FOX

Il ragazzo che diventerà re, la recensione: il (bel) cinema per ragazzi al tempo della Brexit

di - | aggiornato

Il ragazzo che diventerà re conferma che, anche all’epoca della Brexit, c’è qualcuno che ha fiducia nel futuro e nelle giovani generazioni: Joe Cornish. La recensione del film.

4 condivisioni 0 commenti

Condividi

Anno 2019. In un Regno Unito più diviso e smarrito che mai, un eroe tornerà dalle nebbie della leggenda, per ispirare un popolo che ha perso la speranza e la fiducia nel futuro. Re Artù. Sembra un incipit incredibile, datato e fuori tempo massimo, ma invece questo rinverdire dell’epica arturiana nei prodotti cinematografici più pop tiene il polso di un’Inghilterra in fortissima crisi identitaria.

È questo il valore del mito: essere sempre uguale a sé stesso eppure mutare, essere senza tempo eppure sempre attuale. L’epica arturiana, gli incantesimi di Merlino e Morgana, l’etica cavalleresca e egalitaria della tavola rotonda e poi lei, Excalibur, la spada nella roccia che si consegna solo al suo legittimo possessore: quella di Artù è la leggenda fondativa del Regno, un’epica cucita e ricucita nell’identità inglese, tanto dalle canzoni medioevali quanto dalla cultura pop e cinematografica.

I quattro giovani protagonisti di Il ragazzo che diventerà reHD20th Century Fox
I cavalieri di Artù rivivono nella gioventù inglese di oggi nel film di Joe Cornish

Non è un caso dunque che a qualche giorno dalla rilettura sovversiva ma sostanzialmente fallimentare di Hellboy, Joe Cornish consegni alle sale un film che rinnova e fa rivivere il mito del ragazzino destinato a divenire re.

Rinnovare il mito e la speranza

C’è una purezza, un’autentica etica cavalleresca in come Il ragazzo che diventerà re è scritto e realizzato. Tanto che a volte il film sembra a sua volta un mito, ripescato dalle spirali del tempo, fuori dal suo scorrere, datato eppure attuale. D'altronde non capita spesso oggigiorno di vedere un film così autenticamente rivolto ai ragazzi, così disinteressato a vendere loro qualcosa, ma concentratissimo nel regalare una storia che li rimette al centro la possibilità di salvare il Regno e il mondo. Il ragazzo che divenne re vuole proclamare forte e chiaro che la speranza è un diritto di tutti.

Il bello è che il film non s’inventa una cornice neutra per ribadire un messaggio etico vuoto e sterilizzato ma anzi, il riferimento al Regno Unito diviso e smarrito di fronte alla Brexit è palese, ancorché mai esplicitato. Il lungometraggio si apre con una veloce carrellata sulle gesta di Artù e dei suoi cavalieri che è di fatto uno splendido corto animato, per poi catapultarci in una Londra che, con un paio di suggestivi tocchi registici, appare grigia, priva di speranza, frammentata e divisa.

Una scena di Il ragazzo che diventerà re con ExcaliburHD20th Century Fox
La signora del Lago fa la sua comparsa in Il ragazzo che diventerà re

Qui vive Alex (Louis Ashbourne Serkis) un ragazzino senza padre, capace di esibire un coraggio esemplare ma restio a credersi l’eroe della sua stessa vita. Il ritrovamento fortuito di Excalibur catapulterà lui, l’amico Bedders e i bulletti della scuola Lance e Kaye in un’epica avventura per salvare il Regno dal ritorno di Morgana (Rebecca Ferguson), risorta più potente che mai nell’Inghilterra smarrita. Ultima della sua stirpe, la maga è convinta di poter regnare di diritti sui pleblei che abitano il Regno Unito, riducendoli in schiavitù. 

Un mito democratico e proletario

La parte tecnica del film è liquidabile in un rapido giro di considerazioni: 8 anni dopo il suo esordio registro con Attack The Block Joe Cornish si conferma un regista talentuoso, accattivante, con una spiccata capacità di sfruttare la regia in maniera creativa e visiva. A mancargli stavolta un po’ è il budget, oltre a un vero talento carismatico come John Boyega che guidi il film, anche se non mi stupirei di vedere da qui a qualche anno Angus Imrie (qui un Merlino davvero british) diventare una nuova rivelazione del cinema inglese.

Il vero limite del ritorno di Cornish sta un po’ nell’incapacità di trasportare i suoi nobili intenti dentro i personaggi. Alex e gli altri si limitano per gran parte del film ad essere dei meri vettori di ciò che si vuole dire, risultando poco caratterizzati e mai davvero “vivi”.

Louis Ashbourne Serkis è il nuovo ArtùHD20th Century Fox
Louis Ashbourne Serkis, il nuovo Artù, è il figlio dell'attore Andy Serkis

Bisogna invece accuratamente rifuggire certe speculazioni che di cinematografico hanno poco secondo cui “i giovani d’oggi” non capiscano o meritino un film capace di replicare una magia perduta quasi quanto Albione: quella del senso di meraviglia, senza secondi fini commerciali, senza mezzi termini. Il ragazzo che diventerà re vivrà o morirà della sua ingenua, pura e sovversiva capacità di credere davvero nel futuro e nella possibilità che le giovani generazioni possano cambiarlo, senza se e senza ma.

Certo gli attori più giovani non sono sempre all’altezza, certo Patrick Stewart e Rebecca Ferguson sono un po’ sprecati, certo non è perfettamente coerente in ogni sua volta e ha dei grossi limiti produttivi, specie nelle scene di battaglia. Ci vuole però del coraggio purissimo ad approcciarsi al mito arturiano dicendo che come la storia è stato scritto dai vincitori, postulando che Excalibur non sia di Artù per diritto di sangue ma per nobiltà d’animo, cancellando il classismo insito nel mito e nell’anima stessa del Regno. È forse il tradimento più ardito, eppure Cornish fa rivivere l’essenza più autentica della storia di Artù: quella sovversiva di un ragazzino che diviene re, davanti a cui si inginocchiano adulti e cavalieri.

Alex è il ragazzo che diventerà reHD20th Century Fox
Excalibur torna ad essere il simbolo del Regno Unito al cinema

Nel 2019 è tempo che questa fiducia nella gioventù si rinnovi, mantenendo i simboli del mito (le armature, le cavalcature, le spade e le magie) ma democratizzandoli. Artù era un umile scudiero, oggi è un ragazzino proletario, così come la Signora del Lago vive ovunque, dai laghi del mito alle vasche da bagno. L'identità dell'Inghilterra non è appannaggio di pochi, è autentica in ogni persona, in ogni film; soprattutto in quelli che si preoccupano di problematizzarla e attualizzarla. 

Si perdona volentieri qualche ingenuità a Joe Cornish, perché il suo cinema è puro negli intenti e pieno di talento. Anche se con qualche passo falso, suggerisce la strada giusta: lo spirito di Albione è ancora lì dove è sempre stato. Bisogna solo ripulirlo dall’interpretazione elitaria ed esclusiva che ne hanno dato gli autoproclamatisi vincitori.

Il ragazzo che diventerà re arriverà nelle sale italiane a partire dal 18 aprile 2019.

Voto7/10

Un film dedicato ai ragazzi, nobile negli intenti, ancorché un po’ ingenuo nella realizzazione, è una perla rara nel panorama cinematografico attuale. Cornish è un talento che merita visibilità.

Elisa Giudici

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.