deacon. Vediamo allora da vicino le peculiarità del formato Blu-ray di Bohemian Rhapsody.

Bohemian Rhapsody, la recensione del Blu-ray e del DVD

Rami Malek è Freddie Mercury nel filmHD20th Century Fox

Bohemian Rhapsody è soprattutto la celebrazione di un momento in cui piccola e grande storia si fondono: da una parte il Live Aid voluto a tutti i costi dall'attivista Bob Geldof "per sfamare" quella fetta di mondo martoriata da miseria e carestie, dall'altro il crocevia artistico e personale di una band che viveva all'epoca un momento di incertezza. Ed è proprio in quella leggendaria esibizione durata 20 minuti che i Queen ritrovarono la coesione perduta, salendo successivamente in vetta alle classifiche mondiali con l'album A Kind of Magic e scrivendo pagine memorabili della live performance con il Magic Tour, l'ultimo a vedere Freddie salire sul palco (accadde il 9 agosto 1986 a Knebworth Park davanti ad una folla di 120mila persone).

Il Live Aid è dunque il climax di un biopic che narra l'ascesa di una band, le sue pause, i contrasti fra i membri, fino alla resurrezione, mediatica e melodica al tempo stesso, con lo scettro nuovamente conquistato prima dell'inevitabile sipario, calato in modo drammatico nel '91 con la pubblicazione dell'ultimo album della band, Innuendo, e con le voci sempre più insistenti sulla malattia di Mercury, fino alla scomparsa del cantante, avvenuta il 24 novembre di quell'anno. 

Perché è così interessante il Live Aid? Perché il film di Singer è riuscito nell'impresa di catturare un preciso momento storico-musicale, fermando il tempo con una rielaborazione della performance dei Queen che ha dell'incredibile, sia per replica di gestualità dei cantanti che per cura dei dettagli. E l'esibizione allo stadio di Wembley è un fiore all'occhiello del Blu-ray di Bohemian Rhapsody. Vediamo perché.

Contenuti Extra

Il formato Blu-ray di Bohemian Rhapsody20th Century Fox Home Entertainment Italia
  • L'inedita versione integrale dell'esibizione dei Queen al Live Aid
  • Rami Malek: Impersonare Freddie
  • Il look e il sound dei Queen
  • Ricreare il Live Aid

Chi ha visto Bohemian Rhapsody al cinema non ha potuto godere dell'esibizione integrale di Malek e soci a Wembley. Ora, grazie ai "Contenuti speciali" del Blu-ray, potrà farlo: il "full Live Aid" segue la scaletta della performance originale dei Queen del 1985: inizia con "Bohemian Rhapsody"" eseguita al piano da Freddie, prosegue con il battito sincronizzato di "Radio Ga Ga" e l'energica "Hammer To Fall". Poi ecco "Crazy Little Thing Called Love" e l'iconica e tambureggiante "We Will Rock You". A chiudere, naturalmente, "We Are The Champions". L'inedita versione integrale del Live Aid è l'unico contenuto speciale presente nel formato DVD. 

Negli extra del Blu-ray, oltre a poter gustare l'intera elaborata sequenza di 21 minuti, si fa luce su come il Live Aid sia tornato in vita. Lo speciale Ricreare il Live Aid offre molti aneddoti sul processo realizzativo di una sequenza a dir poco complessa, girata - un vero e proprio azzardo - nella prima settimana di riprese del film, col set costruito in un aerodromo nei dintorni di Londra. Gli aneddoti vanno dalla piattaforma costruita dalla stessa ditta che realizzò l'originale a 5,5 metri di altezza (la stessa artefice del vero palco del Live Aid) all'utilizzo nelle scene chitarra originale di Brian May. 

Interessante poi l'illustrazione dell'iter creativo del reparto addetto all'effettistica: un processo a dir poco articolato, quello di elaborazione digitale del mitico Wembley Stadium (demolito nel 2003) e della folla del Live Aid, realizzata attraverso una tecnica chiamata "spriting" (consistente nel riprendere individualmente persone reali coi vestiti di scena sul green screen e poi ritagliare la loro silhouette. Le comparse vengono riprese da sei differenti telecamere, il che permette di raggiungere una tridimensionalità dell'immagine, riprendendo la folla da qualsiasi angolazione).

Il resto degli extra mostra la sfida accettata da Malek (impersonare un leader carismatico ed eccentrico come Freddie Mercury, replicarne la gestualità e carpirne lo spirito) e ci proietta nel mondo dei Queen, icone di stile e massime espressioni del glam hard rock.

Audio e Video

Il DVD di Bohemian Rhapsody20th Century Fox Home Entertainment Italia

L'audio, in un film del genere, è di fondamentale importanza: nella versione italiana del Blu-ray è presente un DTS 5.1, a differenza della traccia originale, che può contare invece su un DTS 7.1 (e del 4K, che offre Il Dolby Atmos). Ciò nonostante, l'audio risulta davvero godibile, sia nelle parti dialogate che durante le esibizioni della band: pulito, dinamico, con un ottimo livello dei bassi.

Per quanto riguarda il DVD, ci si deve accontentare di un master Dolby Digital 5.1 (anche nella versione originale), il che penalizza soprattutto l'ampiezza del sonoro nelle parti musicali del film diretto da Bryan Singer.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.