FoxCrime

Nuove accuse di Amber Heard a Johnny Depp: 'Minacciò di uccidermi'

di - | aggiornato

La lotta legale tra Johnny Depp e Amber Heard continua. L'attrice ha aggiunto ulteriori dettagli alle accuse contro l'ex marito.

Amber Heard e Johnny Depp quando erano una coppia Getty Images

10 condivisioni 0 commenti

Condividi

Sono emersi nuovi dettagli sulla faida tra Amber Heard e Johnny Depp, riportati nel dettaglio da Page Six. L'attrice di Aquaman ha raccontato di aver subito abusi per anni nel periodo in cui lei e Depp sono stati insieme, dal 2012 al 2016. E ora ha presentato nuovi documenti processuali in risposta alla causa per diffamazione da 50 milioni che Depp ha intentato contro di lei.

La Heard ha spesse volte utilizzato il termine "mostro" per riferirsi all'ex marito, sposato nel 2015, ricordando la violenza che mostrava inebriato dall'alcol.

Secondo la Heard, Depp non ricorderebbe gli abusi proprio perché troppo ubriaco a quel tempo.

L'attrice ha però fornito la sua dettagliata versione dei fatti, affermando che nel maggio del 2014, durante un viaggio su un jet privato, Depp, completamente ebbro, avrebbe iniziato a gettare oggetti contro di lei, l'avrebbe insultata e presa a calci, facendole tanto male da farla svenire. La Heard avrebbe trascorso il resto del volo in bagno, priva di sensi. Sempre secondo quanto riportato dall'attrice, le scuse di Depp sarebbero arrivate qualche ora più tardi via SMS. Un assistente dell'attore di Pirati dei Caraibi avrebbe poi inviato un secondo messaggio che recitava: "È un ragazzo che ha bisogno di aiuto".

Nel dicembre del 2015 Depp l'avrebbe addirittura minacciata di morte. L'avrebbe tirata per i capelli e schiaffeggiata per poi urlarle: "Ti uccido, c***o! Mi hai sentito?"

Depp avrebbe poi trascinato la donna sul letto, rompendone addirittura il telaio, e l'avrebbe presa a pugni.

Amber ha commentato con queste parole:

Per un po' di tempo non sono riuscita né a parlare né a respirare. Ero preoccupata, pensavo che Johnny fosse in uno stato mentale di totale inconsapevolezza. Non sapeva cosa stava facendo, non si rendeva conto che avrebbe potuto uccidermi.

Secondo il resoconto della Heard, Depp era spesso soggiogato da droghe e alcol.

Spesso Johnny non ricordava i deliri e i comportamenti volenti causati dall'ubriachezza. Poiché lo amavo, ho creduto alle sue promesse che sarebbe migliorato. Ma mi sbagliavo.

Allo stesso anno risale un secondo incidente. Depp, sotto l'influsso di ecstasy per tre giorni di fila, avrebbe nuovamente usato violenza sulla moglie.

Mi ha detto che non gli avevo proibito di prendere ecstasy. Abbiamo iniziato a litigare e Johnny mi ha schiaffeggiata e spinta a terra prima che io riuscissi a raggiungere la camera da letto e chiudermi dentro a chiave.

Depp sarebbe riuscito a torturarla per tutti e tre i giorni, tanto che l'attrice ha detto:

Porto ancora le cicatrici di quell'incidente su braccia e gambe.

Nel maggio 2016 Johnny Depp le avrebbe lanciato contro un telefono cellulare come fosse una palla da baseball. Sarebbe stata questa la goccia che ha fatto traboccare il vaso: a quel punto Amber Heard ha chiesto il divorzio, ufficializzato solo il 13 gennaio del 2017.

La storia con Depp avrebbe avuto forti conseguenze sulla vita privata e pubblica di Amber, che avrebbe ricevuto minacce dai sostenitori dell''ex marito.

Ho perso una parte in un film per cui ero stata scelta in precedenza. Persone che non avevo mai incontrato o con cui non avevo mai parlato si sono permessi di minacciarmi. Ho ricevuto così tante intimidazioni che ho dovuto cambiare numero di telefono nel giro di un paio di settimane. Molte persone hanno accusato me di aver ferito Johnny. Questa non è la verità. Non l'ho mai attaccato se non per difendermi.

In seguito alle accuse contro l'ex marito, che Depp ha definito infondate, la Heard è stata chiamata in causa per diffamazione. Secondo l'avvocato di Depp, la storia portata ai giudici da Amber sarebbe tutta una menzogna, un piano elaborato per ottenere pubblicità gratuita e fare carriera nello showbiz.

Quale sarà la verità?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.