FOX

Addio a Google+ e Inbox, ma chi ne sentirà la mancanza?

di - | aggiornato

Google chiude due servizi che non hanno raggiunto i risultati prefissati. Addio dunque alla piattaforma social Google+ e al client email Inbox.

Il logo di Google+ strappato Shutterstock

32 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il triste momento, ma nemmeno poi tanto, è giunto: Google+ chiude ufficialmente i battenti. Il colosso tech ha già iniziato a cancellare gli account degli utenti iscritti alla sua piattaforma, mettendo dunque fine al tentativo di competere con Facebook e Twitter.

Il social network non ha mai raggiunto i risultati sperati: pochi gli utenti iscritti così come quelli attivi. Ma a differenza di quanto si possa pensare, la decisione definitiva è stata presa solo dopo la scoperta di un bug che ha messo in pericolo i dati di 500mila utenti tra il 2015 e marzo 2018. La vulnerabilità ha spalancato le porte dei profili degli utenti, consentendo l'accesso anche a foto private, informazioni personali e così via.

Di seguito le parole di Ben Smith di Google, estrapolate dal comunicato stampa dell'azienda pubblicato a ottobre dello scorso anno:

La revisione ha posto l'attenzione sulle sfide nella creazione e nel mantenimento di un Google+ che vada incontro alle aspettative dei consumatori. Considerato ciò e lo scarso utilizzo della versione consumer di Google+, abbiamo deciso di chiudere questa versione del social network.

Prima della definitiva cancellazione, Google aveva anche obbligato la creazione di un account Google+ per commentare video su YouTube o utilizzare altri suoi servizi, come Gmail. Una decisione quanto mai infelice, che ha incrementato a dismisura il malumore degli utenti.

Wolverine piange la scomparsa di Google+ e InboxHDSmartWorld

Nel frattempo, Google ha chiuso anche Inbox, un client email apprezzato da una fetta di utenti perché ricco di funzionalità. Big G ha però deciso di puntare tutto su Gmail, che in occasione dei suoi primi 15 anni di vita si è aggiornato con nuove gesture su smartphone e, soprattutto, la possibilità di programmare l'invio di una email.

Chi sentirà la mancanza di Google+ e Inbox? Probabilmente nessuno...

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.