FoxCrime

Quasimodo abbraccia Notre Dame e il Teatro La Fenice ricorda che dalle ceneri si risorge

di - | aggiornato

Grande solidarietà ai francesi per l'incendio di Notre Dame: tantissimi i messaggi sui social e diverse anche le donazioni per la ricostruzione già annunciata.

9 condivisioni 0 commenti

Condividi

Il terribile incendio che ha devastato Notre Dame è stato domato. Dopo ore di lavoro, i pompieri sono riusciti a spegnere le fiamme che hanno distrutto la grande guglia e due terzi del tetto. Al momento sono ancora in corso le verifiche per appurare la stabilità della struttura. Probabilmente, l’entità reale dei danni subiti dalla Cattedrale simbolo di Parigi sarà resa nota solo nella giornata di oggi (martedì 16 aprile).

L’incendio è divampato lunedì 15 aprile intorno alle 19:00, mentre all’interno si stava celebrando la messa. La Procura di Parigi ha già aperto un’inchiesta per capire se la causa è riconducibile ai lavori di restauro, anche se quando si è sviluppato l’incendio non c’erano operai sul tetto.

Le responsabilità del disastro sono quindi ancora sconosciute. Nel frattempo, i francesi raccolgono la solidarietà internazionale per l’accaduto. Il Teatro la Fenice, devastato da un terribile incendio doloso nella notte del 29 gennaio 1996, ricorda con un tweet che dalle ceneri si può risorgere. La Fenice, infatti, ha iniziato una vera e propria seconda vita nel dicembre del 2003, con un concerto inaugurale della nuova struttura affidato alla direzione del maestro Riccardo Muti.

Tanti i messaggi da personalità politiche e artistiche come quello di Cristina Correa Freile. L’artista ha realizzato un disegno con il gobbo di Notre Dame Quasimodo che abbraccia la sua Cattedrale. 

View this post on Instagram

💔 . . #notredame

A post shared by Cristina Correa Freile (@dibujosdecristina) on

Lo stesso presidente Emmanuel Macron ha dichiarato su Twitter tutta la sua tristezza nel veder bruciare un pezzo della storia francese:

La nostra signora di Parigi in fiamme. Emozione di una nazione intera. Pensieri rivolti a tutti i cattolici e a tutti i francesi. Come tutti i miei compatrioti, sono triste stasera nel vedere questa parte di noi che brucia.

Il Presidente ha comunque promesso che la Cattedrale sarà ricostruita. Al momento sono già arrivate due ingenti donazioni. La multinazionale LVMH (Dior, Bulgari e Louis Vitton) ha dichiarato che devolverà 200 milioni di euro per la ricostruzione, mentre il gruppo della Famiglia Pinault (Gucci, Yves Saint Laurent, Balenciaga) ha annunciato una donazione di 100 milioni di euro. Intanto, un giornalista di Le Monde ha rivelato che il famoso rosone Rose du Midi, capolavoro del 1260, sembrerebbe integro.

Vedere bruciare un monumento della cultura mondiale, non solo francese, stringe il cuore. Speriamo in una pronta ricostruzione.

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.